Bagheera, la Corsica naturista

in viaggio con Luisa876 in Francia

torna alla mappa
Bagheera, la Corsica naturista

Eccoci a raccontarvi un nostro viaggio in Corsica e più precisamente a Bagheera.
Un'alternativa interessante per i naturisti italiani può senz'altro essere considerata la Corsica: solo quattro ore di traghetto separano Genova dall'isola della bellezza.Totale relax nell'isola della bellezzaPiove abbondantemente e c’è molta umidità (e qualche zanzara di troppo).
Non fa tuttavia mai troppo caldo e di sera si potrebbe dire pure che fa freddo: meglio portarsi qualche golf in più nella valigia!Si sbarca a Bastia, la città più importante del nord dell'isola.
Da lì, percorrendo l'unica strada, molto trafficata, che collega la Corsica da nord a sud lungo la costa orientale, si raggiungono i villaggi naturisti di Bagheera e Riva Bella; particolarità curiosa, dovuta proprio alla difficoltà delle strade, è la misurazione da parte degli isolani delle distanze da percorrere, effettuata non in chilometri bensì in unità di tempo!
Arrivati e destinazione, facciamo un po' fatica a crederci quando appare il cartello che indica la deviazione per il villaggio di Bagheera: chissà perché ci aspettavamo strade impervie, lontane da tutto e da tutti e invece ci troviamo ad appena cinque minuti da una strada statale molto affollata pur attraversando piccoli paesini anonimi.
La deviazione per Bagheera è al contrario decisamente piacevole, con qualche piccolo declivio e sufficientemente larga, attraversa dolcemente frutteti e prati per poi sfociare in una foresta di eucalipti che annuncia l'inizio del villaggio.
L'aria è densa di umidità mentre parcheggiamo le nostre auto, poco prima dell'ingresso, per espletare le formalità del caso e accedere finalmente al nostro bungalow.
Le strade all'interno del villaggio sono in terra battuta, le auto possono circolare a condizione che procedano a una velocità limitata.La spiaggia è lunga qualche chilometro e interessa diversi villaggi naturisti, alcuni specifici per il turismo tedesco, come il Corsicana, dotato del miglior ristorante della zona (da provare). Il pezzo di spiaggia attiguo al villaggio non è pulitissimo in quanto la sabbia è in molti punti ricoperta da uno spesso strato di alghe grigiastre secche, presenza ineliminabile a causa della conformazione del fondale marino.
Proprio per questo il mare non sempre ha un colore spettacolare, e non tutti i giorni l'acqua è limpida e cristallina; come in moltissime altre località del Mediterraneo, anche qui la comodità delle navi veloci si paga a scapito di un aumento delle onde anomale che provocano una graduale erosione delle spiagge.
La sera nel villaggio ci si ritrova al bar ristorante, allietati dalle nostalgiche canzoni che Angie, il proprietario di Bagheera, intona per gli ospiti. Qualche volta ci viene offerto uno spettacolo di karaoke con canzoni in lingua francese e italiana.
A parte queste considerazioni, si può consigliare il villaggio ugualmente per la sua bellezza intrinseca, per il bosco in cui è immerso, per la tranquillità che trasmette.
E' adatto a famiglie con bambini e a coloro che possiedono cani (ma sconsigliato ai giovani discotecari!), ideale per una decina di giorni di relax e tutto riposo a poche ore dall'Italia.
Tra l’altro si parla tranquillamente in Italiano visto che la maggior parte della clientela nei mesi estivi è costituita da nostri connazionali.
Naturisti o meno, la Corsica riserva comunque un panorama davvero incantevole per il visitatore ed i prezzi non sono certi maggiori che nella vicina e ben più affollata Sardegna.Il bungalow è in muratura, grande ma alquanto spartano nell'arredamento, pulito e tranquillo, completamente immerso nel bosco e con un piccolo giardino privato.
Esistono diverse tipologie di bungalow e anche il loro prezzo varia a seconda della posizione; comunque non sono mai troppo distanti dal mare e tutta la vita all'interno del villaggio si può svolgere tranquillamente a piedi, col minimo della fatica.Il ristorante del villaggio è accettabile anche se noi abbiamo preferito frequentare altri locali esterni più vari e tipici nella varietà dei piatti e che disponessero di alternative per vegetariani, come i nostri amici.
Esiste un buon minimarket, all'interno del villaggio, abbastanza fornito, a cui accedono talvolta anche alcuni abitanti non naturisti dei paesi vicini.

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook