Pagina 131 di 137 PrimaPrima ... 3181121129130131132133 ... UltimaUltima
Risultati da 1,301 a 1,310 di 1361

Discussione: GLI INIZI DEL NUOVO GOVERNO - Nuova Edizione 2008.

  1. #1301
    Senior Member L'avatar di tixcla
    Data Registrazione
    05-07-2007
    Località
    Mestre
    Messaggi
    6,297

    Re: GLI INIZI DEL NUOVO GOVERNO - Nuova Edizione 2008.

    I VOTE FOR SANGIO

    (prima che mi insulti come al solito sappi che tanto al momento sono in trance e quindi non li capirei)


    e quando arrivano le 20:45 ???????
    non si viaggia per viaggiare,si viaggia per aver viaggiato !

  2. #1302
    Senior Member
    Data Registrazione
    19-07-2004
    Località
    vicenza
    Messaggi
    7,968

    Re: GLI INIZI DEL NUOVO GOVERNO - Nuova Edizione 2008.

    A proposito: vi sfiderei a trovare un solo "verde" che vi direbbe a dire no ai pannelli sui tetti.
    Di una città non apprezzi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà ad una tua domanda.
    Italo Calvino.

  3. #1303
    Senior Member L'avatar di Amsty
    Data Registrazione
    12-12-2005
    Località
    Un po' qui... Un po' là...
    Messaggi
    889

    Re: GLI INIZI DEL NUOVO GOVERNO - Nuova Edizione 2008.

    Ma che benvengano i pannelli solari sui tetti delle case; che benvengano i mulini eolici (in Spagna sono un inconsueto scenario, qui stranamente si considerano deturpanti); che benvengano i degassificatori per immettere il più sano e non inquinante gas; che benvengano le auto super ecologiche. Insomma, chi è che non le vuole? Eppure sembrerà strano ma molti ne sono contrari. E allora perché non si sono fatte queste opere se i verdi sono a favore? I progetti ci sono ma i soliti guastafeste, in nome di una protezione ambientale, si oppongono. E non dite che è falso!
    Poichè gli italiani sono persone che facilmente si comprano, basterà dare enormi benefici economici a chi vive nei pressi di una centrale che tutti s'accapiglieranno per abitarci. E poi le centrali portano benessere economico: operai che cercano case; indotto locale in aumento; miglioramento della viabilità e incentivi alla crescita.
    I pannelli e i mulini eolici, per quanto possano essere economici e ecologici, non sopperiranno mai alle esigenze energetiche di un paese industriale e sciupone come il nostro.
    Mi dispiace dirlo ma il nucleare ci vuole altrimenti, come già detto, saremo schiavi degli paesi OPEC o dei nostri vicini, da cui acquistiamo l'energia elettrica.
    Chi mi ama, mi segua... chi no, se ne stia a casa!!


    A M S T Y

  4. #1304
    Senior Member
    Data Registrazione
    19-07-2004
    Località
    vicenza
    Messaggi
    7,968

    Re: GLI INIZI DEL NUOVO GOVERNO - Nuova Edizione 2008.

    "Mi dispiace dirlo ma il nucleare ci vuole altrimenti, come già detto, saremo schiavi degli paesi OPEC o dei nostri vicini, da cui acquistiamo l'energia elettrica."
    Quest'ultima frase è incomprensibile, visto che tra l'altro è già stato detto che non è che l'uranio l'abbiamo in casa. Cambieremmo solo indirizzo di dipendenza. E' tanto difficile da capire?
    Di una città non apprezzi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà ad una tua domanda.
    Italo Calvino.

  5. #1305
    Senior Member L'avatar di Amsty
    Data Registrazione
    12-12-2005
    Località
    Un po' qui... Un po' là...
    Messaggi
    889

    Re: GLI INIZI DEL NUOVO GOVERNO - Nuova Edizione 2008.

    Sangio assolutamente no, non è difficile ma in primis non saremmo schiavi dei paesi arabi (e tutto ciò che ne consegue); e in secundis non ci sarebbe una fornitura giornaliera come facciamo ora per gas o petrolio o semplice elettricità. Ecco la differenza.
    Chi mi ama, mi segua... chi no, se ne stia a casa!!


    A M S T Y

  6. #1306
    Senior Member
    Data Registrazione
    19-07-2004
    Località
    vicenza
    Messaggi
    7,968

    Re: GLI INIZI DEL NUOVO GOVERNO - Nuova Edizione 2008.

    A che serve il Parlamento? Che paghiamo a fare (che paghiamo a fare????) quasi mille parlamentari?
    Eleggiamo solo un capogruppo per partito, e così risparmiamo un sacco di soldi, discussioni inutili, ecc.
    Anzi facciamo un solo re-imperatore che decide solo lui, perchè questa scocciatura della democrazia?

    http://www.repubblica.it/2008/11/sezion ... ntari.html
    Di una città non apprezzi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà ad una tua domanda.
    Italo Calvino.

  7. #1307
    Senior Member
    Data Registrazione
    19-07-2004
    Località
    vicenza
    Messaggi
    7,968

    Re: GLI INIZI DEL NUOVO GOVERNO - Nuova Edizione 2008.

    Si può negare che l'obiettivo sia la completa distruzione di territorio e natura in questa povera Italia? Dopo la cementificazione selvaggia, ecco la libera caccia a tutte le specie:

    http://www.repubblica.it/2009/03/sezion ... ibera.html
    Di una città non apprezzi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà ad una tua domanda.
    Italo Calvino.

  8. #1308
    Senior Member
    Data Registrazione
    19-07-2004
    Località
    vicenza
    Messaggi
    7,968

    Re: GLI INIZI DEL NUOVO GOVERNO - Nuova Edizione 2008.

    P.S: il relatore della legge si chiama Orsi. Che facciamo? Spariamo pure a lui?
    Di una città non apprezzi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà ad una tua domanda.
    Italo Calvino.

  9. #1309
    Senior Member L'avatar di leander
    Data Registrazione
    19-07-2004
    Località
    Belinshire, l'Impero del Basilico
    Messaggi
    28,078

    Re: GLI INIZI DEL NUOVO GOVERNO - Nuova Edizione 2008.

    Sangio, sarà il caso di riportare la notizia qui, visto che con il tempo il link non sarà più attivo.

    UN'AQUILA reale imbalsamata in salotto. Un fucile in mano a un ragazzo di 16 anni, lo stesso a cui non si affida né un volante né una scheda elettorale. Le porte dei parchi aperte alle doppiette. L'uso senza limiti degli zimbelli, civette lasciate appese per le zampe ad agitarsi per ore, in modo da attirare con la loro sofferenza altre prede. È l'Italia della libera caccia, così come dovrebbe uscire dalla controriforma che ieri è arrivata in commissione Ambiente del Senato. Un terremoto che spazza via l'equilibrio faticosamente raggiunto con la legge quadro del 1992 e rischia di inasprire il contenzioso con l'Europa. Per l'Enpa (Ente nazionale protezione animali) è un ritorno al Medioevo.

    Per Jane Goodall, una delle più famose etologhe, il segno di una sconfitta culturale: "Per quanto possa sforzarmi, alla mia età non riesco ancora a capire come persone civilizzate possano provare piacere nell'uscire di casa, togliere la vita a creature bellissime e poi appenderne la testa in salotto, per decorazione".
    "La notizia della liberalizzazione dell'imbalsamazione l'ha colpita profondamente", racconta la scrittrice Margherita D'Amico - fondatrice della agenzia non governativa "La vita degli altri" che si occupa di trovare punti di incontro tra il mondo degli animali, quello degli uomini e quello dell'ambiente - che ha intervistato Jane Goodall nell'ambito del documentario sulla caccia "A ferro e fuoco" girato "per rompere il silenzio sulla trasformazione dei 700 mila cacciatori in imbalsamatori e sul rischio crescente per chiunque vada in campagna, visto che già l'ultima stagione venatoria è costata 42 morti e 85 feriti".

    Il testo appena arrivato a Palazzo Madama è il frutto di una sintesi di varie proposte di legge presentate dalla forze di maggioranza. L'autore della stesura finale, Franco Orsi (Forza Italia), ritiene che le modifiche non restringano l'elenco delle specie tutelate, fatta eccezione per i danni prodotti all'agricoltura e per i rischi "all'incolumità pubblica". Di fatto saranno i sindaci e i prefetti a stabilire di volta in volta se i lupi o gli orsi costituiscono una minaccia da arginare premendo il grilletto.

    La nuova legge trova l'opposizione degli ambientalisti, degli agricoltori e persino delle associazioni che raccolgono la maggioranza dei cacciatori (Arcicaccia e Federcaccia). Lipu, Lav e Enpa urlano allo scandalo parlando di "nuovo Medioevo". "Tutte le categorie direttamente coinvolte sono contrarie perché la legge quadro aveva messo fine alla guerra ideologica sulla caccia, ora si rischia di riaprire una lunga stagione di conflitti", nota il senatore del Pd Roberto della Seta. Bocciato dai diretti interessati, il nuovo disegno di legge sarà forse frutto di un sondaggio segreto?

    Per scoprirlo Legambiente, Lipu e Wwf hanno commissionato un sondaggio pubblico all'Ipsos. Ecco la sintesi. Il primo dato riguarda l'orientamento generale: il 69 per cento è fortemente contrario alle doppiette, il 21 per cento neutrale, il 10 per cento favorevole. Prolungare il periodo di caccia e aumentare i luoghi in cui si può sparare: 86 per cento contrari. Ridurre le sanzioni per chi uccide specie protette: 86 per cento contrari. Aree private in cui è possibile sparare agli animali: 89 per cento contrari. Doppiette nei parchi: 91 per cento contrari. Autorizzare a sparare agli uccelli migratori: 93 per cento contrari. Rilasciare la licenza di caccia a chi ha 16 anni se accompagnato: 94 per cento contrari. Se la maggioranza anti caccia era prevedibile, la misura del dissenso rispetto alla controriforma risulta particolarmente alta. E un'altra sorpresa arriva quando si analizza l'orientamento politico di chi risponde. In una serie di casi gli elettori di centrodestra sono ancora più contrari alla controriforma di quelli di centrosinistra. Solo il 5 per cento di chi vota per la maggioranza è favorevole ad autorizzare la caccia a specie protette contro un 7 per cento di elettori del centrosinistra. Solo il 3 per cento di chi vota per il Pdl vuole che i cacciatori possano sparare ai migratori contro il 6 per cento di chi vota per l'opposizione. Solo il 5 per cento di chi è schierato con il governo vede con favore l'idea di dare una doppietta a un ragazzo di 16 anni contro il 6 per cento di chi è schierato con l'opposizione.

    il relatore della legge si chiama Orsi. Che facciamo? Spariamo pure a lui?
    Poi lo impagliamo e lo mettiamo in salotto.

  10. #1310
    Senior Member L'avatar di ginevra
    Data Registrazione
    16-03-2007
    Località
    Legnano
    Messaggi
    6,797

    Re: GLI INIZI DEL NUOVO GOVERNO - Nuova Edizione 2008.



    già non amo particolarmente la caccia, perché non la ritengo assolutamente uno sport soprattutto quando si spara solo ed esclusiavamente per appendere in salotto un trofeo, ma qui mi sembra crudeltà pura!
    con quest'uomo al posto di andare avanti, l'Italia sta facendo il gambero su ogni cosa!
    quale sarà la prossima trovata?
    soles occidere et redire possunt

    "Ricorda sempre che i dilettanti hanno fatto l'ARCA e i professionisti il TITANIC"

    DAMNATIO MEMORIAE : Magnitudinem frustra delere

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato