Madoogali: davvero la più bella delle Maldive?

in viaggio con Antonio Marino in Maldive

torna alla mappa
Madoogali: davvero la più bella delle Maldive?

Allora caro lettore, ti posso dire che l’isola maldiviana in cui sono stato con mia moglie in settembre 2001 si chiama Madoogali e si trova nell’atollo di Ari.Ancora un angolo da sogno in una degli arcipelaghi più desideratiMadoogali è un posto davvero stupendo, un’isoletta che a piedi la giri in un quarto d’ora, fitta di vegetazione, paguri che camminano non solo in mare ma anche all’interno, merli indiani e uccelli di vario genere, piccole iguane simpaticissime. Il mare è un incanto e i pesci multicolore di tutti i tipi e a fiotti, anche a riva. Ci sono anche le razze, le tartarughe, ovviamente i coralli: un vero paradiso terrestre. Non c’è bisogno di fare le immersioni (io non le ho fatte) anche perché con una semplice maschera ti godi tutto all’interno della barriera corallina; comunque volendo c’è un centro diving con istruttori italiani e con la possibilità di noleggiare mute, bombole, macchine fotografiche subacquee e quant’altro.
All’interno dell’isola per lo shopping c’è solo un piccolo bazar che vende parei (a buon prezzo) e altri prodotti tipo souvenir (un po’ cari). Gli extra (bevande, souvenir, telefonate, i servizi di e-mail) li paghi solo all’ultimo giorno di permanenza, quindi non giri mai con i soldi in tasca. I rullini fotografici è meglio portarseli da casa perché lì costano più del triplo. L’acqua costa £ 8.000 la bottiglia da 1,5 l.
Per il resto c’è la possibilità di affittare sul posto un’altra isola da lì poco distante: la chiamano l’isola deserta, Vihamaafaru, con 100 dollari per un giorno o 50 per mezza giornata; noi l’abbiamo fatto per un giorno e credimi è stato un qualcosa di indimenticabile.
A parte l’isola che è magnifica, ma sembrava di trovarsi in un film di Robinson Crosue: ti ci portano due pescatori maldiviani con il doni (tipica imbarcazione maldiviana), dista circa mezz’ora di barca da Madoogali. Ti mollano lì con un frigobar a tua disposizione ed una radio trasmittente per eventuali urgenze,e da lì in poi l’isola è tutta tua!
Noi abbiamo fatto il bagno nudi e girato per l’isola tra le mangrovie. C’è una laguna blu fantastica, da pelle d’oca. Pensa che abbiamo nuotato con dei piccoli squaletti che stanno sempre vicino alla riva ad inseguire i banchi di pesci: ma nessuna preoccupazione, gli squaletti non sono pericolosi affatto, anzi simpatici da vedere.
Verso le 13 i pescatori ritornano per portarti le ricche cibarie maldiviane preparate dal ristorante di Madoogali, ti fanno mangiare al centro dell’isola nella jungla (davvero figo!) e poi se ne vanno nuovamente ripassando a prenderti nel tardo pomeriggio per riportarti all’isola di Madoogali.
Davvero stupende entrambi le isole ma quella deserta è assolutamente un’esperienza da provare. Abbiamo conosciuto una coppia di Milano che era la quarta volta che andavano alle Maldive e ci hanno detto che la più bella isola per loro è stata proprio Madoogali. Pensa che dall’aeroporto di Malè ti portano all’isola con un idrovolante che atterra in un punto dell’oceano dove piantato in mare c’è un palo con un cartello con scritto "molto ironicamente "Airport OF Madoogali": da schiattare dal ridere quando l’abbiamo visto, e lì ti scaricano sopra una zattera con i bagagli in attesa che arrivi a prenderti la barca dell’isola!
Comunque se ti interessa informarti sui prezzi vai in un’agenzia di viaggi e chiedi il depliant delle Maldive della Skorpion Travel. Pare che il gestore sia un nobile italiano e si vede!
Dimenticavo di dirti che alle 20 da un pontile si possono vedere gli squali di due o tre metri che arrivano seguendo le barche dei pescatori che fanno rientro dalla pesca, ed è davvero uno spettacolo vederli nel loro habitat naturale e in riva al mare: un professore emiliano simpaticissimo si ci è fatto il bagno assieme!
Durante la permanenza nell’isola con una barca ti portano pure a vedere il tramonto in una piccola lingua di sabbia in mezzo all’oceano a bere l’aperitivo (sangria!). Beh, spero di essere stato esauriente ma se hai domande da fare non esitare.
Ciaooo Ant
P.S. ovviamente i prezzi sono espressi in lire perché riguardano il periodo di settembre 2001.L’isola ha un servizio impeccabile: ogni giorno ti cambiano asciugamani, lenzuola, teli da spiaggia senza che tu te ne accorgi: lo fanno dei ragazzini "quasi invisibili" appena lasci la stanza. Ci sono 56 bungalow, tutti in riva al mare, con il loro giardino, l’aria condizionata, ventilazione a pale, frigobar, telefono con linea diretta; le stanze dei bungalow sono molto ampie con il letto a 2 piazze e mezzo, arredate in stile coloniale con davvero tutti i comfort. Ogni bungalow possiede anche docce interne (molto ampie) e docce esterne, due lettini numerati come il proprio bungalow per la spiaggia, ombrelli per l’eventuale pioggia e altri piccoli comodi particolari che adesso mi sfuggono.Il ristorante è stupendo e tutto il personale maldiviano parla anche l’italiano e sono gentilissimi. Colazione e pranzo a buffet (c’è veramente di tutto!) e cena servita al tavolo con pietanze sia locali che italiane, a scelta. La frutta ha un sapore che in Italia ci possiamo scordare, ad esempio l’ananas è davvero tutta un’altra cosa! Unica pecca i vini perché costano troppo cari, circa £ 50.000 la bottiglia (sono solo vini italiani).

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook