La disfida dei Trombonieri a Cava de' Tirreni

in viaggio con Ci Sono Stato in Italia

torna alla mappa
La disfida dei Trombonieri a Cava de' Tirreni

Una coloratissima manifestazione popolare rievoca uno dei più importanti eventi storici della cittadina campanaCava de' Tirreni, in provincia di Salerno, è un'antica e storica città, oggi abitata da oltre 50.000 abitanti distribuiti nel Borgo ed in più di venti villaggi, che le conferiscono la caratteristica di "città stellare".
I suoi primi abitatori, delle "terre de la Cava", furono i Tirreni, tribù nomade Etrusca.
In epoca romana fu luogo rinomato di villeggiatura prescelto dalla nobiltà di Roma.
Fu abitata dai Longobardi, la cui civiltà è tuttora testimoniata da una serie di antiche Torri costruite per il Gioco dei Colombi e per molti toponimi, risalenti ai tre secoli di dominazione longobarda (secc. IX-XI).
Nel 1011 fu fondata l'Abbazia Benedettina della SS. Trinità.
Nel XIV e XV secolo si sviluppò il Borgo Scacciaventi, pregevole esempio di centro commerciale, caratterizzato da una via fiancheggiata da portici e da storici palazzi porticati.
Fin dal 1700 Cava de' Tirreni fu rinomata meta di turisti e viaggiatori. I pittori napoletani dell'ottocento la preferirono per le amene vedute, per i panorami ricchi di verde e di sfondi marini.
Cava de' Tirreni è oggi luogo di turismo selezionato: offre cultura, storia, architettura, arte, ambiente, boschi ameni e verdeggianti colline a ridosso del mare, escursioni in montagna ed itinerari fra il verde e il mare.

LA DISFIDA DEI TROMBONIERI
Al finire del XIII secolo, l'intero territorio cavese, per la consistente crescita dei casali che lo componevano, venne suddiviso in quattro Distretti: Sant'Adiutore, Mitiliano, Corpo di Cava e Pasculano. Il 7 agosto 1394 la terra della Cava, con Bolla di Papa Bonifacio IX, venne elevata all'alto rango di Città.
Ogni primavera nell'anima dei cavesi si risveglia la fede e la virtù guerriera, entrambe riconducibili ad eventi realmente accaduti nel corso dei secoli passati.
L'evento di fede, denominato "La Festa di Castello", puntualmente rivissuto sin dal 1657, ricorda il contagio della peste, principiato nella Città della Cava il 25 maggio 1656, giorno dell'Ascensione. Il "male" finì dopo la pia processione del Corpus Domini, svolta dal Casale della SS. Annunziata al terrazzo superiore di Monte Castello.
Il momento dal sapore guerriero, "La Disfida dei Trombonieri", trae origine, invece, dai fatti vissuti dal popolo cavese nel mese di luglio ed agosto del 1460. Cinquecento militi cavesi accorsero spontaneamente in aiuto del Re Ferdinando I d'Aragona, che stava per essere sovrastato dal re Giovanni d'Angiò, intento a sovvertire le sorti del regno aragonese. Così ogni anno, nella prima settimana di luglio, ha luogo, nello stadio comunale "Simonetta Lamberti", la "Disfida dei Trombonieri", che rievoca l'intervento dei cavesi durante la battaglia di Sarno. I cavesi, guidati dai fratelli Longo, attaccarono il nemico dalla montagna che dominava la località Foce. Il combattimento, che si protrasse fino al giorno successivo, decretò la salvezza del regno aragonese, avendo il nemico abbandonato il campo di battaglia.
Gli Angioini, per vendicarsi dell'affronto subito, attaccarono la città di Cava, alla quale il re Ferdinando dovette inviare dei soccorsi attraverso Amalfi. Il 31 luglio 1460, poi, re Ferrante, per esprimere la sua incommensurabile gratitudine, mandò all'"Università de La Cava" una lettera nella quale si dichiarava disposto ad esaudire tutte le richieste effettuate dagli amici cavesi.
Più tardi, il 4 settembre 1460, non avendo Cava avanzato alcuna pretesa, il sovrano d'Aragona consegnò nelle mani dell'allora sindaco di Cava, Onofrio Scannapieco, una seconda lettera, in cui riconfermava la sua grande fiducia. Inoltre, diede al suo illustre concittadino una pergamena in bianco, con i sigilli e la firma del monarca, affinché i cavesi gli richiedessero tutto ciò che fosse loro gradito.
Tale pergamena, però, non fu mai compilata ed è tuttora conservata, intatta, nel Palazzo di Città, in modo da rappresentare, oggi, l'ambito premio della "Disfida dei Trombonieri".
E' questa una manifestazione che vede competere gli otto Gruppi Trombonieri appartenenti ai quattro Distretti, e che ogni anno richiama un gran numero di spettatori, cavesi e non, che accorrono per condividere con gli abitanti tutti la gioia della rievocazione del grande momento storico.
In ricordo di tanto, i Trombonieri di Cava de' Tirreni, nel corso del primo fine settimana del mese di luglio, suddivisi negli antichi quattro Distretti, in rappresentanza degli otto Casali (Sant'Anna, Sant'Anna all'Oliveto, Monte Castello, Borgo Scacciaventi-Croce, Santissimo Sacramento, Filangieri, Senatore e Santa Maria Del Rovo), ammantati dai colori dei due Gruppi di sbandieratori (Cavensi e Città de la Cava) e da quelli del Gruppo "I Cavalieri della Pergamena Bianca", si cimentano in una pacifica Disfida di fuoco, per aggiudicarsi la leggendaria "Pergamena Bianca".

L'edizione 2007 si svolge da venerdì 6 a domenica 8 luglio

INFORMAZIONI
Associazione Trombonieri Sbandieratori e Cavalieri
Via Santa Maria del Rovo
Cava de' Tirreni (Salerno)
Tel. (+39) 089 44 24 58
Fax (+39) 089 34 92 65
Sito Internet Ufficiale: http://www.comune.cava-de-tirreni.sa.it

Si ringraziano per le informazioni i siti
http://www.folclore.it/Eventi/SchedaEvento.asp?IdEve=521
http://www.cavaturismo.it/default.php

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook