Alla ricerca di Babbo Natale!

in viaggio con Ricky in Finlandia

torna alla mappa
Alla ricerca di Babbo Natale!

Come spostarsi
Collegamenti aerei: due voli giornalieri Finnair da Milano e quattro voli settimanali da Roma per Helsinki e viceversa.
Durata del volo non-stop Milano Helsinki :3 ore e 5 min.; da Roma 3 ore e 35 min.
Tutti i giorni vari voli con diverse compagnie con scalo intermedio.
FINNAIR: 02/809458 n.verde 1470-54747

In nave:
Dalla Germania:
da giugno a settembre linea Rostock-Helsinky con nave-traghetto Finnjet della Siljia Line, durata 25 ore ca. linea Lubecca/Travemunde-Helsinki/Turku:linea operata da Finnlines, giornaliero per Helsinki e 1-2 volte la settimana per Turku.
Dalla Svezia
Stoccolma-Isole Aland-Helsinki:Silija Line e Viking Line, tutto l'anno, giornaliere, durata 16 ore.
Stoccolma-Isole Aland-Turku:Silija Line e Viking Line, tutto l'anno, giornaliere, durata 11 ore.
Umea-Vaasa:Silija Line, una partenza giornaliera, tutto l'anno, durata 4 ore.
Dall'Estonia
Tallin-Helsinki, varie compagnie (Tallink, Nordic jet Line, Eckero Line, Silija Line)giornaliero tutto l'anno
Indirizzi utili:
Silja Line (rappresentante in Italia)Agamare Viale Tunisia 38-Milano 02-6739721
Viking Line, Finnlines, Tallink:Marketing Center Via Libertà 9-Concorezzo (Mi) 039-6043287
Cristiano Viaggi Viale Ribaldi 64-Milano 02-89401307

In treno: Via Milano-Amburgo-Copenhagen-Stoccolma; quindi traghetto per Helsinki o Turku

In automobile: Via Milano-Chiasso-Basilea-Amburgo-Rostock (1350 Km) quindi traghetto per Helsinki (periodo estivo): Via Verona-Brennero-Innsbruck-Munchen-Nurnberg-snodo Berlino-Rostock(periodo estivo): attraverso Danimarca-ponte Svezia-collegamenti traghetto Finlandia
Dove alloggiare
Semplice: per il nostro viaggio finlandese abbiamo scelto il modo più "finlandese" di alloggiare quando si è in vacanza: il mokki. Il mokki è il tipico cottage finlandese, il simbolo di una vacanza in Finlandia: gli ingredienti base sono il cottage, in legno, la sauna, sempre presente (e se siete fortunati è un'autentica sauna a legna), una spiaggetta privata sul lago con barca (a remi o a motore, spesso entrambi). La gamma dei cottage spazia da quelli di più alto livello (ogni comfort: lavastoviglie, forno a microonde, televisione satellitare, sauna amplissima a legna, sauna separata sulla riva del lago, barbecue, riscaldamento) ai più spartani: in ogni modo l'esperienza sarà indimenticabile. I prezzi sono oltretutto abbastanza convenienti, considerando il fatto che la vita in Finlandia costa mediamente più che in Italia; noi abbiamo provato un cottage di altissimo livello, nella zona del lago Saimaa ed uno di livello medio nella zona di Kuusamo, in Lapponia. La prenotazione l'abbiamo fatta direttamente via internet all'indirizzo www.lomarengas.fi ed all'indirizzo www.thelakeland.com : potrete "vedere" i cottages, visionare i prezzi e troverete un disponibilità ed una gentilezza veramente eccezionale; oppure con le emails di thelakeland.com potrete farvi inviare vari cataloghi.
Durante i trasferimenti abbiamo alloggiato in hotel della catena Scandic (a Kajanii -Hotel Kajanus Kajaani, quattro stelle, in centro, molto confortevole con piscina coperta, sauna maschile e femminile, tennis, sauna in camera) ed hotel della catena Sokos (a Vaasa, Sokos hotel Vaakuna, in centro, tre stelle, per la verità abbastanza anonimo ed impersonale).
In cucina
Ecco un "capitolo" che ci ha lasciato perplessi:i Finlandesi hanno tutto o quasi (basti pensare a latte, carne, funghi, frutti di bosco ecc.) ma…ma forse non danno al cibo la "valenza sociale" che diamo noi. Si ha quasi l'impressione che mangiare sia un dovere e non, piuttosto, un piacere; la maggior parte dei ristoranti ("ravintola") ad esempio sono "self service" e piuttosto "freddini":fanno eccezione naturalmente le grandi città, Helsinki sopra tutte. Comunque tra le specialità Finlandesi troneggia il pesce:salmone (che troverete freschissimo ovunque), l'aringa del Baltico, il pesce d'acqua dolce, comunemente venduto nei mercati (luccio, persico, trota, ed il muikku, un piccolissimo pesce di lago che in Finlandia apprezzano molto e che noi invece non abbiamo particolarmente gradito). Tra le specialità che ricordiamo volentieri è naturalmente la carne di renna, regina della cucina Sami, e le karjalanpaisti, specialità della cucina Careliana costituite da una sorta di barchette di farina di segale ripiene di un composto di riso e patate. D'estate (luglio) dicono imperdibili i rapu (gamberi d'acqua dolce) che noi tuttavia non abbiamo potuto assaggiare. Nel complesso mangiare "fuori" è comunque piuttosto costoso e, lasciatecelo ribadire, di non grandissima soddisfazione. Può essere più simpatico fermarsi per spuntini veloci nei kioski che trovate un po' dovunque sulle strade; onnipresenti sono anche le catene di fast-food tipo McDonald's (personalmente abbiamo preferito la catena Hesburger, più Finlandese). Il vino è generalmente assai costoso e d'importazione e si compra solamente nei negozi destinati alla vendita di alcolici (non nei supermercati).Più diffusa e più a buon mercato la birra (Lapin Kulta, Legenda, Kharu). La vodka (vodka Finlandia) è assai rinomata ma costosa e venduta solo nei negozi appositi.
Itinerario
La Finlandia è un paese grande (settimo paese in Europa per estensione).La nostra esperienza di viaggio si limita Quindi all'itinerario:Helsinki-regione dei Laghi (Savo) -Kajani-Carelia-regione di Kuusamo-Lapponia centro- Meridionale- Vaasa-Helsinki.E' comunque un itinerario molto esauriente, che speriamo possa essere completato Con altre zone di interesse (isole Aland, Finlandia meridionale con la via dei re, Turku, Lapponia estrema ecc.) da Altri utenti di Cisonostato.it!
Da non perdere
Chiariamo subito una cosa: in Finlandia il grande spettacolo lo dà la Natura. Quindi, a parte Helsinki, città bellissima ed affascinante che noi abbiamo visitato direttamente, ed altre città (Turku, Tampere) non aspettatevi grandi cose dai centri cittadini:spesso sono anonimi, con architettura moderna, a volte addirittura deprimente.Ma lo spettacolo naturale, la sensazione di libertà che potrete gustare, il sentirsi in un grande paese in cui l'uomo occupa solo una piccola parte…. Beh, tutto questo è semplicemente impagabile! Cominciamo quindi dalla regione del lago Saimaa e via via ci sposteremo verso Nord, per tornare poi ad Helsinki. Savonlinna è il principale centro turistico della regione dei laghi, ed è giustamente famosa per il suo castello (Olavinlinna, la Fortezza medievale del 1475-77, uno dei castelli meglio conservati di tutta la Scandinavia) e per il festival di musica operistica che si svolge ogni anno a luglio (durante il quale troverete la cittadina affollatissima e disgraziatamente costosa…). A parte queste due "attrazioni" vi consigliamo in estate di visitare la Piazza del mercato (kauppatori) che troverete ricca di vita e di bancarelle (imperdibili per noi quelle di frutti di bosco e funghi); nei dintorni vi sono simpatici ristoranti sull'acqua. Nella zona del Saimaa non perdete anche la visita a Punkaharju, splendido istmo, lungo 7 km, apprezzabile completamente vedendolo dall'acqua con una gita in battello.Nei dintorni di Punkaharju è assolutamente da visitare il complesso di Retretti, spazio espositivo d'arte moderna interamente scavato nel sottosuolo e ricco di suggestioni.Una cosa dovete assolutamente fare:"mettete il naso" nella natura, entrate nei boschi e vi sentirete in un mondo di favola…d'estate camminerete su tappeti di muschio, circondati da funghi incredibile per varietà e dimensioni; raccoglierete frutti di bosco favolosi ed "a portata di bimbo", farete incontri con la fauna locale; prendete una barca, preferibilmente a remi, e divertitevi ad approdare su infinite isole incontaminate, godendovi la luce ed il cielo finlandese ... e se ogni tanto prendete uno scroscio d'acqua non disperate, il clima varia rapidamente e spesso ampi squarci sereni intervallano brevi piovaschi; a ritemprarvi poi troverete sempre una calda ed accogliente sauna.A Kerimaki potrete ammirare la Chiesa in legno più grande del mondo. Sulkava, grazioso villaggio a 35 km circa da Savonlinna, ve la indichiamo per due motivi: uno affettivo (è infatti in un mokki nei dintorni di Sulkava che abbiamo alloggiato per circa una settimana) ed uno più prettamente turistico (in luglio vi si svolge una spettacolare regata). Spostandoci più a nord-est ci portiamo in Carelia , terra di confine con la Russia, ricca di tradizioni e patria del poema epico finlandese, il Kalevala. A Joensuu visitate il caratteristico kauppatori; se vi spingete fino ad Ilomantsi, incuneata in territorio russo (siamo ad una latitudine più ad est di S.Pietroburgo), non perdete la visita alle due chiese, la luterana e l'ortodossa, nonché la visita alla collina di Parppeinvara, dove sorge la ricostruzione di un tipico villaggio Careliano e dove potrete sentire risuonare il Kantele, tipico strumento a corda del luogo.Il paese di Ilomantsi è invece piuttosto anonimo e grigio; si toglie da questo grigiore la "torre dei vini", da cui potrete ammirare uno splendido panorama sorseggiando del "vino di frutta". Tra Joensuu e Kuopio gode di una certa fama anche il Monastero Ortodosso di Uusi Valamo:noi tuttavia l'abbiamo trovato piuttosto deludente e "commerciale" al massimo. Proseguendo verso nord, superata Kajaani, città moderna senza particolari attrattive se non una bella chiesa luterana, si comincia ad avvertire "il grande nord".Sulla strada che da Kajaani porta verso Kuusamo ad un certo punto compare una scena irreale: in un campo, a perdita d'occhio, centinaia di "spaventapasseri" l'uno accanto all'altro, tutti diversamente "vestiti". E' in realtà l'opera d'arte all'aperto di un importante artista: "The silent people". Il luogo è d'una suggestione unica e nelle vicinanze esiste un bivacco all'aperto dove su un ampio braciere si possono gustare specialità locali. Kuusamo viene definita la "porta della Lapponia"; come sempre il centro abitato è piuttosto anonimo (anche se qui noi abbiamo avvertito un certo fascino da "città di frontiera") ma i dintorni sono semplicemente fantastici:il parco nazionale di Oulanka offre scenari mozzafiato:innumerevoli sono i percorsi da trekking, (tra cui il celeberrimo "sentiero dell'orso" di 95 Km), spettacolari ed emozionanti sono le rapide Niskakoski e Myllikosky, formate dal Kitkajoki nei pressi di Jumaa. Nel parco cresce un'orchidea unica in Europa.In tutta la Lapponia è frequentissimo incontrare, come d'altra parte segnalato abbondantemente sulle strade, le renne: al di là dell'aspetto "turistico" che i vostri bimbi e, diciamolo, anche voi, non mancherete di sottolineare, va detto che questi animali costituiscono un serio problema per chi viaggia, essendo assolutamente imprevedibili ... quindi, attenzione e ... piede sul freno quando le vedete apparire in lontananza!! Verso Nord est, lungo la strada che porta a Rovaniemi, si incontra Posio, dove abbiamo soggiornato per altri dieci giorni. Nei dintorni merita una visita il parco Nazionale Risitunturi; dall'alto dei Tunturi (i colli Lapponi) si può ammirare un panorama notevole; a Posio è poi possibile fare acquisti presso la celebre fabbrica di ceramiche Pentik, anche se nei dintorni vi sono piccole fabbriche artigianali che hanno indubbiamente un maggior fascino. Rovaniemi è una città moderna, vera e propria metropoli (in realtà 55.000 abitanti!) se rapportata a queste latitudini. Anche se vi decanteranno il disegno urbanistico "a corna di renna" progettato da Alvaar Alto la città in sé non ci ha "fatto impazzire". Assolutamente degno di nota invece è il museo "Arktikum"complesso modernissimo che ospita uno spaccato di vita della popolazione Saami e di tutti i popoli artici. Nei dintorni di Rovaniemi esistono poi due attrazioni per così dire internazionali:il Santa Park (Parco di Babbo Natale) e Napapiiri, la sede "per definizione" del circolo polare artico dove si trova anche l'ufficio di Babbo Natale. Mentre dobbiamo dire francamente che "Santa Park" è abbastanza deludente (tranne che per bimbi al di sotto dei dieci anni), Napapiiri ha indubbiamente fascino:tutto è sicuramente finto e costruito, volto a vendere ed a produrre denaro…. Eppure provate a mettervi a colloquio con Babbo Natale nel Suo "ufficio":per uno strano sortilegio vi sembrerà tutto maledettamente vero ed anche molto emozionante!! Se avete dei bimbi non mancate una visita a Rauna, il parco zoologico (peraltro molto bello) più a Nord del Paese. Scendendo in direzione sud-ovest abbiamo poi fatto tappa a Vaasa, città che ricordiamo solo per alcune belle case in legno e per il suo parco divertimenti (Waasalandia, ottimo per bimbi). Infine, prima di tornare in Italia, abbiamo visitato Helsinki. La città ci è parsa subito viva e "da vivere"; l'atmosfera è sicuramente frizzante e stimolante:al pregio della grande città Helsinki a parere nostro aggiunge una sensazione di "sicurezza" veramente invidiabile.E' una città d'aspetto essenzialmente moderno e dotata di realizzazioni architettoniche di grande avanguardia ma anche di notevolissime aree verdi.Godetevi la kauppatori che si affaccia sul porto, con la sua vita brulicante; passeggiate sulla Esplanadi, l'arteria pulsante della Capitale su cui si affacciano i Caffè ed i negozi più lussuosi della città.Non stiamo a farvi un elenco dei musei e dei monumenti da vedere (li troverete su qualsiasi guida):ripetiamo, Helsinki è città da gustare scoprendola pian piano, magari apprezzando uno spuntino, se piove, nel suo kauppahalli, il mercato al coperto nella zona del porto, oppure percorrendo Bulevardi fino alla vecchia Birreria Sinebrychoff ed al mercato delle pulci (Hietalahti).
Curiosità 
Siete tornati a casa ed avete nostalgia?
Provate questo (letto sul Finnjet, traversata Helsinki -Rostock):

- 3 parti di Vodka Finlandese;
- 2 parti di succo concentrato di frutti di bosco (fatene scorta prima di partire:si trova nei supermercati in "taniche" che ricordano quelle della benzina);
- 5 parti di pompelmo gassato Salute!
Per i più piccoli
Ecco un esempio di civiltà, ecco un esempio di paese a "misura di bambino":ovunque è disponibile un seggiolone; ovunque è presente un menù per bimbi; nelle aree di servizio sono disponibili aree attrezzate per il cambio dei più piccoli; davvero in Finlandia non è un problema viaggiare con bambini.
Nel testo abbiamo già indicato quali sono le mete che sono più gradevoli per i bimbi: vogliamo solo ricordare che poter far vivere ai nostri figli una natura così incontaminata è di per sé un ottimo motivo per recarsi in Finlandia.
Note dolenti
In estate le zanzare, specie in Lapponia, possono essere un vero problema: consigliamo quindi di premunirsi con appositi repellenti (in tutte le farmacie è in vendita l'Off) e se si desidera viver all'aria aperta e/o fare trekking o pescare di indossare vestiti a manica lunga e non scuri.
I costi sono piuttosto elevati anche se mediamente più bassi rispetto al resto della Scandinavia; acquistare degli oggetti di un certo valore è indubbiamente dispendioso ed in genere anche il costo della vita è elevato (benzina, alimentari ecc.)
Infine una annotazione (nota dolente o piuttosto "aspetto positivo"??): i Finlandesi sono gentilissimi "su richiesta" ma altrimenti poco inclini alla comunicazione interpersonale; a noi è capitato di osservare una famiglia di quattro elementi seduta ad un bar, dinnanzi ad uno splendido panorama in una meravigliosa giornata di sole, che per venti minuti esatti non ha emesso una sola parola!!Il paese dei boschi ... d'estate

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook