Pagina 9 di 11 PrimaPrima ... 7891011 UltimaUltima
Risultati da 81 a 90 di 109

Discussione: Cose buone in cucina

  1. #81
    Senior Member L'avatar di etta
    Data Registrazione
    19-07-2004
    Località
    Cremona
    Messaggi
    1,834
    Ieri a Verona in piazza Bra c'erano le bancarelle dei sapori d'Italia: fra pecorini sardi, arancini e cannoli siciliani, speck dell'Alto Adige e sapori liguri ci ha incuriosito il banchetto locale e così ci siamo concessi la degustazione di sfogliatine al Recioto con relativo bicchierino di vino. Un'esperienza deliziosa che consiglio a tutti quelli che faranno un giro a Verona.

    www.sfogliatinealrecioto.it


    Etta :022:
    Se pensi di poter fare una cosa falla. Nell’azione c’è genialità, potenza, magia. (Wolfgang Goethe)


    http://piccolospazio.iobloggo.com/

  2. #82
    Senior Member L'avatar di vale_1606
    Data Registrazione
    14-09-2007
    Località
    Milano
    Messaggi
    746

    Re: Cose buone in cucina

    Tra poco meno più di due settimane: VALLE D?AOSTA

    MARCHE' AU FORT 2008
    Domenica 12 ottobre 2008, nella suggestiva cornice del borgo medievale di Bard, ai piedi dello storico Forte, l’Assessorato all’Agricoltura e Risorse Naturali della Regione Autonoma Valle d’Aosta, l’Associazione Forte di Bard per la valorizzazione del turismo culturale del Forte di Bard, la Camera valdostana delle imprese e delle professioni e il Comune di Bard, presentano la quinta edizione di Marché au Fort, la più importante e vasta rassegna enogastronomica dedicata alla degustazione e vendita dei prodotti tipici della Valle d’Aosta, che ogni anno registra oltre 20.000 visitatori.

    http://www.fortedibard.it/home.php?fdb_lang=ita" target="_blank
    Il viaggio più bello? Quello che non ho ancora fatto...
    Provenza e Camargue
    Val d'Orcia
    Londra con meeting CSS
    New York what else?

  3. #83
    Senior Member L'avatar di etta
    Data Registrazione
    19-07-2004
    Località
    Cremona
    Messaggi
    1,834

    Re: Cose buone in cucina

    vorrei segnalare l'azienda Fieschi di Cremona che da oltre 140 anni produce torrone e mostarda oltre che salse e cotognate.

    Etta


    http://www.fieschi1867.com" target="_blank
    Se pensi di poter fare una cosa falla. Nell’azione c’è genialità, potenza, magia. (Wolfgang Goethe)


    http://piccolospazio.iobloggo.com/

  4. #84
    Senior Member L'avatar di anto19_70
    Data Registrazione
    21-01-2007
    Località
    Romagna ---> Abruzzo
    Messaggi
    8,106

    Re: Cose buone in cucina

    vi segnalo SAPEUR la 6° mostra mercato dell'enogastronomia e delle tendenze di qualità
    http://www.sapeur.it/

    che si terrà a Forlì il 30-31 Gennaio e 1 Febbraio 2009
    Il vero viaggio di scoperta non consiste nel trovare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi - Marcel Proust

  5. #85
    Guest

    Re:

    Citazione Originariamente Scritto da etta
    se appena la trovate al supermercato io vi consiglio la pasta Triolo rigorosamente prodotta a Messina e con un sito http://www.pastatriolo.it" target="_blank" target="_blank in costruzione.
    E' in numerosi formati e permette di cucinare degli strepitosi primi piatti.
    A distanza di oltre sei mesi, il sito è ancora in costruzione. Mah...
    O hanno milioni di prodotti da inserire o non gli interessa pubblicizzarsi. Peccato, visto che è una pasta di tale qualità!
    Certo che siete proprio MESSI MALE.
    In Sicilia sono secoli che si conosce questo pastificio: prodotti INFIDI e a basso costo. La vendono solo negli Hard Discount.
    Pasta Colorata artificialmente per farla sembrare "all' uovo" e con prodotti di scarto o di riciclo.
    La Triolo fallì tempo fa.
    Ecco il triste ulteriore epilogo dei nostri giorni.

    Vi consiglio una visita gastro-intestinale a causa dei prodotti illegali usati per la produzione della pasta.

    http://www.tempostretto.it/8/index.php? ... colo=13800" target="_blank" target="_blank

    "Alla vista dei finanzieri uno degli addetti alla pastificazione abusiva ha riversato il preparato all’uovo, utilizzato per la colorazione della pasta e contenuto in tre confezioni di plastica da venti litri ciascuno, in un tombino di scolo delle acque bianche. I contenitori però sono stati sequestrati per poterne analizzare il contenuto."

    http://www.lasicilia.it/index.php?id=17 ... asiciliait" target="_blank" target="_blank

  6. #86
    Senior Member L'avatar di leander
    Data Registrazione
    19-07-2004
    Località
    Belinshire, l'Impero del Basilico
    Messaggi
    28,076

    Re: Cose buone in cucina

    Grazie per l'aggiornamento.
    Scusa, ce la togli una curiosità? Come sei arrivato - quale utente appena registrato - a questo canale del Forum, visto che siamo un sito di viaggi e questo settore cucina ne è solo una piccolissima parte?

  7. #87
    Guest

    Re: Cose buone in cucina

    Citazione Originariamente Scritto da leander
    Grazie per l'aggiornamento.
    Scusa, ce la togli una curiosità? Come sei arrivato - quale utente appena registrato - a questo canale del Forum, visto che siamo un sito di viaggi e questo settore cucina ne è solo una piccolissima parte?
    Ehhhhhh, ci sono tante domande delle quali la Gente mi chiede le risposte.
    "Chi siamo", "da dove veniamo", "dove andiamo", "cosa mangeremo stasera".....
    Questa è una delle tante destinate a restare senza risposta.....

    Sorry.

    Diciamo solo che un buon 80% delle cose scritte su questo riverito Forum sono scritte da entusiasti inesperti o da gente che si illude che quel che scrive sia vero.
    Senza offesa, ma è tutto falso o molto, ma molto, dipendente da fuorvianti esperienze personali singole e senza storia.
    Prendiamo questa della Pasta Triolo, ad esempio (ma ce ne sono a iosa di pastifici così o di aziende che razzolano nel torbido per raccattare qualche soldo): è dagli anni 90 che questa azienda produce materiale semplicemente indecente, ma io ne ho sentito decantare meraviglie...
    Adesso che il malaffare è stato portato sotto gli occhi di tutti (dopo oltre un decennio) cosa succede? Nulla: chi comprava questi prodotti prima continuerà, imperterrita, a preferire roba del genere perchè "sono mica fessi" che spendono soldi in più per roba "industriale" e "troppo cara".
    Ma basta portare ad analizzare una confezione di pasta, che so, Barilla, Buitoni o Voiello (tanto per dare qualche marchio industriale) e una di un pastificio "artigianale "low cost" per avere le risposte.
    Perchè la vera pasta "fatta artigianalmente" deve costare enormemente di più e non di meno della più blasonata "industriale".
    Ma questo a chi vuole che importi?
    Legga qua ad esempio....

    http://www.trattoriailsorpasso.it/la-no ... posta.html" target="_blank" target="_blank
    l´attenzione nella scelta e nella manipolazione delle materie prime, cercando di favorire le produzioni locali e i piccoli produttori che ogni giorno devono difendere la loro piccola posizione dalle grandi catene di produzione e distribuzione.
    e anche
    la pasta di semola che usiamo sono del pastificio xxxxx e del pastificio siciliano Triolo (ME) che lavorano grano duro nazionale
    e se poi legge

    http://209.85.129.132/search?q=cache:QZ ... ent=safari" target="_blank" target="_blank

    dove si evince che (come se ce ne fosse bisogno vedendo i prezzi di mercato) "Ora invece arriva il prodotto dall'estero di scarsa qualità»

    Ci sono, ad esempio, UN SACCO di aziende tipo "agriturismo" che agriturismo non sono (Se Lei è fortunato comprano da Metro, se no da Cinesi di passaggio) e che vendono prodotti artefatti spacciandoli per "artigianali". E la gente, oramai intontita dalle TV e rimbambita da alcool, fumo, polverine e chissà cos' altro, non sa distingue neanche un cappero da un oliva, figuriamoci distinguere un vero extravergine di oliva da un olio di sansa colorato con clorofilla. Basta che escano e, sopratutto, "risparmino".

    Ecco, so che non posso metteri a correggere il mondo,anche perchè il mondo non vuole essere corretto, ma almeno il piacere di guardarli in faccia mentre le loro convinzioni crollano miseramente me Lo permetterà, no?

  8. #88
    Senior Member L'avatar di leander
    Data Registrazione
    19-07-2004
    Località
    Belinshire, l'Impero del Basilico
    Messaggi
    28,076

    Re: Cose buone in cucina

    Citazione Originariamente Scritto da cardiotonico
    almeno il piacere di guardarli in faccia mentre le loro convinzioni crollano miseramente me Lo permetterà, no?
    Tranquillo, qui si permette tutto, purché in termini di civiltà, cosa che stiamo facendo.
    Però, se non possiamo che prendere atto di quanto da Lei (passo al Lei poiché mi sembra che Lei lo prediliga, vedasi suo passaggio "me Lo permetterà") riportato sulla pasta Triolo, visti i links ad articoli di quotidiani con riferimenti precisi, lascia perplessi la Sua frase "Diciamo solo che un buon 80% delle cose scritte su questo riverito Forum sono scritte da entusiasti inesperti o da gente che si illude che quel che scrive sia vero": non crede che la discussione sarebbe più costruttiva se Lei ci elencasse qual è quell'80%? Fare generalizzazioni (Lei ne fa anche un'altra: "E la gente, oramai intontita dalle TV e rimbambita... ecc.") non porta da nessuna parte.
    Inoltre, visto che Lei ci sembra un'autorità in materia, ci farebbe piacere sapere con chi abbiamo l'onore di conversare.
    Questa curiosità Lei ce la permetterà, vero (anche se non ci perderò il sonno)?

    Ah, dimenticavo: Lei scrive "Questa è una delle tante destinate a restare senza risposta". Beh, contento Lei... Da parte mia, anche in questo caso non ci perderò il sonno.

    Grazie comunque per lo stimolante spunto di riflessione. Buonanotte.

  9. #89
    Guest

    Re: Cose buone in cucina

    Citazione Originariamente Scritto da leander
    Citazione Originariamente Scritto da cardiotonico
    almeno il piacere di guardarli in faccia mentre le loro convinzioni crollano miseramente me Lo permetterà, no?
    Tranquillo, qui si permette tutto, purché in termini di civiltà, cosa che stiamo facendo.
    Però, se non possiamo che prendere atto di quanto da Lei (passo al Lei poiché mi sembra che Lei lo prediliga, vedasi suo passaggio "me Lo permetterà") riportato sulla pasta Triolo, visti i links ad articoli di quotidiani con riferimenti precisi, lascia perplessi la Sua frase "Diciamo solo che un buon 80% delle cose scritte su questo riverito Forum sono scritte da entusiasti inesperti o da gente che si illude che quel che scrive sia vero": non crede che la discussione sarebbe più costruttiva se Lei ci elencasse qual è quell'80%? Fare generalizzazioni (Lei ne fa anche un'altra: "E la gente, oramai intontita dalle TV e rimbambita... ecc.") non porta da nessuna parte.
    Inoltre, visto che Lei ci sembra un'autorità in materia, ci farebbe piacere sapere con chi abbiamo l'onore di conversare.
    Questa curiosità Lei ce la permetterà, vero (anche se non ci perderò il sonno)?

    Ah, dimenticavo: Lei scrive "Questa è una delle tante destinate a restare senza risposta". Beh, contento Lei... Da parte mia, anche in questo caso non ci perderò il sonno.

    Grazie comunque per lo stimolante spunto di riflessione. Buonanotte.
    No, e perchè perderci il sonno?

    bene: andiamo con ordine....

    -Io sono un perfetto Mr. Nessuno, quindi anche se facessi nome e cognome dubito fortemente (a meno che sia uno dei 5 che mi conoscono bene al mondo) sappia chi sono.
    Non è per nascondermi quindi, ma tanto o un "Giuseppe Pambieri" o un "Filippo D' Armagnac" come identità non cambierebbero i toni della discussione.

    -Do sempre del Lei per educazione, non per snobismo. Ovvero, "sono" un grandissimo snob, ma non confondiamo questo con l' educazione di Mammà...

    - Fare generalizzazioni non porta certo da nessuna parte. Ma non è che ci si può mettere ad uno ad uno a citare tutti e contraddire tutte le esperienze. Magari qualcuno se ne avrebbe a male.
    Io di solito parlo per "esperienze di vita" e, come nel caso Triolo, perchè ci sono fatti che confermano quanto dico. Non parlo mai "per sentito dire" o per ripicca o risentimento verso chichessia.
    Ma, come nel caso Triolo nello specifico, leggere che quella pasta "è una pasta di tale qualità" mi fa andare in bestia datosi che anche un bambino, vedendola, assaggiandola e guardandone il prezzo avrebbe capito...(Lei fa la pasta in casa? Se mette anche 100 uova e solo 10 grammi di farina comunque il prodotto finale non viene così giallo come quello creato "artificialmente" con coloranti chimici come nella ditta Triolo accadeva)
    E non generalizzo assolutamente quando affermo che molti si illudono che le cose stiano come pensano loro.
    Ne conosco di turisti, ne ho visti a milioni oramai. E tutti inattaccabili nei loro "giudizi". Perchè "deve essere" come dicono loro. E se tu obietti (con fatti alla mano) sei un bastian contrario.
    E magari anche snob e razzista, perchè no...

    -Lo spunto per la riflessione è sempre quello, solo che alla gente NON PIACE RIFLETTERE. Anzi, NON VOGLIONO.
    Faccio un esempio: un mio conoscente ha la passione per ricotta e formaggi e mi ha rotto le palle per 10 anni col suo "pecoraio di fiducia". Io, solo dai suoi racconti, ho sempre pensato male. Decido allora di portare un altro conoscente a "provare" cotali meraviglie.. Bene, andiamo di mattina molto presto da questo conoscente e lui, imbarcatici sulla sua auto, ci accompagna sul luogo.
    Scena, ci troviamo in una campagna vicina al solito agglomerato industriale. Primo punto a sfavore. Entriamo nel podere e ci incamminiamo verso delle costruzioni (neanche cascina si potrebbe definire: erano 4 mattoni messi uno sull' altro alla buona) dove il pecoraio è intento a preparare il prodotto da portare in giro col motofurgone in mattinata. Scena: ci fanno entrare in un posto abbastanza sporco (terra, letame ed altro) con mille mosche che girano, un bidone enorme di ferro (abbastanza malandato) pieno di liquido per la ricotta (dire latte mi vergognerei) nel quale un ragazzino (molto minorenne e puzzolente) rigira mesto un bastone di legno. Avendo io guardato appena arrivati il bestiame e essendo sicuro che le pecore erano una diecina circa per prima cosa ho fatto notare al conoscente che mi pareva strano che quelle 4 bestiole potessero produrre tanto latte per fare tutta quel popò di ricotta. Qui lui mi guarda inebetito e dice "Perchè no?". Allora io lo invito a chiedere al "pecoraio" e quello risponde che si, in effetti, non era solo latte di pecora quello nel pentolone, ma c'era anche latte di mucca. Adesso fin qui potrebbe non esserci nulla di male se non che costui spaccia quel prodotto per "ricotta fresca di pecora" quando va in giro a venderlo. Passo successivo: la degustazione vera e propria: il mio conoscente tira fuori scodelle, cucchiai e pane portati da casa (il pecoraio ovviamente manco quelli fornisce!) e si fa versare dentro il tanto agognato prodotto caldo con tanto di siero obbligatorio. Io, come non pensarlo, declino prontamente l' offerta (avevo già avvisato prima che non mangio ricotta calda, ed è vero...) e sto a guardare i due "gonzi" che si apprestano ad assaporare il prodotto.
    Dopo due o tre cucchiaiate dico al solito conoscente "scusa, va bene per le pecore, ma se questo è un pecoraio e fuori ci sono solo 10 pecore e due-mucche-due, mi sai dire il resto del latte da dove proviene???? A questo punto il tipo semi incazzato borbotta qualcosa e, come sempre mi capita in questi casi, sfanculandomi mi dice qualcosa di incomprensibile sul mio essere rompiscatole e sull' essere razzista e snob e seguita, insieme all' altro tizio, a mangiare quella sbobba.
    Non mi sono, a questo punto, permesso di fargli notare dei sacchi sospetti (latte in polvere?) che erano malcelati dietro dei cumuli di sterco (tra l' altro sterco addossato alle "fascette" che sarebbero servite per imbrigliare le ricottine da vendere) per amore di "quieto vivere". E lui, per il resto della giornata, non si è permesso di tornare sull' argomento insieme all' altro tizio, ambedue, si vede, soddisfatti dell' antelucana esperienza.
    Che dire? Che mi hanno comunque affibiato, da portare a casa, qualche fascetta di ricotta? Che ne ho assaggiato la sera mezzo cucchiaio e ho scoperto che non aveva nessun sapore particolare? Che la ho scaraventata nel piatto dei gatti da dove l' ho buttata il giorno successivo perchè neanche loro l' hanno voluta (schizzinosi!)?
    Onestamente di quel giorno la cosa che mi ha colpito di più era stato proprio il signor "pecoraio", che nella sua puzza standard, nei suoi vestiti lisi, col suo recitare odiosamente "la parte" del villico genuino chissà quanti soldi si faceva, in barba allo stato e alla faccia di tutte quelle persone come il mio conoscente che erano convinte della sua buona fede e nella genuinità dei suoi prodotti.
    Come dire: metti una corona ad un barbone e sarà venerato come un re.
    Bah............

    Rifletta, rifletta, caro lei. E scoprirà che alla fine è tutto inutile. O quasi.

  10. #90
    Guest

    Re: Cose buone in cucina

    A proposito: sarei curiosissimo di vedere la faccia della signora ETTA mentre legge gli articoli dei quotidiani sul caso.....

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato