La Riserva Naturale Saline di Trapani e Paceco

in viaggio con yberf in Italia

torna alla mappa
La Riserva Naturale Saline di Trapani e Paceco

Un ambiente irripetibile all'estremità della SiciliaDOV'È, COME RAGGIUNGERLA
Nei comuni di Trapani e Paceco, a sud della città di Trapani. Per raggiungere la riserva da Palermo, percorrere l’autostrada A29 Palermo - Mazara del Vallo in direzione Trapani, finita l’autostrada seguire le indicazioni “porto” e successivamente imboccare la S.P.21 in direzione Marsala sino al Centro Visite (Mulino Maria Stella).

ESTENSIONE: ettari 986,25

GESTIONE
Gestione del WWF Italia per convenzione con la Regione Siciliana.

AMBIENTE
Salmastro costiero con stagni naturali e saline.
Le saline, ancora oggi attive, sono costituite da vasche di diversa dimensione e profondità; qui d’estate, attraverso un gioco di livelli, canali e passaggi d’acqua, si determina una veloce evaporazione dell’acqua marina e la conseguente cristallizzazione del sale. Rappresentano un habitat unico per una pregiatissima avifauna e per la flora. I pantani natutrali costituiscono una preziosa risorsa d’acqua dolce per l’avifauna presente.

FLORA E FAUNA
L’ambiente fortemente salmastro ospita diverse specie (alcune anche rare) di piante alofile, tra le quali fungo di malta, statice cespuglioso, calendula marittima, limonio di Ponzo, limonio di Lojacono, limonio a spighe dense, limonio delle saline, violaciocca selvatica, sparto steppico, ginestrino delle spiagge.
Tra gli uccelli, spatole, fenicotteri, aironi bianchi maggiori, mignattai, fischioni, moriglioni, alzavole, germani reali codoni; i nidificanti cavalieri d’Italia, fratini, fraticelli, volpoche, gabbiani rosei, pettegole, avocette (simbolo della riserva); si può osservare anche il gheppio, il falco di palude o il falco pescatore a caccia; sono oltre 190 le specie di uccelli fino ad oggi censite.

STRUTTURE
Centro visite, Museo delle saline (privato).

VISITE
Aperta al pubblico tutto l’anno, tranne i festivi, previa prenotazione obbligatoria. L’ingresso è gratuito.

LE GUARDIE DELL'OASI: Antonino Castelli, Francesca Culcasi, Silvana Piacentino, Gerardo Cortellaro

COME SI SVOLGE LA VISITA
Dura circa due ore e si articola in due fasi: prima presso il Centro visite, introduzione all’escursione ed illustrazione della struttura di una salina di tipo tradizionale; poi con escursione a piedi lungo il sentiero per l’osservazione dell’avifauna e della flora (utili calzature comode, copricapo - soprattutto in estate - e binocolo).
Tel.: 0923/867700
E-mail: wwfrnotp@mail.cinet.it

ATTIVITÀ
Visite guidate, educazione ambientale, vigilanza, censimento dell’avifauna.

NEI DINTORNI
Consigliamo di visitare il Museo delle saline (tel.0923/867442); in direzione Marsala si può fare un tour delle antiche cantine con degustazione compresa, o ancora Erice (dista 12 km dall’Oasi) dove sorge uno stupendo borgo medioevale.
Per il periodo estivo consigliamo il tour delle incantevoli spiagge trapanesi (isole Egadi comprese).

MANGIARE E DORMIRE
E’ possibile gustare i piatti tipici della cucina trapanese a pochi passi dall’Oasi:
- alla Trattoria Pizzeria La Torre, via Garibaldi n.189, Nubia, tel. 0923/867300;
- alla Trattoria del Sale, via Chiusa, Nubia, tel .0923/867442;
- al Ristorante Pizzeria La Piazzetta, piazza Salina Grande, Salina Grande (TP), tel. 0923/867161.
Per il pernottamento è possibile prenotare nelle accoglienti aziende agrituristiche:
- Duca di Castelmonte, Xitta (TP), tel .0923/526139;
- Azienda Agricola Adragna Pizzolungo, Contrada San Cusumano (Erice), tel. 0923/563710 - 0923/869577.

PER LE SCUOLE
L’oasi si presta bene per escursioni diversificate nei vari mesi dell’anno (in autunno, presenza dell’avifauna migratoria; in inverno, presenza dell’avifauna svernante; in primavera, migrazione di ritorno dell’avifauna e fioritura delle piante; in estate, presenza dei nidificanti e fasi della raccolta del sale).

PER GLI STUDIOSI
Già censite le specie animali (uccelli, mammiferi, rettili, anfibi, pesci), la malacofauna terrestre e acquatica; acquisiti i dati parziali per l’entomofauna; redatta la carta della vegetazione. Tesi di laurea su Artemia tunisiana ed entomofauna. Individuazione delle specie rare ed endemiche di flora e fauna

PER SAPERNE DI PIÙ
Links
Le Riserve siciliane gestite dal WWF
Le Saline di Trapani

COSA CI SERVE
Cerchiamo in dono un modulo antincendio, un carrello per tender di m 3.30 e una macchina fotografica digitale.

LIBRO D'ORO
Hanno contribuito alla nascita ed alla crescita dell’Oasi delle Saline di Trapani e Paceco l’impegno delle Associazioni Ambientaliste, del mondo scientifico, dell’Azienda Provinciale del Turismo e di tanti cittadini e attivisti WWF.

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook