Natale sul Nilo

in viaggio con pablita in Egitto

torna alla mappa
Natale sul Nilo

Natale 2006 lo abbiamo trascorso sul Nilo, facendo la crociera “Il Fiume degli Dei”.
La motonave è la Lady Mary: con 70 cabine distribuite su 3 ponti, è recentissima e ben tenuta, belli gli allestimenti interni e le zone comuni.
Le festività natalizie in Egitto, fra relax e storiaSul ponte sole ci sono un bar, la piscina con 2 vasche idromassaggio e la zona solarium con lettini e sdraio. Qui durante la navigazione pomeridiana qui vengono serviti tea caldo e biscottini.
Sul secondo ponte ci sono la reception ed il Lobby Bar dove la sera si tengono le serate di intrattenimento, con musica, giochi e il piano bar.
Sul primo ponte c’è il ristorante dove vengono serviti i 3 pasti principali a buffet: i menù sono molto vari, con cucina internazionale oltre a quella locale.

Cucina: i cuochi egiziani fanno il massimo per cercare di soddisfare i gusti degli italiani e per imitare la nostra cucina, quindi la pasta non manca mai, ma bisogna dire che i piatti migliori sono ovviamente quelli tradizionali egiziani: cous-cous, falafel, polpettine di carne, pollo, tutto accompagnato da riso, patate al forno o fritte, ratatouille, fagiolini verdi, carote e zucchine.
Insomma, carne e contorni sono il piatto forte, inoltre c’è sempre grande carrello-buffet con verdure crude e vari formaggi.
Anche il carrello dei dolci offre molta scelta, ma ovviamente i migliori sono i dolcetti locali, a base di pasta di mandorle, miele e nocciole, così come la frutta: ananas, datteri, guava e papaia.

Abbigliamento: la Lady Mary non è una nave di lusso e non è richiesto alcun abito formale né tanto meno abiti da sera per la cena, però all’ingresso del ristorante c’è un cartello che richiede un abbigliamento decoroso, ovvero niente ciabatte di plastica (tipo infradito o da piscina), né costumi da bagno o canotte.

Cabine: sono tutte grandi, ben arredate, con una bella vetrata che permette di godere appieno degli splendidi paesaggi che si scorgono durante la navigazione sul Nilo.
Le camere vengono rifatte due volte al giorno e capita spesso che durante la giornata, se siete in camera, busseranno alla vs. porta i ragazzi di servizio per cambiarvi gli asciugamani.
La sera troverete sempre sul letto le tipiche decorazioni fatte con gli asciugamani piegati a forma di elefante, coccodrillo, o cammello.

Guide: la nostra guida Georges, copto cristiano ortodosso, è stata molto esauriente: ci ha trasmesso tante conoscenze sulla storia degli antichi Egizi e ci ha raccontato anche molti aneddoti legati alla cultura e alle tradizioni dell’Egitto moderno.

Il programma “il fiume degli Dei” di base è questo:
1 giorno: partenza dall’Italia, arrivo a Luxor e imbarco in nave.
2 giorno: in bus visita della Riva Ovest con la Valle dei Re, il Tempio di Medinet Habu ed i Colossi di Memnone
3 giorno: Riva Est, Tempio di Luxor
4 giorno: visita al Cairo facoltativa; per chi non partecipa: visita al tempio di Karnak. In serata inizio navigazione per Edfu passando le chiuse di Esna
5 giorno: con i caleches visita al Tempio di Edfu dedicato ad Horus il dio falco
6 giorno: Assuan, visita della Grande Diga, tempio di Philae dedicato alla dea Iside; tour sul Nilo con barca a motore: scorci dell’Isola di Elefantina, il Mausoleo dell’Aga Khan e i villaggi nubiani.
7 giorno: in bus partenza per Abu Simbel, tempio di Ramses II, scavato all’interno della montagna, poi tagliato e ricostruito più in alto al riparo dalle inondazioni del Nilo; tempio di Nefertari.
8 giorno: navigazione verso Luxor con sosta al tempio di Kom Ombo dedicato a Sobek coccodrillo ed Haroeris, altro nome del dio falco Horus; in serata trasferimento in aeroporto per rientro in Italia.

Suggerimenti:
Portatevi degli spiccioli in monete da 50 centesimi per dare le mance.
Nelle poche ore libere, quando la nave non è in navigazione, fate un giro a Luxor e Assuan nel Souk , il mercatino locale, non quello per i turisti ma quello vero degli egiziani: troverete banchi di spezie, tessuti, essenze, frutta e verdura insoliti ed è sicuramente un aspetto particolare e più reale della cultura egiziana; ci sono molti bambini e ragazzini che vendono frutta e verdura nei loro chioschi o bancarelle, portatevi qualche biro colorata da regalargli e vi lasceranno fotografarli senza problemi;
Durante la crociera farete sicuramente una serata “Egiziana”; il negozietto sulla nave vende abiti tipici e tuniche egiziane da 5 a 50€ ma durante i vostri giri troverete molte più cose nei Souk locali, anche a prezzi più convenienti;
Non dimenticate che gli egiziani (da veri arabi quali sono) sono commercianti per cui cercheranno di vendere a tutti i costi qualsiasi patacca, dagli scarabei di plastica ai papiri industriali, quindi se vi fermate guardare una qualsiasi cosa su un banchetto, in una vetrina, un chiosco, sappiate che non si schioderanno da voi e vi inseguiranno fino alla nave o al pullman; per cui se non avete intenzione di comprare non prendete nemmeno in mano gli oggetti che vi porgeranno o vi infileranno in tasca perché poi inizierà una trattativa infinita per cercare di vendervi il pezzo e se alla fine glielo restituirete perché non lo volete si metteranno ad alzare la voce e a discutere e si finirà per litigare! Quindi, se vi interessa qualcosa loro sono ben felici di illustrarvelo in tutte le sue varianti, ma se non volete acquistare niente…beh, il succo del discorso è: gli affari sono affari e gli egiziani sono prima di tutto commercianti, quindi… non fategli perdere tempo!

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook