Un week-end a Lione

in viaggio con Federico in Francia

torna alla mappa
Un week-end a Lione

Da non perdere
Lione si trova nella Francia centro-orientale, lungo la valle del Rodano ed è abbastanza comodamente raggiungibile da Milano (la mia città) anche in treno, con un viaggio di poco più di cinque ore.
Un po' marginale rispetto alle mete più gettonate, in realtà Lione è una bellissima e vivace città, da secoli crocevia di grande importanza, ricca di monumenti e di fascino, e che merita sicuramente un viaggio, almeno un fine settimana.
Una buona rete di metropolitana rende abbastanza comodi gli spostamenti, anche se ovviamente le buone gambe portano ovunque!
Lione, d'origine romana, sorge alla confluenza della Saona e del Rodano, ed è formata sostanzialmente da tre parti. La più antica si trova sulla riva destra della Saona, ai piedi di una collina (La Fourvière): è la zona medievale e rinascimentale, il Viex-Lyon: la cattedrale, palazzi splendidi, vicoli in cui è bello passeggiare, guardando i negozietti o scegliendo il ristorante per la cena. A Lione si mangia molto bene, è infatti considerata la capitale della gastronomia francese!
In cima alla collina, raggiungibile anche con una teleferica, sorge la chiesa di Notre Dame de la Forurvière, che sinceramente non è bellissima: di stile eclettico è stata costruita come voto nel XIX secolo. Tuttavia dal belvedere si gode di un panorama della città veramente splendido, sia di giorno che di sera. Sempre sulla collina a poca distanza si trova il Teatro romano (in estate vi sono regolari spettacoli), accanto al quale c'è anche l'interessantissimo Museo della Civiltà Gallo-romana. Il museo è interessante anche per com'è costruito: una specie di spirale che scende all'interno della collina con finestroni che permettono una visione sul teatro romano.
Il Lungosaona, specie la sera è veramente affascinante, raccolto, non eccessivamente illuminato, abbastanza tranquillo permette di passeggiare ammirando la collina e i monumenti che le sorgono ai piedi. In piccolo angolo d'altri tempi.
La parte centrale della città è la Penisola, adagiata tra la Saona e il Rodano. Anche nella Penisola, di impronta Ottocentesca, si trovano monumenti ed edifici molto belli. Ma non solo: le vie sono molto eleganti, si aprono belle piazze con originali fontane, vi si trovano musei di grandissimo interesse: innanzi tutto il Museo di Belle Arti che si affaccia sulla scenografica piazza del municipio (Place des Terraux), poi il Museo di Arti Applicate e soprattutto il Museo dei Tessuti, che già da solo vale un viaggio. Lione è stata per secoli la capitale della seta! E poi quello della Stampa.
Insomma anche per la Penisola è bello camminare per strade vivaci e piene di gente, ricche di ogni tipo di negozi e curiosità, scoprendo anche piccoli angoli nascosti. L'impressione che si ha non è certo quella di una città provinciale, tutt'altro! A Lione ci si può divertire e stare bene.
Alla base della Penisola si trova il caratteristico quartiere della Croix Rousse, la zona dove un tempo lavoravano gli artigiani della seta. Un elemento architettonico tipico sono i traboules, cioè passaggi coperti che collegano gli edifici tra loro. Consiglio un bel giro per il quartiere a cercare e scoprire i traboules.
A Lione c'è anche un meraviglioso parco, grandissimo, con un bel laghetto, un giardino botanico, un roseto meraviglioso, e anche uno zoo: è il parco de la Tete d'Or. Io ci ho passato quasi una giornata intera con mio figlio, si passeggia, si va sul pedalò, se si vuole c'è anche il teatrino delle marionette. Accanto al parco c'è il Museo d'arte contemporanea, dove può essere interessante una visita. Non solo, ho visitato anche la Biennale d'Arte contemporanea (che però è da tutt'altra parte): visita molto divertente e stimolante.
Al di là del Rodano c'è la parte più moderna della città, ma nient'affatto male, con il quartiere della Part Dieu: grattaceli, centro congressi ecc.
Il Lungorodano, a differenza del Lungosaona, è larghissimo, illuminato e sembra un po' Parigi. Ma comunque è un'altra delle tante facce di questa bella città.
Da non perdere, se aperta, la Casa-Museo dei Fratelli Lumière (accertarsi che i lavori di ristrutturazione siano teminati). È qui che è nato il cinema!
Un'altra caratteristica di Lione sono i grandissimi e fantastici murales che si trovano sui muri di tantissime case della città. Si tratta di vere e proprie opere d'arte, disseminate un po' ovunque; esistono comunque opuscoli-guida al riguardo.
Ho alloggiato all'Hotel Simplon, piccolo ma carino e non molto caro. La padrona è molto gentile e molto francese. L'albergo si trova vicino alla stazione di Perrache, e lì intorno è pieno di piccoli alberghi mi pare più che accettabili.
Concludo questa breve pillola, consigliando questa città per una visita dalla quale tornerete soddisfatti e stupiti!Una "pillola" come la definisce lo stesso autore per visitare la bellissima Lione!

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook