Pagina 1 di 127 1231151101 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 1265

Discussione: Poesie da ricordare

  1. #1
    Senior Member L'avatar di anto19_70
    Data Registrazione
    21-01-2007
    Località
    Romagna ---> Abruzzo
    Messaggi
    8,106

    Poesie da ricordare

    Avete una o più poesie che amate in modo speciale?
    Il vero viaggio di scoperta non consiste nel trovare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi - Marcel Proust

  2. #2
    Senior Member L'avatar di matrellone
    Data Registrazione
    03-09-2004
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,465
    Più di una....
    La prima che mi viene in mente?????
    I ragazzi che si amano di Prevert :022:
    3-0

    SPICH ENS STRAISS!!!!!!!!!!!!!!!!

    L'ONESTA' è l'elemento più importante in una relazione, ma l' AMORE non ne tiene mai conto, in nessun modo.....
    Tiene conto solo di se stesso....

    UHIE' ......IL DUCA CONTE

  3. #3
    Senior Member L'avatar di mark
    Data Registrazione
    19-07-2004
    Località
    Contrada della Pantera
    Messaggi
    4,502
    Ce ne sono parecchie.
    Una delle mie preferite è questa:

    Valore

    Considero valore ogni forma di vita, la neve, la fragola, la mosca.

    Considero valore il regno minerale, l'assemblea delle stelle.

    Considero valore il vino finche' dura il pasto, un sorriso involontario, la stanchezza di chi non si e' risparmiato, due vecchi che si amano.

    Considero valore quello che domani non varra' piu' niente e quello che oggi vale ancora poco.

    Considero valore tutte le ferite.

    Considero valore risparmiare acqua, riparare un paio di scarpe, tacere in tempo, accorrere a un grido, chiedere permesso prima di sedersi,
    provare gratitudine senza ricordare di che .

    Considero valore sapere in una stanza dov'e' il nord, qual'e' il nome del vento che sta asciugando il bucato.

    Considero valore il viaggio del vagabondo, la clausura della monaca,
    la pazienza del condannato, qualunque colpa sia.

    Considero valore l'uso del verbo amare e l'ipotesi che esista un creatore.

    Molti di questi valori non ho conosciuto.

    (Erri De Luca)

  4. #4
    Senior Member L'avatar di ginevra
    Data Registrazione
    16-03-2007
    Località
    Legnano
    Messaggi
    6,797
    troppe!

    ma oggi mi sento tanto "monologo" dell'Amleto...
    soles occidere et redire possunt

    "Ricorda sempre che i dilettanti hanno fatto l'ARCA e i professionisti il TITANIC"

    DAMNATIO MEMORIAE : Magnitudinem frustra delere

  5. #5
    Senior Member L'avatar di anto19_70
    Data Registrazione
    21-01-2007
    Località
    Romagna ---> Abruzzo
    Messaggi
    8,106
    io amo molto Pedro Salinas, specie questa poesia

    Il modo tuo d'amare
    è lasciare che io t'ami.
    Il sì con cui ti abbandoni
    è il silenzio.
    I tuoi baci
    sono offrirmi le labbra
    perché io le baci.
    Mai parole e abbracci
    mi diranno che esistevi
    e mi hai amato: mai.
    Me lo dicono fogli bianchi,
    mappe, telefoni, presagi;
    tu, no.
    E sto abbracciato a te
    senza chiederti nulla, per timore
    che non sia vero
    che tu vivi e mi ami.
    E sto abbracciato a te
    senza guardare e senza toccarti.
    Non debba mai scoprire
    con domande, con carezze
    quella solitudine immensa
    d'amarti solo io.

    @matre...ma sei un romaticone!!!
    Il vero viaggio di scoperta non consiste nel trovare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi - Marcel Proust

  6. #6
    Senior Member L'avatar di silviaf26
    Data Registrazione
    04-02-2005
    Località
    Bologna
    Messaggi
    10,098
    ce ne sono tante ma se devo dire la prima che mi viene in mente: detesto ammetterlo, perchè l'autore non mi piace come personaggio, ma La pioggia nel pineto per me ha una musicalità unica.

  7. #7
    Senior Member L'avatar di anto19_70
    Data Registrazione
    21-01-2007
    Località
    Romagna ---> Abruzzo
    Messaggi
    8,106
    silvia, vale anche per me: D'Annunzio in genere proprio non mi è mai piaciuto, ma La pioggia nel pineto -hai ragione- è musicale come poche altre poesie, ed è veramente bellissima
    Il vero viaggio di scoperta non consiste nel trovare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi - Marcel Proust

  8. #8
    Senior Member L'avatar di Ninni77
    Data Registrazione
    13-10-2004
    Località
    Ridente cittadina del viterbese
    Messaggi
    25,736
    Io non ho mai amato le poesie, forse perchè l'obbligo di impararle a memoria mi ha lasciato un ricordo negativo dell'esperienza
    Però ricordo con piacere anch'io La pioggia nel pineto, vi ho fatto un tema e presi 8! Il prof ne era orgoglioso, me lo ha fatto leggere ad alta voce ed è scattato anche l'applauso


    Poi c'era quella lunghissima, di Carducci, Davanti San Guido! Mamma mia, ricordo che stress impararla tutta! Ci costò la promozione in seconda media, ricordo
    Comunque, leggendola ora, mi piace E ricordo anche qualche verso

    Davanti a San Guido

    I cipressi che a Bólgheri alti e schietti
    Van da San Guido in duplice filar,
    Quasi in corsa giganti giovinetti
    Mi balzarono incontro e mi guardar.
    Mi riconobbero, e— Ben torni omai —
    Bisbigliaron vèr' me co 'l capo chino —
    Perché non scendi ? Perché non ristai ?
    Fresca è la sera e a te noto il cammino.
    Oh sièditi a le nostre ombre odorate
    Ove soffia dal mare il maestrale:
    Ira non ti serbiam de le sassate
    Tue d'una volta: oh non facean già male!
    Nidi portiamo ancor di rusignoli:
    Deh perché fuggi rapido cosí ?
    Le passere la sera intreccian voli
    A noi d'intorno ancora. Oh resta qui! —
    — Bei cipressetti, cipressetti miei,
    Fedeli amici d'un tempo migliore,
    Oh di che cuor con voi mi resterei—
    Guardando lor rispondeva — oh di che cuore !
    Ma, cipressetti miei, lasciatem'ire:
    Or non è piú quel tempo e quell'età.
    Se voi sapeste!... via, non fo per dire,
    Ma oggi sono una celebrità.
    E so legger di greco e di latino,
    E scrivo e scrivo, e ho molte altre virtú:
    Non son piú, cipressetti, un birichino,
    E sassi in specie non ne tiro piú.
    E massime a le piante. — Un mormorio
    Pe' dubitanti vertici ondeggiò
    E il dí cadente con un ghigno pio
    Tra i verdi cupi roseo brillò.
    Intesi allora che i cipressi e il sole
    Una gentil pietade avean di me,
    E presto il mormorio si fe' parole:
    — Ben lo sappiamo: un pover uom tu se'.
    Ben lo sappiamo, e il vento ce lo disse
    Che rapisce de gli uomini i sospir,
    Come dentro al tuo petto eterne risse
    Ardon che tu né sai né puoi lenir.
    A le querce ed a noi qui puoi contare
    L'umana tua tristezza e il vostro duol.
    Vedi come pacato e azzurro è il mare,
    Come ridente a lui discende il sol!
    E come questo occaso è pien di voli,
    Com'è allegro de' passeri il garrire!
    A notte canteranno i rusignoli:
    Rimanti, e i rei fantasmi oh non seguire;
    I rei fantasmi che da' fondi neri
    De i cuor vostri battuti dal pensier
    Guizzan come da i vostri cimiteri
    Putride fiamme innanzi al passegger.
    Rimanti; e noi, dimani, a mezzo il giorno,
    Che de le grandi querce a l'ombra stan
    Ammusando i cavalli e intorno intorno
    Tutto è silenzio ne l'ardente pian,
    Ti canteremo noi cipressi i cori
    Che vanno eterni fra la terra e il cielo:
    Da quegli olmi le ninfe usciran fuori
    Te ventilando co 'l lor bianco velo;
    E Pan l'eterno che su l'erme alture
    A quell'ora e ne i pian solingo va
    Il dissidio, o mortal, de le tue cure
    Ne la diva armonia sommergerà. —
    Ed io—Lontano, oltre Apennin, m'aspetta
    La Tittí — rispondea; — lasciatem'ire.
    È la Tittí come una passeretta,
    Ma non ha penne per il suo vestire.
    E mangia altro che bacche di cipresso;
    Né io sono per anche un manzoniano
    Che tiri quattro paghe per il lesso.
    Addio, cipressi! addio, dolce mio piano! —
    — Che vuoi che diciam dunque al cimitero
    Dove la nonna tua sepolta sta? —
    E fuggíano, e pareano un corteo nero
    Che brontolando in fretta in fretta va.
    Di cima al poggio allor, dal cimitero,
    Giú de' cipressi per la verde via,
    Alta, solenne, vestita di nero
    Parvemi riveder nonna Lucia:
    La signora Lucia, da la cui bocca,
    Tra l'ondeggiar de i candidi capelli,
    La favella toscana, ch'è sí sciocca
    Nel manzonismo de gli stenterelli,
    Canora discendea, co 'l mesto accento
    De la Versilia che nel cuor mi sta,
    Come da un sirventese del trecento,
    Piena di forza e di soavità.
    O nonna, o nonna! deh com'era bella
    Quand'ero bimbo! ditemela ancor,
    Ditela a quest'uom savio la novella
    Di lei che cerca il suo perduto amor!
    — Sette paia di scarpe ho consumate
    Di tutto ferro per te ritrovare:
    Sette verghe di ferro ho logorate
    Per appoggiarmi nel fatale andare:
    Sette fiasche di lacrime ho colmate,
    Sette lunghi anni, di lacrime amare:
    Tu dormi a le mie grida disperate,
    E il gallo canta, e non ti vuoi svegliare.
    — Deh come bella, o nonna, e come vera
    È la novella ancor! Proprio cosí.
    E quello che cercai mattina e sera
    Tanti e tanti anni in vano, è forse qui,
    Sotto questi cipressi, ove non spero,
    Ove non penso di posarmi piú:
    Forse, nonna, è nel vostro cimitero
    Tra quegli altri cipressi ermo là su.
    Ansimando fuggía la vaporiera
    Mentr'io cosí piangeva entro il mio cuore;
    E di polledri una leggiadra schiera
    Annitrendo correa lieta al rumore.
    Ma un asin bigio, rosicchiando un cardo
    Rosso e turchino, non si scomodò:
    Tutto quel chiasso ei non degnò d'un guardo
    E a brucar serio e lento seguitò.
    Cleo, Toni e Ninni: grazie per aver fatto parte della mia vita per così tanti anni! Sarete sempre nel mio cuore! Sicuramente vorrò bene ad altri gatti e ad atri cani, ma NESSUNO occuperà mai il vostro posto!

  9. #9
    Senior Member L'avatar di Daiana
    Data Registrazione
    19-09-2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    32,079
    Catullo, perchè le sue poesie hanno una carica sensuale modernissima.
    Carme 5

    Vivamus mea Lesbia,atque amemus,
    Rumoresque senum severiorum
    Omnes unius aestimemus assis.
    Soles occidere et redire possunt;
    Nobis cum semel occidit brevis lux,
    Nox est perpetua una dormienda.
    Da mi basia mille, deide centum,
    Dein mille altera, dein seconda centum,
    Deinde usque altera mille, deinde centum.
    Dein, cum milia multa fecerimus,
    Conturbabimus illa, ne sciamus,
    Aut ne quis malus invidere possit,
    Cum tantum sciat esse basiorum.

    Petrarca, perchè come parla d'amore lui non lo sa fare nessun'altro
    Benedetto sia 'l giorno, e 'l mese, e l'anno

    Benedetto sia 'l giorno, e 'l mese, e l'anno,
    e la stagione, e 'l tempo, e l'ora, e 'l punto,
    e 'l bel paese, e 'l loco ov'io fui giunto
    da' duo begli occhi, che legato m'hanno;
    e benedetto il primo dolce affanno ch'i' ebbi ad esser con Amor congiunto,
    e l'arco, e le saette ond'i' fui punto,
    e le piaghe che 'n fin al cor mi vanno.
    Benedette le voci tante ch'io
    chiamando il nome de mia donna ho sparte,
    e i sospiri, e le lagrime, e 'l desio;
    e benedette sian tutte le carte
    ov'io fama l'acquisto, e 'l pensier mio,
    ch'è sol di lei, sì ch'altra non v'ha parte.

    Foscolo, il mio preferito in assoluto, perchè crede nella forza della vita.
    Alla sera

    Forse perché della fatal quïete
    tu sei l'immago a me sì cara vieni
    o Sera! E quando ti corteggian liete
    le nubi estive e i zeffiri sereni,

    e quando dal nevoso aere inquïete
    tenebre e lunghe all'universo meni
    sempre scendi invocata, e le secrete
    vie del mio cor soavemente tieni.

    Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme
    che vanno al nulla eterno; e intanto fugge
    questo reo tempo, e van con lui le torme

    delle cure onde meco egli si strugge;
    e mentre io guardo la tua pace, dorme
    quello spirto guerrier ch'entro mi rugge.
    Siamo un esercito di sognatori, è per questo che siamo invincibili! ????

  10. #10
    Senior Member L'avatar di Vivi
    Data Registrazione
    06-04-2006
    Località
    Chioggia (VE)
    Messaggi
    3,914
    odi et amo e i sepolcri del foscolo e anche una poesia del elopardi, mmm nn ricordo il titolo..vabbè

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato