Sardegna insolita: da Ingurtosu a Piscinas

in viaggio con leander in Italia

torna alla mappa
Sardegna insolita: da Ingurtosu a Piscinas

L'escursione da Ingurtosu a Piscinas è veramente unica per essere un mix fra l'archeologia industriale e lo spettacolo naturale delle dune.
L'abitato di Ingurtosu è dominato dalla chiesetta di Santa Barbara, protettrice dei minatori: è da qui che ha inizio l'escursione. Ben presto si raggiunge il "Castello", complesso architettonico di grande suggestione un tempo centro direzionale del distretto minerario. L'itinerario prosegue in vista dei ruderi delle unità abitative un tempo occupate dai minatori in stridente contrasto con l'eleganza del centro direzionale e con la visita del "Pozzo Gal", un'importante miniera in cui sono ben conservate e riconoscibili, per quanto arrugginite, le attrezzature per l'attività estrattiva.
Il percorso prosegue in un'area in cui tutto testimonia la passata attività mineraria, dai grandi complessi ai piccoli particolari che si scorgono dovunque si diriga lo sguardo. Si passa su terreni sventrati dalle cave, il cui abbandono ha lasciato una sorta di paesaggio lunare.
Il paesaggio va poi addolcendosi, sfumando gradualmente in un sottobosco percorso da un torrente finchè la vegetazione si dirada rivelando quasi all'improvviso l'inizio delle dune.
Piscinas è il sistema dunale più esteso di tutto il Mediterraneo: cumuli imponenti di sabbia che svaria dal color oro al bianco abbagliante si innalzano per un centinaio di metri, da un lato penetrando nell'entroterra per oltre un chilometro e dall'altro smorzandosi in un mare cristallino. Il loro fronte misura circa 3 chilometri, dando luogo a una spiaggia di sabbia finissima, una delle più celebrate della Sardegna.
Raggiunto il culmine della prima duna si scorge finalmente il mare che è ancora lontano ma potrebbe essere raggiunto scendendo in linea retta; è però raccomandato svariare, in una serie di saliscendi, a belvederi uno più spettacolare dell'altro che fanno comprendere l'unicità di questo luogo straordinario.
Raggiunta infine la spiaggia, è irrinunciabile un lungo bagno, seguito da una passeggiata lungo l'immediato interno del fronte mare, dove si estendono piccole lagune di acqua salmastra che danno luogo a scorci insoliti quanto suggestivi.

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook