Il Tagikistan, un'isola sul tetto del mondo

in viaggio con defraspa in Tagikistan

torna alla mappa
Il Tagikistan, un'isola sul tetto del mondo

Breve esperienza in uno dei tanti Paesi dell’ex Unione Sovietica, dei quali si sa ben poco ma meritevoli di approfondimentoE' come un'isola circondata dalle montagne più alte del pianeta.
Ci vogliono almeno quindici ore a bordo di un solido fuoristrada per raggiungere, se tutto va bene, la regione del GORNO-BADACHŠAN, meglio conosciuta come PAMIR.
Siamo nel cuore del Tagikistan, un Paese semi-sconosciuto dell'Asia Centrale, che da pochi anni ha aperto le sue frontiere ai turisti.
La sua capitale, Dushanbe, ha poco da offrire mentre l'interno racchiude paesaggi di una bellezza struggente.
Da CHORU, la città più importante della regione, la strada piuttosto malandata prosegue parallela al fiume PANJ (Oxus nell'antichità) che segna per alcune centinaia di chilometri il confine con il vicino Afghanistan.
Gli abitanti sono all'incirca duecentomila e vivono prevalentemente di pastorizia ed agricoltura. Si possono osservare mentre lavorano nei campi o sulle pendici delle alte montagne mentre controllano le bestie al pascolo: soprattutto capre, pecore e yak.
La cosiddetta Pecora di Marco Polo (lat. Ovis Ammon Polii) invece è molto più difficile da trovare. Alcuni cacciatori stranieri sono disposti a pagare fino a 20mila dollari pur di poter portare a casa le sue corna come trofeo.
L'ospitalità è in piccole guest-house a conduzione familiare. Da alcuni anni vengono portati avanti degli importanti progetti di turismo sostenibile, coordinati e finanziati in prevalenza dall'Aga Khan Development Network.
L'Aga Khan, infatti, è il capo spirituale degli ismailiti (una setta derivata dall'islamismo sciita cui appartiene la maggior parte degli abitanti del Pamir) e le sue elargizioni permettono alla gente di sopravvivere e cercare di creare un futuro migliore.
Per chi ama l'avventura, a stretto contatto con la natura, questa è una regione con grandi potenzialità ancora inespresse. Alpinismo, trekking, rafting, sono solo alcune delle attività che le piccole agenzie locali offrono ai viaggiatori che vengono sin quassù, in quest'isola sul "tetto del mondo".

Viaggio effettuato ai primi di maggio di quest'anno
Durata: una settimana
Volo: SOMON AIR da Francoforte a Dushanbe
Eravamo in 9 più guide ed autisti
Mezzi utilizzati: 4 fuori strada Toyota (indispensabili)
Itinerario: Dushanbe - Rushan - Khorog - Ishkashim - Langar - Khargush - Bulunkul - Khorog - Dushanbe
Ospitalità: piccole guesthouse gestite dalla gente del posto

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook