Legoland...non solo per bambini!

in viaggio con Ricky in Danimarca

torna alla mappa
Legoland...non solo per bambini!

Sicuramente si è facilitati nello scegliere Legoland-Billund come meta durante un viaggio nel Nord Europa dall'avere tre figli: in questa maniera la "scusa" è sin troppo facile e così voi potrete fare un tuffo nella vostra infanzia e vedere quello che è il vero e proprio "paradiso" (oltre che la casa natale) dei mitici mattoncini Lego.
Attenzione, tuttavia: vi troverete di fronte a qualcosa di inatteso ed assolutamente inaspettato e la meraviglia supererà di gran lunga le vostre aspettative.

Dove alloggiare

Come detto sopra abbiamo alloggiato presso l'hotel Svanen, sito a circa 400 m. dall'entrata del Parco.
L'hotel si caratterizza per essere costituito da una fila di basse costruzioni con un corpo centrale dove hanno sede la reception e la sala pranzo.
Il nostro alloggio era costituito da una family room, un ampio locale con letto matrimoniale e tre letti aggiunti ed annesso bagno (ampio anche questo) ed antibagno.
Senza eccedere nello sfarzo erano comunque presenti tutti i comfort e la struttura era ben tenuta e pulita.
Ben servita (senza essere nulla di straordinario) la prima colazione.
 

Da non perdere

Siamo giunti a Billund, anonima cittadina al centro della Danimarca, a tarda notte, di ritorno da un viaggio in Islanda. Il tempo danese, essendo fine agosto, non era certo dei più esaltanti: freddo, pioggia, fine pioggia insistente e nebbia a tratti; la nostra meta per la notte era l'hotel Svanen, nei pressi del Parco, dove avevamo prenotato una family room.
Data l'ora e le condizioni climatiche la sensazione era quella di essere approdati in un porto accogliente e sicuro.
Passata la notte, l'indomani ci attendeva un tempo da tregenda: cielo nero, fulmini, tuoni ed acqua a catinelle.
Piuttosto depressi (era il nostro unico giorno a disposizione) abbbiamo consumato la colazione avendo in animo di rinunciare al nostro proposito: in mezz'ora abbiamo capito quanto possa essere mutevole il tempo nel Nord Europa; finita la colazione ci attendeva una giornata splendida, cielo terso e limpido, clima ideale!
Legoland-Billund, il capostipite dei parchi a tema Lego (ne esistono altri tre, uno in Inghilterra, uno in California ed uno recentissimo in Baviera) è qualcosa di più di un parco a tema: è un mondo a se stante, dove si fondono più tematiche e dove la meraviglia per quanto gli ideatori del parco hanno saputo creare con i famosi mattoncini supera di gran lunga lo stupore per le più nuove attrazioni.
L'area senza alcun dubbio più emozionante ed interessante del Parco è MiniLand, caratterizzata per essere realmente ed interamente costruita con mattoncini Lego: si possono vedere riproduzioni di caratteristici villaggi danesi, di Copenaghen, ambienti urbani, villaggi portuali, aeroporti, ferrovie, campi sportivi.... insomma, il mondo costruito in Lego, con una precisione, un realismo, un'accuratezza che lasciano veramente a bocca aperta grandi e piccoli.
Nell'area, attrezzata con bar e ristoranti, così come tutto il resto del Parco, è possibile salire sul Lego Train (giro panoramico di Legoland) o sulle Mini Boats, seguendo un percorso attraverso templi indiani e costruzioni egizie, passando nei pressi della Statua della Libertà e delle Houses of Parliament!
Un'altra zona da segnalare del Parco è la Lego Activity Room, area attrezzata con migliaia di mattoncini Lego a disposizione di tutti: tra le altre cose si fa notare una "pista" (con tanto di cronometro che segnala i tempi migliori) dove far correre, lungo una discesa, le proprie Lego-car, sfidando tutti i presenti.
Tutto il Parco è strutturato ad aree a tema; ricordiamo Duploland, autentico paradiso per i più piccini, Legoredo Town dedicato al Far West, CastleLand e PirateLand, con belle attrazioni simili a quelle che si trovano in altri Parchi divertimento, AdventureLand: citiamo a caso, sperando di non scordare nulla. L'impressione è quella di grande efficienza, pulizia, gentilezza; inoltre, forse a causa della giornata che sembrava promettere brutto tempo, non abbiamo minimamente sofferto del problema delle "code" che solitamente affligge i Parchi Divertimento.
Uscendo dal Parco, citiamo ancora l'Imagination Zone, che però non abbiamo potuto visitare e soprattutto il Museo del Parco , dove spesso vengono organizzate mostre e dove è presente un'esposizione di giochi d'epoca. Imperdibile il Palazzo di Titania, splendida e fedelissima miniatura di un principesco castello.
Un consiglio: non fate compere all'interno del Parco; comprare qui i mattoncini Lego equivale a comprarli in qualsiasi posto.
Seguite invece il la nostra "dritta" più sotto!

Curiosità 

*Dove comprare i mattoncini Lego?
Basta recarsi al Lego store, lo spaccio all'interno della fabbrica, che sorge nelle vicinanze del Parco. Qui si fanno affari d'oro, comprando ad ottimo prezzo le mitiche costruzioni e soprattutto trovando veramente di tutto; lo spaccio è organizzato in un'enorme capannone e le confezioni sono contenute in grandissimi scatoloni oppure accatastate su scaffali.
*L'indirizzo del Parco?
Legoland, 7190 Billund Informazioni: Tel. 0045 7533 1333, Fax 0045 7533 1682, E-mail: annemarie.kvist@europe.lego.com
*Gli orari?
Apertura: 27 marzo - 31 ottobre.
Orari: 10-20; 10-21 dal 19 giugno al 29 agosto.
Ingresso a pagamento. Biglietto, 160 Dkk (21,52 e), fino ai 13 anni 140 Dkk (18,83 e).

Per i più piccoli

E' chiaro che Legoland, essendo una struttura pensata principalmente per i bambini, sia a loro misura.
Forse, tuttavia, qui la cosa si avverte ancora di più: il bambino è veramente sovrano ed una gita in questo parco divertimenti risulterà piacevolissima per tutta la famiglia.
Non dimentichiamoci, poi, di essere in Danimarca, che è una delle nazioni più attenta all'accoglienza dei turisti più "piccoli".
In conclusione ci sentiamo assolutamente di consigliare questa meta anche a coloro che hanno bimbi di pochi anni:non ve ne pentirete!

Nel regno dei mitici mattoncini

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook