La festa della Madonna di S. Luca: Bagolino s'incendia di colori e devozione!

in viaggio con Ricky in Italia

torna alla mappa
La festa della Madonna di S. Luca: Bagolino s'incendia di colori e devozione!

Bagolino è famoso in tutt'Italia, ed anche oltre confine, per il suo splendido Carnevale.
C'è però una Festa capace, come nessun'altra, di riunire i Bagossi, gli abitanti di Bagolino, ed esaltarne gli animi: è la festa, quinquennale, della Madonna di San Luca. Le fotografie della quinquennale Festa della Madonna: un paese che fa a gara nell'inscenare le coreografie più spettacolari, in un trionfo di luci e colori.Parleranno, più che altro, le fotografie.
Ci vogliamo limitare a ricordare che la Festa viene celebrata ogni cinque anni per venerare un'immagine antichissima e sacra della Madonna: tradizione vuole che l'immagine stessa sia stata dipinta dall'evangelista Luca.
Narra la leggenda che l'immagine sia stata portata in Italia dai Conti di Lodrone, antichi signori di Bagolino e delle zone limitrofe, in seguito al loro ritorno dalle Crociate in Terrasanta, nel 1093.
L'effige venne collocata nel Castello dei Conti di Lodrone; in seguito ad una sommossa popolare, nel 1444, il castello andò distrutto e l'icona, ritenuta persa, venne invece ritrovata dai Bagossi, che la portarono nella Parrocchiale di Bagolino.
Per ben due volte, misteriosamente, l'icona sparì e venne miracolosamente rinvenuta sempre nei pressi dei ruderi del castello.
A questo punto la gente di Bagolino costruì un' arca dorata, protetta da cinque serrature: una chiave venne affidata al Parroco, e le altre quattro ai rappresentanti delle Diaconìe in cui è suddiviso il paese.
Da allora, ogni cinque anni, si svolge l'apertura solenne della teca in cui è conservata l'immagine sacra, che poi viene esposta al pubblico e traslata in processione attraverso il Paese.
Ogni diaconìa viene quindi addobbata e parata a gran festa, ammantandosi dei tradizionali colori: azzurro, giallo, rosso, e verde.
Il paese fa a gara per presentarsi a festa, tra ghirlande di fiori di carta preparati minuziosamente, addobbi floreali, luminarie e torce che illuminano tutte le vie di Bagolino, dalle più grandi e conosciute sino alle più umili, a quelle lastricate di ciotoli, alle fontane, ai porticati ed ai mille volti ed antichi archi.
Ed ora, la parola alle immagini.

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook