Il misterioso fascino dell'antica Cina

in viaggio con Camillo_css in Cina

torna alla mappa
Il misterioso fascino dell'antica Cina

Alla scoperta del "paese rosso"Capi di vestiario comodi, adatti per lunghe camminate e che permettano di vestirsi "a cipolla" (le temperature variano di molto a seconda della latitudine). Non devono inoltre mancare le medicine di uso abituale e rullini per fotografie, data la difficoltà di reperimento in loco. E’ inoltre opportuno partire con valigie con spazio sufficiente per acquisti anche voluminosi, come indumenti di seta e maglioni di cachemire, porcellane, oggetti antichi e altri souvenir, sempre molto convenienti. Secondo programma del tour operator che prevede visite guidate in autopullman per le località cittadine e dintorni (Grande Muraglia, fabbriche di seta, residenza estiva dell’imperatrice etc.). Trasferimenti aerei: volo andata e ritorno Roma – Pechino e voli interni Pechino - Xian, Xian – Shangai, Nanchino – Pechino. Trasferimento con treno da Shangai a Suzhou e con pullman da Suzhou a Nanchino.
Abbiamo scelto la formula del viaggio organizzato "all inclusive", un poco perché più adatto a persone non più giovanissime, come il sottoscritto, ma soprattutto per non perdere le moltissime testimonianza dell’antica civiltà cinese a causa di contrattempi ed incomprensioni così frequenti in un Paese dalla lingua astrusa che ancora non ha assimilato una vera e propria valenza turistica. A garanzia di questo, consigliamo di non economizzare nella scelta del tour operator e di optare per uno sicuramente valido e possibilmente specializzato. Tutto! Risulta realmente difficile indicare ciò che ha maggiormente colpito. Immaginate di essere catapultati all’indietro nel tempo quando ancora sono evidenti i segni di un sistema feudale, con imponenti vestigia dei ricchi alle quali si contrappongono le misere realtà dei quartieri poveri. E’ un’atmosfera da sogno incastonata da perle che lasciano a bocca aperta. Ne cito solo alcune: la Città Proibita, la Grande Muraglia, la Residenza Estiva dell’Imperatrice, i Guerrieri di terracotta di Xian, i giardini di Suzhou, etc. Tipici sono inoltre i giardini di bonsai ed i mercatini della seta e degli alimentari. Interessanti le seterie, le fabbriche di perle coltivate e di ceramiche pitturate a mano. Quelli previsti dal programma (di solito alberghi a 4/5 stelle). N.B. Si consiglia di nn prendere in considerazione tours di costo pericolosamente basso per non vanificare la qualità della vacanza e perdere alcuni aspetti / luoghi caratteristici (spesso una vacanza piace o meno a seconda di "come", più che di "quanto", si è potuto vedere). Il cibo è parte fondamentale del viaggio, anche perché come sempre è d’obbligo assaggiare le specialità dei Paesi visitati. Negli alberghi c’è un menu internazionale che va bene per tutti, ma nei locali con menu cinesi (previsto almeno un pasto al giorno) bisogna armarsi di coraggio, visto che, come abbiamo sentito dire, "in Cina si mangia tutto ciò che vola, esclusi gli aeroplani e tutto ciò che ha le gambe, esclusi i tavoli". I pranzi prevedono una serie infinita di portate (almeno 20) consistenti in zuppe, salse, pesci, polli, suini caramellati, riso etc., ma anche cose strane tipo la Medusa marina. Il tutto viene posizionato su un vassoio girevole posto al centro del tavolo che ognuno fa girare servendosi come crede (Per fortuna c’è sempre un coraggioso "assaggiatore"!). Non esistono pane e latticini. Ottima l’anatra laccata, buono in genere il pesce e gustosa la carne saltata con le verdure su una piastra calda, come usano cucinarla i MongoliLe strade ampie, ma spesso sconnesse, sono il regno incontrastato della bicicletta. Sciami inimmaginabili di ciclisti transitano scampanellando assolutamente incuranti di semafori e precedenze. Le poche macchine o autobus circolanti devono sterzare e frenare ad ogni piè sospinto, meravigliandosi sempre di essere riusciti a non travolgere qualcuno. Da evitare i mezzi pubblici, sempre stracolmi all’eccesso (ci sono braccia e gambe che strabordano da ogni dove). E’ indispensabile l’utilizzo dei taxi. Per tours di questo tipo è opportuno portare solo bambini già grandicelli in grado di apprezzare le vestigia storiche ed il colore locale. Nessuno in particolare praticabile da un turista occidentale.

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook