La Sagra dei mandorli in fiore!

in viaggio con Ci Sono Stato in Italia

torna alla mappa
La Sagra dei mandorli in fiore!

Agrigento celebra la Primavera e la Concordia tra i popoliFebbraio è il mese invernale per eccellenza, il mese delle temperature rigide, il mese del Carnevale e della neve... Ne siete proprio sicuri?
C'è una regione, la Sicilia, dove febbraio porta già un clima dolcissimo, dove la natura esplode dopo la pausa invernale e lo fa dando un segnale ben preciso; l'inizio della Primavera, che qui avviene ben prima del canonico 21 di marzo, è contrassegnato dalla fioritura dei mandorli: bianche nuvole profumate contrappuntano la Valle dei Templi, ed Agrigento, l'antica Akragas, celebra questo evento con una manifestazione, la Sagra del Mandorlo in fiore, che è ormai divenuta un appuntamento internazionale di grande richiamo e di notevole suggestione.
Quest'anno la Festa si svolgerà dal primo al nove di febbraio, e sarà la cinquantottesima edizione, abbinata al Festival internazionale del Folklore, giunto invece alla sua quarantottesima edizione ed al terzo "Etnofestival del mandorlo".
Vale la pena, ora, di ripercorrere un po' la Storia e vedere come ha preso le mosse la festa agrigentina.
Bisogna risalire al 1934, quando a Naro il Conte Alfonso Gaetani ebbe l'idea, a fini commerciali, di pubblicizzare la primavera agrigentina, rendendo noto a tutti lo spettacolo indimenticabile dato dalla fioritura dei mandorli: la festa inizialmente si svolgeva nello scenario incantato della "Valle del Paradiso", ai piedi di Naro, che puntualmente all'inizio di febbraio assumeva l'aspetto incantato dato dalle bianche nuvole dei fiori di mandorlo.
La Sagra venne quindi trasferita ad Agrigento, onde aumentarne l'importanza e la risonanza, e la gente agrigentina fu ben lieta di adottarla e di promuoverla per l'Italia ed in seguito per il mondo.
Fu così che, il 14 febbraio del 1937, si svolse la prima Sagra del Mandorlo, contrassegnata da sfilate di carri allegorici per la città di Agrigento; neppure gli eventi bellici fermarono la sagra, che, dopo una pausa dal 1940 al 1948 riprese regolarmente, ampliandosi via via di contenuti, importanza e manifestazioni collaterali, fino a diventare una vera e propria festa di popoli di tutte le razze e culture, un inno alla tolleranza ed alla pace ed al gioioso scambio culturale tra le varie etnie.
a significare ancor meglio ciò, dal 1956 giunge dal Partenone di Atene, via Brindisi, la sacra fiamma olimpica e l'inizio della festa viene contrassegnato dall'accensione del cosidetto Tripode dell' Amicizia, sito davanti al tempio della Concordia nella fantastica scenografia naturale della Valle dei Templi.
Ad esaltare maggiormente lo spirito di concordia e fratellanza, gli innumerevoli gruppi folkloristici che partecipano alla Festa agrigentina danno luogo ad un'altra suggestiva manifestazione, che si svolge questa volta in via Atenea, nel centro di Agrigento, nel cuore del nucleo urbano dell'antica Akragas: è qui che prende le mosse la Fiaccolata dell'amicizia, autentica ed emozionante sfilata di Pace per le vie della città; alla luce delle fiaccole popoli di tutto il mondo cantano e ballano scordando ogni tensione, realizzando davvero un qualcosa che tocca il cuore e non può non emozionare e commuovere.
Tutta agrigento si veste a festa per questi giorni e l'occasione è davvero unica per ammirare una tra le più antiche e belle città italiane, per conoscerne ed apprezzarne l'arte, la natura, la gastronomia, per visitare mostre e musei, monumenti ed indimenticabili opere d'arte.
Partricolarmente importanti, in quanto strettamente connessi al tema della Festa, sono il "Museo del mandorlo", che mette in mostra più di cento differenti specie di questo albero, ed il Museo - mostra della Civiltà contadina, che illustra l'antica vita campestre e le tecniche e gli strumenti per la coltivazione della terra.
Anche l'aspetto enogastronomico non viene certo trascurato e si concretizza nelle cosìddette "giornate dell'Assaggiatore", vero trionfo di dolci a base di mandorle e pasta di mandorle nonchè del buon vino Agrigentino.
Ci sono insomma tutti gli ingredienti per passare delle giornate indimenticabili, dimenticare il freddo inverno e godere in uno scenario naturale e storico di prim'ordine dei primi tepori della primavera siciliana, in uno spirito di concordia e fratellanza universale.
Di seguito ci permettiamo di riportare il programma della Festa per l'edizione del 2003, che, lo ricordiamo ancora una volta, sarà dal 1 febbraio al 9 dello stesso mese.


AGRIGENTO - 58 sagra Del Mandorlo in Fiore- 48° Festival Internazionale del Folklore
- 3° Etno Festival del Mandorlo

Dall'1 al 9 febbraio:Balconi fioriti - Vetrine addobbate
Presso il Palacongressi: Expò Mandorlo
Dal 6 al 9 febbraio:
Mostra internazionale di Pittura estemporanea

SABATO 01 FEBBRAIO: FESTIVAL "I BAMBINI DEL MONDO"
Mattinata: ricevimento autorità ore 09.30; Incontro con le scuole
ore 17.00 Sfilata da P.zza Municipio a P.zza Cavour
ore 18.00 Spettacolo in P.zza Cavour
ore 21.30 Palacongressi: 3° Etno Festival del Mandorlo
ore 20.00 P.zza Cavour: "I Bambini del Mondo"

DOMENICA 02 FEBBRAIO:FOLKLORE SICILIANO
ore 9.30 Sfilata da Piazza Municipio dei Gruppi siciliani ed "I Bambini del Mondo"
ore 11.00 e ore 16.00 : Spettacolo dei Gruppi Folk a Piazza Cavour
ore 21.30 Palacongressi: 3° Etno Festival del Mandorlo

LUNEDÍ 03 FEBBRAIO
IL FOLKLORE SICILIANO E IL CORTEO STORICO (ore 09.30)
ore 12.00 Teatro Pirandello: Opera dei Pupi.
ore 16.30 Animazione nelle Circoscrizioni
ore 17.00 Palacongressi - Sala Zeus: Concorso Poesia Siciliana
ore 20.00 Teatro Pirandello: Spettacolo "I Bambini del Mondo"
ore 21.30 Palacongressi: 3° Etno Festival del Mandorlo

MARTEDÍ 04 FEBBRAIO
ore 09.30 Palacongressi - Sala Zeus: Simposio del Folklore e della Pace
ore 18.00 Arrivo dei Gruppi ed Accensione del Tripode al Tempio della Concordia
ore 21.00 Teatro Pirandello: Serata in onore dei Gruppi folk internazionali

MERCOLEDÍ 05 FEBBRAIO
ore 09.30 Palacongressi - Sala Zeus: Simposio del Folklore e della Pace
ore 11.00 Folk internazionale: Piazza Cavour, Piazza Pirandello
ore 17.00 Fiaccolata dell'Amicizia

GIOVEDÍ 06 FEBBRAIO
ore 11.00 Folk internazionale: Piazza Cavour, Piazza Pirandello
Palacongressi: "48° Festival Internazionale del Folklore".
ore 16.00 Gruppi Folk da tutto il mondo.
ore 21.00 Gruppi Folk da tutto il mondo.

VENERDÍ 07 FEBBRAIO
ore 10.00 Ricevimento Sindaco.
ore 11.00 Folk internazionale: Piazza Cavour, Piazza Pirandello.
ore 12.00 Ricevimento Prefetto.
Palacongressi: "48° Festival Internazionale del Folklore".
ore 16.00 Gruppi Folk da tutto il mondo.
ore 21.00 Gruppi Folk da tutto il mondo.

SABATO 08 FEBBRAIO
ore 11.00 Ricevimento del Sindaco.
ore 16.00 Gruppi Folk da tutto il mondo.
ore 21.00 Gruppi Folk da tutto il mondo.

DOMENICA 09 FEBBRAIO
ore 09.00 Sfilata da Piazza Pirandello allo Stadio Esseneto.
ore 14.00 Premiazione e spettacolo al Tempio di Ercole.


LINKS UTILI

Sito ufficiale della Sagra
Portale su Agrigento
Libri su Agrigento

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook