Dhigurah, Maldive per tutti!

in viaggio con martyna193 in Maldive

torna alla mappa
Dhigurah, Maldive per tutti!

DHIGURAH, l’isola perfetta
Dopo vent’anni di assidue frequentazioni alle isole Maldive, abbiamo trovato il giusto compromesso tra la vacanza confortevole e il costo contenuto.
Sto parlando di Dhigurah, che non è un’isola-resort come quelle classiche da catalogo patinato, ma un’isola autentica abitata dai maldiviani.
Abbiamo conosciuto circa due anni fa Naushad, un giovane maldiviano di professione divemaster, il quale, dopo aver fatto una lunga esperienza nei diving di diverse isole, ha preso la decisione di intraprendere una sua attività autonoma aprendo proprio a Dhigurah, nella sua isola, un centro immersioni appoggiato ad un mini resort, il Shairose, un altro progetto sorto da poco sull’isola.
Naushad, assieme ad un gruppo di giovani maldiviani, tutti residenti a Dhigurah, ha creduto fin dall’inizio in questo progetto che nasce con la chiara intenzione di sviluppare un business per l’intera isola ospitando i turisti al resort e offrendo loro, sia una sistemazione alberghiera di buon livello, sia i servizi del centro diving completamente attrezzato per le immersioni e per lo snorkeling.
Così questa piccola struttura alberghiera assieme al centro diving da ambizioso obiettivo, diventano una realtà il 15 dicembre 2012 ed entrambe entrano a far parte di un progetto di sviluppo dell’economia dell’isola, altrimenti basata, quasi unicamente, sulla pesca.
Sull’isola di Dhigurah sono seicento i residenti di cui una parte, circa duecento persone, sono impiegate nei resort di altre isole dove si trasferiscono per lavori vari che li tengono occupati per la maggior parte dell’anno.
Ci troviamo nel margine sud dell’atollo di Ari dove l’isola di Dhigurah si sviluppa in un territorio lungo e stretto.
Nella parte più ampia dell’isola sorge il suo grazioso centro residenziale costituito da piccole case, alcune delle quali, le più vecchie, costruite con  blocchi di corallo, mentre quelle più recenti sono in materiale laterizio; il centro è attiguo al nuovo porto, recentemente ricostruito dopo che lo tzunami ha distrutto il precedente.
La parte che va via via restringendosi fino a creare una punta, è deserta e separa la laguna dall’oceano aperto, lasciando scoperte due ampie fasce di spiaggia di sabbia bianchissima lunghe circa tre kilometri e mezzo.
Pertanto a Dhigurah le lunghe passeggiate sono assicurate, così come la privacy, dal momento che i turisti sono per ora pochissimi.’ possibile arrivando fino alla punta dell’isola con la bassa marea, camminare su una lunga lingua di sabbia, attraversare la piccola pass che collega la laguna con il mare aperto e arrivare all’isola attigua dove sorge il Lux, un resort a cinque stelle con quattrocento posti letto.
Il Shairose consiste in una moderna costruzione a due piani con, in totale, otto spaziose camere climatizzate con arredamento contemporaneo molto confortevole e hanno tutte il bagno con doccia con acqua calda.
Poi c’è l’annesso ristorante, bar, reception e giardino attrezzato con tavoli, sedie ed ombrelloni.
Il mare è a pochi passi dal resort, basta solo attraversare unboschetto di palme e si giunge alla spiaggia che è sempre soleggiata e in posizione ovest, così da offrire spettacolari tramonti sul mare.
Trascorriamo le nostre giornate a  Dhigurah in maniera piacevole tra una nuotata in un mare fantastico, lunghe passeggiate sulla spiaggia e un’immersione con il nostro amico Naushad.
Il tardo pomeriggio poi si presta per un giretto nel centro abitato di Dhigurah per fare qualche acquisto nei negozi di souvenir e scambiare quattro chiacchiere con i locali che si dimostrano in ogni situazione sempre molto accoglienti, garbati e dotati della cortesia che contraddistingue il popolo maldiviano.
Tutti all’isola hanno accettato che i turisti possano risiedere a Dhigurah, situazione, questa, impensabile fino a qualche tempo fa; questo oggi è possibile, purchè, da parte dei turisti, vengano rispettate alcune piccole regole derivanti dalle consuetudini dei locali, come ad esempio, non girare in costume da bagno fuori dalla spiaggia.
Colazione, pranzo e cena vengono serviti ai tavoli del ristorante del Shairose dal cordialissimo personale addetto e, qualche sera, la cena viene organizzata sulla spiaggia al lume di candela, situazione, questa, molto gradevole e suggestiva. pochi ospiti al Shairose vengono coccolati e trattati con le migliori cure possibili.
Le stanze vengono pulite e riordinate due volte al giorno con biancheria sempre nuova e fiori freschi sul letto.
Le attenzioni particolari verso l’ospite e le dimensioni contenute del resort, fanno di Dhigurah un luogo da sogno per trascorrere una vacanza all’insegna del relax e, perché no, anche del risparmio economico.
Tutti coloro i quali, come noi, sono amanti del mare, della tranquillità, della vita semplice e genuina, possono scoprire in Dhigurah l’isola perfetta.

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook