Down in the Everglades 1: Anhinga e Gumbo Limbo trail

in viaggio con Ricky in Stati Uniti America

torna alla mappa
Down in the Everglades 1: Anhinga e Gumbo Limbo trail

 

Sicuramente le Everglades sono uno dei principali motivi per visitare il sud della Florida e rendono questa regione interessantissima e, a suo modo, unica nel mondo. Gli accessi principali al Parco Nazionale delle Everglades sono essenzialmente due: uno a Nord, lungo il Tamiami trail (la US41) che porta da Miami fino all'estremità occidentale delle Glades, attraversandole fino al Golfo del Messico. L'altro accesso è a sud Est ed è quello che ci interessa in questo diario di viaggio. Il punto di partenza è Homestead, cittadina a sud di Miami. Lungo la strada che porta nel Parco Nazionale (la 9336) troverete un meraviglioso mercato agricolo "Robert is here". Meraviglioso perché la varietà dei prodotti, soprattutto frutta tropicale, che troverete è davvero sorprendente. Di questo luogo tuttavia vi racconterò più avanti con un video apposito. Procedendo lungo la strada arriverete all'Ernest Coe Visitor Center, vera porta d'accesso al Parco Nazionale. Vale assolutamente la pena di fermarsi per una visita: una bellissima esposizione, ricca difilmati, diorami interattivi ed interessanti considerazioni sull'unicità delle Everglades vi introdurranno in questo fantastico mondo. Scoprirete così che la fauna delle Glades non si limita al famosissimo e celebrato alligatore, qui praticamente ubiquitario: sono presenti diversissime specie animali e vegetali. Dalla pantera delle Everglades (si tratta di un puma) difficilissima da avvistare, al raro coccodrillo americano; dai serpenti (numerosissime specie, velenose e non) a farfalle e libellule dai colori incredibili; dall'aquila delle Everglades agli avvoltoi, dai cervi alle lontre, dai lamantini ad un'infinità di uccelli acquatici, tra cui ibis, aninghe, fenicotteri e pellicani. Scoprirete altresì che le Glades sono abitate da animali che vi si stanno rapidamente diffondendo, e che sono considerati infestanti, come pitoni  ed addirittura anaconde, probabilmente incautamente abbandonati in un territorio così delicato.

Lasciato il centro visitatori, si segue la strada che, dopo avere superato una sbarra con biglietto d'ingresso al Parco e livello di allerta per i temibilissimi mosquitos, conduce al Royal Palm Visitor Centre. D'estate, come è successo a noi, il caldo può essere afoso ed opprimenti, per cui non scordate di fare scorta d'acqua e non dimenticate un repellente per insetti. Dal centro visitatori si dipartono due interessantissimi sentieri: l'anhinga trail ed il Gumbo Limbo trail. I sentieri permettono contatti ravvicinati, ravvicinatissimi, con le varie specie animali: ponete attenzione, visto che la "distanza di sicurezza" da un alligatore è considerata di 5 metri, ed a noi è capitato di non scorgerne uno, adeguatamente mimetizzato, che ci stava a non più di un metro! Lasciamo ora parlare le immagini, e soprattutto il VIDEO che potete vedere nella raccolta video. 

 

 

 

 

 

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook