Autumn in New York

Un po’ di “consigli sparsi” per una prima visita

Da non perdere
Una settimana nella “grande mela”… la prima volta, in autunno per di più, quando vedi mutare i colori delle foglie di Central Park da un giorno all’altro: verdi, gialle, rosse… Emozioni uniche e irripetibili!
Ma eccovi qualche valido consiglio per visitare tutta (o quasi) Manhattan nell’arco di sette giorni a ritmo pieno (!)
Innanzi tutto un alberghetto tranquillo nell’Upper West Side, comodo con il bus 79 e la metropolitana,dove riesci a risparmiare qualche decina di dollari a notte avendo ugalmente cortesia, pulizia e sicurezza: segnatevelo è il “Belnord hotel” 87th west street tra la Broadway e la Amsterdam avenue.
Vi consiglio di girare il più possibile a piedi, scarpe comode e voglia di guardare dal basso all’alto ogni angolo della metropoli.

Dedicate sicuramente un giorno ai musei:
** Metropolitan, prezzo consigliato 20 $, ma potete dare veramente quello che volete, anche 1 $ che nessuno si scandalizza... considerate di starci pure 2 o 3 ore, perchè le cose da vedere sono innumerevoli e pur selezionandole sembra di essere dentro ad un libro di storia o di arte.
** Moma, ora di nuovo a Manhattan, con la sua struttura architettonica pulita ed estremamente di design (scusate la deformazione professionale, ma è un piacere guardare anche solo l’interno dell’edificio con le sue luci, le vetrate, i tagli dei solai e le splendide pareti bianche dove spiccano i quadri colorati!). Al venerdi sera dalle 16.30 fino alle 21.00 si entra gratis ed è possibile visitare tutte le mostre temporanee e permanenti.
** E poi il Guggenheim Museum con la sua straordinaria ed unica scala circolare. Nota positiva sono i book-shop di tutti i musei, dove puoi trovare di tutto e la possibilità di fotografare le opere d’arte, purchè si disponga di macchina digitale che permetta di fotografre senza l’uso del flash.

Altra giornata dedicatela alla visita della Statua della Libertà e dell’isoletta di Ellis Island. Recatevi direttamente nel Financial District con il metro e da lì preparatevi ad una lunga coda per il traghetto (specialmente se la giornata è con cielo sereno). Verrete allietati da innumerevoli giocolieri, saltimbanchi, cantanti di tutte le razze che vi seguiranno simpaticamente lungo l’attesa. Ad Ellis Island visitate il Museo degli Emigranti: è un salto indietro nel passato, ai film visti in tv e ai ricordi di viaggio di tanti connazionali.

Tornati sulla terra ferma sicuramente non si può evitare la sosta al Ground Zero. Gelo. E’ l’unico posto di New York dove non riesci a fare una fotografia... sei bloccato: immagini e foto di quel giorno si stagliano sulla recinzione del grande vuoto, i nomi delle 3000 persone, i fiori che qualcuno mette ancora... e tu pensi, ricordi e paragoni i grattacieli enormi vicino a te alti la metà delle due torri crollate... Affianco c’è la chiesetta di St.Patrick diventata un centro di preghiera per ogni razze e religione, un luogo di memoria e di silenzio.

Potete proseguire poi, con l’attraversata del ponte di Brooklin, se riuscite fatelo verso il tramonto così sarete sull’altra sponda quando cala il sole e lungo la passeggiata a fiume di Brooklin potrete vedere uno skyline unico e irripetibile, decisamente molto romantico...

E se poi le forze vi reggono ancora prendete il metro e andate diretti in Times Square dove terminerete la serata tra le luci, i locali, la folla, le sirene, i taxi, la magia e la pazzia frenetica del mondo newyirkese.

Se siete a New York di domenica vi suggerisco una tranquilla mattinata nel Greenwich Village: qui la gente si alza tardi verso le 11, ma cercate di essere tra le viuzze verso le 9.30/10: è speciale vedere il risveglio della metropoli, il silenzio che contrasta con il caos di pochi isolati di distanza. Qui è il mondo degli artisti, degli alternativi, è il quartiere di Bob Dylan. Scegliete uno dei tanti localini per il bruch delle 11/12; noi ci siamo lasciati consigliare e vi rigiriamo l’indirizzo a nostra volta, vale veramente la pena di provare: Rocco’s al 243 Bleecker Street.

Essendo in zona potreste proseguire la giornata visitando Little Italy e Chinatown: è impressionante vedere come quest’ultima abbia “assorbito” la nostra piccola Italia! Ormai rimangono solo due vie su cui si affacciano bandiere, ristoranti e locali di connazionali, dove senti parlare un italiano scorretto ma molto “caldo” e famigliare.
Fermatevi da Pellegrino’s per un piatto di pasta, è veramente come gustare un primo piatto in uno dei nostri migliori ristoranti... ma evitate di chiedere l’acqua minerale: una piccola bottiglia di naturale San Pellegrino vi costerà ben 8 $

Cos’altro vedere a New York?!
Beh dedicate sicuramente una o più giornate allo shopping o solamente alla visita delle vie e delle vetrine delle boutique più rinomate nel mondo. La Fifty avenue, ma anche la Madison e la Lexington avenue ora sono diventate molto visitate da stilisti e VIP di tutto il mondo. Girovagate tra la 59th e la 40th, lasciatevi stupire dallo chic e dallo charme degli show room francesi, dal design di tendenza dei marchi americani e asiatici e dall’inconfondibile eleganza del punto vendita italiano.
Bellissimi da visitare e dove poter comprare anche regali per parenti e amici sono i grandi magazzini Macy’s, Gap, H&M, Blooningale’s, per i libri vi consiglio Barnes & Noble, ma non scartate, pure, i negozietti classici “da turisti” con souvenir buffi ed unici come la carta igienica con stampato il volto di Bill Oden e il set da party con l’inconfondibile I love NY.

Una vista mozzafiato non potete perdervela salendo sull’Empire State Building. Anche qui preferite l’orario verso le 17.30/18, arriverete all’86° piano quando le luci della metropoli inizieranno a evidenziarsi e pian piano la notte inizierà ad oscurare il paesaggio sottostante.

Cos’altro consigliarvi... un meraviglioso e tranquillo pomeriggio in Central Park, girovagando tra i sentierini, lasciandovi accarezzare dagli innumerevoli scoiattoli, fotografando colori e lasciandovi cullare dall’acqua del The Lake a bordo di una barchetta a remi attorniati da enormi quesrce e grattacieli suggestivi.

Infine come non darvi alcuni indirizzi utili e pratici per lasciarvi catturare dal fascino metropolitano?!
** Pylones, 842 Lexington avenue è un posto meraviglioso dove trovare regali originalissimi per chi ha già veramente tutto!
** Cute Toonz, 372 Fifty avenue dove acquistare a 4$ l’una le mitiche magliette I love NY da regalare ad amici.
** Il cubo di vetro della Apple tra la Fifty e la 59 th street, un luogo ideale per ogni cosa: scrivere una mail e navigare gratis in internet, ascoltare buona musica, rilassarsi ed acquistare prodotti nuovissimi di alta tecnologia.
** Per il cibo, oltre ai posti già citati vi consiglio Friday’s al 761 della 7th street molto molto caratteristico dove mangerete un’ottima bistecca e lo Sbarro in Times Square per gustare una squisita pizza italiana.
** Se poi volete organizzare una serata molto americana con partite in maxi schermo degli yankees optate per Mo’s Carribean all’angolo tra la 79th e 2nd avenue, decisamente consigliato!

...e allora cosa aspettate!? Visitate il sito www.last-minute.it e www.expedia.it organizzatevi il miglior volo e partite!

2 commenti in “Autumn in New York
  1. Avatar commento
    PiccolaLallina
    28/09/2010 15:14

    Bellissimo il viaggio! Ma ti sei soffermato solo sull'isoletta di Manhattan? Non hai visto il resto di NY?

  2. Avatar commento
    max
    01/06/2007 22:10

    Parto per NY fra un paio di settimane e ho paura di farlo per il timore di innamorarmi di quei posti, dell'aria da film, e di tutto il resto. Bello il tuo articolo mi ha dato molti spunti per la mia settimana nella grande mela .God bless u and thanks

Lascia un commento
Devi essere connesso per inviare un commento, contattaci per ottenere il tuo account

© 2024 Ci Sono Stato. All RIGHTS RESERVED. | Privacy Policy | Cookie Policy