L'Oasi del Lago dell'Angitola

in viaggio con yberf in Italia
torna alla mappa

Un interessantissimo ambiente lacustre e un'ottima idea per conoscere una zona della Calabria ricca di scoperteDOV'È, COME RAGGIUNGERLA
L'oasi è ubicata sul versante tirrenico della Calabria, tra i comuni di Maierato e Monterosso, in provincia di Vibo Valentia.
Lasciare l’autostrada SA - RC allo svincolo per Pizzo e svoltare dapprima a destra e poi a sinistra, imboccando la statale 110 in direzione di Serra San Bruno: il lago si trova ad appena 6 km dall’autostrada.

ESTENSIONE: 875 ettari (di cui 196 ettari di acqua)

GESTIONE
WWF Italia, attraverso la sezione regionale WWF Calabria, in convenzione con il Consorzio di Bonifica della Piana di Sant'Eufemia che cura la gestione delle opere idrauliche e il rimboschimento.

AMBIENTE
Lago artificiale posto a circa tre chilometri dal mare, lungo una importante rotta di migrazione degli uccelli.
E’ circondato per buona parte da vegetazione riparia e pinete di rimboschimento. Presenti uliveti e tratti a macchia mediterranea.

FLORA E FAUNA
Lungo le rive, Salici bianchi e Ontani neri, cui segue la pineta di impianto artificiale a Pino D’Aleppo. La vegetazione anfibia è rappresentata soprattuttodal tifeto e dal fragmiteto (cannuccia di palude). Interessanti lembi di Sughereta con essenze della macchia mediterranea.
Anatre e Folaghe, insieme ai Cormorani, svernano regolarmente nell’invaso. Tra le prime ricordiamo il Germano reale, l’Alzavola, il Fischione, il Moriglione. Durante i periodi della migrazione si possono osservare diverse specie di Aironi (da quello cenerino, più comune, alla Garzetta, al più raro Airone bianco maggiore), diversi limicoli (come il Cavaliere d’Italia) e, tra i rapaci, il Falco pescatore. Lo Svasso maggiore, nidificante e stazionario, è il simbolo dell’oasi.

VISITE
Gruppi e scolaresche da lunedì a venerdì, su prenotazione.

STRUTTURE
Area parcheggio davanti al cancello d’ingresso per la diga.
Sentiero natura nella sughereta e lungo la riva sinistra del lago.

LA GUARDIA DELL'OASI: Giuseppe Paolillo

COME SI SVOLGE LA VISITA
La visita si svolge in un’ora e mezza/due ore. Dapprima vengono illustrate le caratteristiche principali delle piante mediterranee e i loro adattamenti ecologici; successivamente si passa all'identificazione delle piante presenti lungo il sentiero natura che si inoltra nella sughereta.
Sul lago vengono invece descritte le caratteristiche ecologiche della zona umida, con una rassegna sulle principali specie di vertebrati (dai pesci fino agli uccelli) che si possono riscontrare, con particolare attenzione alle specie osservate durante la visita.

CONTATTI
Telefono: 0963 995053
calabria@wwf.it

MANGIARE E DORMIRE
Il Borgo sul Lago ristorante e agriturismo sulla SS 110 ad 1 km dall'ingresso dell'Oasi, tel 0963/253663 - 347/1776707.
A Maierato: Pizzeria “Da Davide” e ristorante “La Campagnola” di Vavalà (Strada provinciale per Filogaso).
A Monterosso: Ristorante “Il Ghiottone” (0963/366022).
Agriturismo Villa Velia in Loc. Liddio (0963/325039 0963/326024).
Ristorante Il Melograno in paese (333/9082953).
Palazzetto dell'Orologio (9 posti letto) nel centro storico (347/7546509 sig.ra Adilardi), Capistrano.
L'albero della goccia d'ora (340/4063284).
Agriturismo Sant'Elia Loc. Sant'Elia a 3 km da Monterosso (347/75456509).

NEI DINTORNI
Consigliamo di visitare:
A Maierato (Km 7):
Rocca Angitola (resti dell’antico abitato distrutto dal terremoto del 1783), Museo della civiltà contadina e artigiana (c/o la Scuola Media); Chiesa Matrice del 1500.
A Monterosso (Km 10):
Museo della civiltà contadina (Palazzo Amoroso del ‘700), faggete e boschi di Monte Coppari.
A Pizzo (Km 11, sulla costa):
Castello Aragonese dove venne fucilato G.Murat, Chiesetta di Piedigrotta scavata nel tufo. Rinomata produzione di gelati artigianali (tartufo).
A Capistrano (13 km):
Chiesa Matrice, con affresco attribuito a Renoir.
A Polia (12 km):
Museo Gaccetta (tel presidente Pro Loco Avv. Amoroso 0963/321037).

PER GLI STUDIOSI
Sull’avifauna del lago sono state elaborate due tesi di laurea, mentre sono in corso studi di entomologia (Lepidotteri e Carabidi). Le conoscenze sulla flora e la vegetazione sono da approfondire.

COSA CI SERVE
Cerchiamo in dono: binocoli per il bird-watching.

LIBRO D'ORO
Hanno contribuito alla nascita ed alla crescita dell’Oasi di Angitola:
Salvatore Panzarella, ex presidente del Consorzio di Bonifica della Piana di Sant'Eufemia per aver firmato la convenzione con il WWF.
Ferdinando Nicotera, attuale Presidente del Consorzio per aver avviato una serie di iniziative per la valorizzazione dell’oasi.
Antonio Petrocca, caposquadra degli operai della Bonifica, per aver offerto sempre la sua collaborazione e la sua disponibilità per interventi di tutela e di valorizzazione dell’oasi.

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook