Una Parigi da quattro soldi

in viaggio con Alessandro e Lilian in Francia

torna alla mappa
Una Parigi da quattro soldi

Abbiamo inteso il nostro soggiorno parigino come la parte più importante della nostra vacanza in Francia, ci siamo presi quindi tutto il tempo necessario per viverla e scoprirla con calma e così ci sentiamo di consigliarvi di fare per innamorarvi di questa immensa città.
Abbiamo utilizzato i consigli contenuti in diversi blog di questo e di altri siti dedicati ai viaggiatori e sono state molto utili. Poi durante il nostro viaggio abbiamo pensato di mettere a disposizione degli altri anche la nostra esperienza, ecco qualche modesto suggerimento per vivere a Parigi con un budget limitato ma con tutta la voglia di cogliere gli aspetti più interessanti di questa città.Qualche consiglio per non spendere troppo nella capitale franceseIl clima a Parigi è piuttosto fresco, la temperatura anche in Agosto scende anche fino a 15 gradi la mattina per poi salire fino a 25 / 30 gradi durante il giorno. La sera il maglioncino è quasi indispensabile.
Il nostro approccio con Parigi avviene in una tiepida mattina di Agosto, proveniendo dalla stupenda Borgogna.Ed ora andiamo a fare un giretto per Parigi.
La prima regola da imparare nel visitare i musei di Parigi è che sono tutti chiusi il Martedì tranne la reggia di Versailles che chiude per turno il Lunedi. Tenetene conto quando organizzate il vostro itinerario.
La tour Eiffel
Non si può andare a Parigi senza salire sulla torre Eiffel. Godetevi la salita usando le scale invece dell’ascensore per i primi due piani. Il costo è di circa 3 euro poi se volete potete prendere l’ascensore per l’ultimo (fino alle 23). Fatevi superare da chi ha fretta di arrivare in cima, godetevi il panorama che vi gira intorno e che diventa via via sempre più ampio soprattutto se salite in una bella serata limpida.
Dall’alto della torre noterete una bellissima distesa verde: sono gli Champs de Mars dove potrete rilassarvi come tanti parigini fanno per qualche tempo godendovi la torre vista dal basso.
Il Louvre
E’ davvero immenso, se non siete degli esperti d’arte dotatevi di audioguida per avere qualche nozione delle opere d’arte più importanti. La parte più vasta ed importante è quella che riguarda l’arte italiana e seguita naturalmente dal quella dedicata ai pittori francesi ma anche tedeschi e fiamminghi.
Alla visita del Louvre bisognerebbe dedicare un’intera giornata o meglio un paio di pomeriggi per godersi al meglio tutto ciò che questo museo contiene.
Il museo è aperto anche di sera e dopo le 18 costa un po’ meno. Il venerdi si entra a prezzo scontato.
Notre Dame
Certamente un capolavoro dell’arte gotica francese. Per entrare c’è quasi sempre una coda infinita. Non abbiate urgenza di entrare, godetevela fuori nella sua maestosità e nell’aria pittoresca che si vive nella piazza. Cogliete se potete il momento in cui c’è meno coda per visitare l’interno.Non fatevi tentare dalla visita ai sotterranei della chiesa (ingresso in fondo alla piazza), non ne vale più di tanto la pena. Se avete il gusto dei “tombaroli” andate piuttosto a visitare le Catacombe!
Catacombe di Parigi
Niente a che vedere con quelle di Roma, si tratta di un immenso ossario creato dalla legge di Napoleone “svuotando” i cimiteri per spostarli fuori dalle mura. Preparatevi a una passeggiata circondati da migliaia di teschi e tibie ben ordinate e sistemate per qualche chilometro. Non sognatevi di portare via un macabro souvenir, all’uscita venite controllati. E’ un’esperienza interessante ma non disperatevi se riuscite a non farla… Attenzione agli orari perché il pomeriggio chiudono presto.
Quartiere latino
Incantevole ma andateci solo di sera, di giorno è un’altra cosa. Perdevi per le innumerevoli stradine, mescolatevi insieme ai tantissimi turisti ma anche ai numerosissimi parigini che qui trascorrono le loro serate. Fatevi coinvolgere pure dai numerosi “butta dentro” che vi invitano ad entrare nei ristorantini di varia nazionalità. Il cibo è più che discreto ed abbondante, senza grandi pretese ma dopo una giornata camminando su e giu per Parigi vi sembrera eccellente!
La metro
Abusatene! Vi stupirete di quanto sia tentacolare, potrete arrivare praticamente ovunque in brevissimo tempo. Il biglietto costa un euro su tutta la rete cittadina. La metro è tranquilla e sicura ad ogni ora del giorno e della notte. Se avete dubbi sulla direzione da prendere o semplicemente volete farvi suggerire la via più veloce, basta chiedere alla bigietteria che c’è nella maggior parte delle fermate.
I parigini sono persone molto pacifiche e cortesi, prodighe di informazioni se le chiedete e comunque gentili quasi fino all’imbarazzo.
Sacro Cuore
Vale senz’altro la pena salire fino a Montmartre per vedere questa zona della città e questa chiesa, ma soprattutto il panorama che si gode da quassù
Cimitero di Perè-Lachaise
Vale sicuramente la pena visitarlo, dove vi stupirete nello scoprire quanti personaggi illustri di tutto il mondo vi riposano.
All’ingresso vendono una mappa per due euro ma se resistete all’interno ne esistono parecchie pubbliche altrettanto chiare. Tra i tanti troverete Jim Morrison e Michel Petrucciani. Non è un semplice giro per sepolture vip, in fondo qui si respira quella che è la storia e la cultura di un intero popolo.
Reggia di Versailles
Se potete andateci di martedì quando i musei di Parigi sono chiusi per turno. Andate molto presto come abbiamo fatto noi, e portatevi da mangiare e da bere. All’interno dei giardini della reggia c’è un ristorante ma non so se ne vale la pena. Meglio un’esperienza meno affollata per provare la cucina francese.
Parcheggiate in città (avendo di fronte l’ingresso della reggia girate a destra): i parcheggi sembrano a pagamento ma in realtà nel mese di Agosto sono gratuiti, leggete sul parchimetro. Non parcheggiate davanti al palazzo anche se vedrete molte auto, il pomeriggio arriva il pullman dei vigili di Versailles a rimpinguare le casse del comune.
Troverete molte code diverse, l’ingresso per i visitatori non in gruppo e all’estrema destra del palazzo.
Conviene spendere un po’ e acquistare il biglietto con audioguida, oppure se siete scaltri e discreti potrete ascoltare le spiegazioni delle guide certamente molto preparate.
La reggia è davvero immensa e ricchissima di arte, i giardini sono a perdita d’occhio e di una bellezza straodinaria. Molto bello è perdersi romanticamente nei meandri del parco giocando a fare i cortigiani…
Considerate infine che all’interno del palazzo c’è una certa penuria di bagni, per fortuna che fuori c’è spazio in abbondanza.
Arco di Trionfo
Non richiede certo molto tempo ma vale la pena andarlo a vedere. Quando siete sotto l’arco godetevi l’immensità dei due viali che partono o finiscono da questa piazza.
Salire sull’arco costa 5 euro ma forse non ne vale la pena.

Il nostro viaggio attraverso la Francia è proseguito poi alla volta della regione dell’Aquitania tra Bordeaux e Medoc tra vini favolosi e un’Atlantico mozzafiato.
Parigi però ci è rimasta nel cuore è prima o poi la rivedremo.
Alessandro e LilianHotels o campeggi
Non è indispensabile prenotare ne in campeggio ne in hotel, una soluzione si trova sempre e comunque anche a basso costo, basta avere un po’ di pazienza o rivolgendosi nei numerosi punti di informazione turistiche. Troveranno loro una soluzione per voi.
Comunque in città esistono due campeggi molto grandi. In verità non mi sento di consigliarli anche se consente di pernottare quasi in centro città per meno di 30 euro, è piuttosto sporchi e offrono delle piazzole che poco hanno a che fare con la vita all’aria aperta. Volendo campeggiare, meglio optare per una soluzione fuori città.
Se poi optate per uno dei due campeggi cittadini, è decisamente sconsigliabile è servirsi del pullman navetta del campeggio (2,5 euro a tratta p.p) per arrivare alla più vicina fermata del metrò. Basta fare due passi per prendere un autobus pubblico che fa lo stesso tragitto per 1 euro!
Se non siete “tipi da campeggio” ma desiderate comunque una soluzione piuttosto economica in pieno centro di Parigi… magari anche molto romantica e pittoresca, Parigi vi offre anche questo! A due passi due da Notre Dame in 4 rue St-Julien-le-Pauvre, esiste l’hotel Esmeralda (telefono +33 (0)1 4354 1920). Non e l’Hilton ma offre delle camere confortevoli, pulite e soprattutto molto romantiche con vista sulla cattedrale o con affaccio sui cortili un po’ bohemien del quartiere latino. Il tutto per meno di novanta euro… ne vale la pena!Parigi in automobile
Innanzitutto diciamo che Parigi si può girare tranquillamente in automobile, la circolazione è molto ordinata, la segnaletica è chiara e molto difficilmente può trarre in inganno.
Attenzione però alla velocità sia in città che fuori. Vi accorgerete presto di quanto i francesi siano disciplinati al volante e di quanti autovelox fissi e mobili vigilino sulla sicurezza stradale.
Fare una passeggiata nel centro di Parigi utilizzando l’auto è molto comodo ma bisogna considerare che tutte le strade, anche in periferia, sono dotate di parchimetro con una tariffa oraria che oscilla tra l’euro e i due euro all’ora.
Esiste però la possibilità di parcheggiare in alcune strade dove la sosta è gratuita nel mese di Agosto. E’ necessario però leggere attentamente quanto scritto sul parchimetro se si conosce un po’ di francese o domandare ad un passante cortese
Una volta parcheggiata l’automobile è consigliabile utilizzare la fittissima rete di metropolitane.

Parigi in Metrò
A Parigi si può circolare molto bene sia in automobile che usufruendo dei mezzi pubblici.
Se lo scopo del vostro viaggio è godervi con calma i monumenti e i musei che meritano una visita non frettolosa non vi suggerisco le diverse forme di abbonamento giornaliero che vengono offerte. Hanno un prezzo molto alto e vi obbligano per ammortizzarne il costo a girare tutto il giorno in autobus o in metrò.
Prendete piuttosto un semplice biglietto o piuttosto un carnet di dieci (che offre un po’ di sconto) e godetevi con i giusti tempi la città mettendo in conto che per ogni monumento o museo che decidete di visitare sarà necessaria almeno un’intera mattinata o tutto un pomeriggio.

Treni e ferrovie
Sicuramente comode se alloggiate fuori città ma assolutamente improponibili dal punto di vista economico. Non abbiamo preferito utilizzare l’auto, è molto piu conveniente.

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook