Pagina 8 di 9 PrimaPrima ... 6789 UltimaUltima
Risultati da 71 a 80 di 87

Discussione: ANEDDOTI DI VIAGGIO

  1. #71
    Senior Member L'avatar di etta
    Data Registrazione
    19-07-2004
    Località
    Cremona
    Messaggi
    1,834

    Re: ANEDDOTI DI VIAGGIO

    Ero a Praga al'uscita della chiesa dove è custodito il Bambino Gesù di P. in cera, un signore si avvicina e propone al nostro gruppo la vendita a buon prezzo di uno strumento musicale racchiuso in una custodia, trattasi di uno Stradivari ci dice in uno stentato italiano; ci guardiamo in faccia e non possiamo trattenerci dal ridere non poteva capitare peggio siamo infatti una comitiva proveniente dalla città natale di Stradivari!


    Etta
    Se pensi di poter fare una cosa falla. Nell’azione c’è genialità, potenza, magia. (Wolfgang Goethe)


    http://piccolospazio.iobloggo.com/

  2. #72
    Senior Member L'avatar di leander
    Data Registrazione
    19-07-2004
    Località
    Belinshire, l'Impero del Basilico
    Messaggi
    28,078

    Re: ANEDDOTI DI VIAGGIO

    A Rodi ho alloggiato all'Hotel Anastasia, gestito dai simpaticissimi Mihalis (greco) e Stefania (toscana).
    In passato Stefania ha fatto per qualche anno la guida in Rodi Town dei gruppi che sbarcavano dalle navi della Costa Crociera.
    Me ne ha raccontato di tutti ci colori, peccato che me ne ricordo solo due.

    Il primo
    Una coppia di giovani, uno le chiede: "io quello che dice 'sta gente non lo capisco, ma come parlano?"
    S. (stupita): "beh, parlano greco" - "no, ma... volevo dire, io sono italiano e parlo italiano, un francese parla francese, un inglese parla inglese, ma questi che lingua parlano?" - S. (paziente): "parlano greco, siamo in Grecia. no?". Non riuscì a convincersi, quindi S. preferì lasciar perdere.

    Il secondo
    Una signora di mezza età: "Ma qui la gente dove va a fare la spesa?"
    Stefania: "nei negozi, al mercato, nei supermarket..."
    "Ah, hanno pure i supermarket? Ma sono come da noi?"
    "Beh, certamente!"
    "No, ma voglio dire... le cose sono colorate??????"
    "Mi scusi, cioè?"
    "Per esempio, io in Italia, già da lontano so che la pasta Barilla ha il pacco blu, la De Cecco celeste... anche qui hanno le scatole colorate?"
    Inutile dire che S. si astenne a darle la rispostina pepata che la signora meritava.

    Ma ci rendiamo conto di quale cervellino bacato abbia certa gente?

  3. #73
    Senior Member
    Data Registrazione
    19-07-2004
    Località
    vicenza
    Messaggi
    7,968

    Re: ANEDDOTI DI VIAGGIO

    E indovina un po' chi votano?
    Di una città non apprezzi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà ad una tua domanda.
    Italo Calvino.

  4. #74
    Senior Member L'avatar di leander
    Data Registrazione
    19-07-2004
    Località
    Belinshire, l'Impero del Basilico
    Messaggi
    28,078

    Re: ANEDDOTI DI VIAGGIO

    Il primo o il secondo?

  5. #75
    Senior Member
    Data Registrazione
    19-07-2004
    Località
    vicenza
    Messaggi
    7,968

    Re: ANEDDOTI DI VIAGGIO

    Gli entrambi che hai detto
    Di una città non apprezzi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà ad una tua domanda.
    Italo Calvino.

  6. #76
    Senior Member L'avatar di reietto
    Data Registrazione
    29-07-2007
    Località
    Prov. di Cagliari
    Messaggi
    8,091

    Re: ANEDDOTI DI VIAGGIO


  7. #77
    Senior Member L'avatar di Sailing
    Data Registrazione
    08-01-2009
    Località
    terre del prosecco
    Messaggi
    3,596

    Re: ANEDDOTI DI VIAGGIO

    Namibia, bel lodge appena fuori Etosha national park: cena a buffet. Un rumoroso gruppo di romani, specializzato nella formazioni di piramidi nei piatti, ovvero nella cena "abbuffet", devasta il buffet prelevando tutto il prelevabile. Convinti ovviamente che nessun altro parli Italiano (eravamo nel 1996, la Namibia non era ancora nella cresta dell'onda tra gli Italiani), si parlano dal banco ai tavoli come se fossero da soli nella sala.
    Il più curioso del gruppo, non contento della meravigliosa costruzione che aveva improntato nel suo piatto, si avvicina alla griglia con sguardo colmo di cupidigia e confabula con il cuoco. Dopodichè si volta con un sorriso a 32 denti verso gli amici ed esclama:
    "aho, ragà, ce sta pure l'Orico ai ferri!"

    (Nota: l'orico era l'Orice)
    Chi viaggia vede, chi sta a casa non ci crede (antico proverbio)

    Next:

    24 - 30 agosto: penisola di Sithonia (Grecia)
    22 settembre 27 settembre: Santorini
    14 ottobre - 29 ottobre: Botswana

  8. #78
    Senior Member L'avatar di Sailing
    Data Registrazione
    08-01-2009
    Località
    terre del prosecco
    Messaggi
    3,596

    Re: ANEDDOTI DI VIAGGIO

    ancora protagonisti un gruppo di romani: parco delle everglades, Florida. Sto accovacciato lungo un sentiero, intento a fotografare due avvoltoi, quando sento un gruppetto dietro di me che parla Italiano. Sono due coppie con un figlio ciascuno di 15-16 anni. Mamme, ragazzi e uno dei due padri stanno discutendo animatamente per cercare di capire di che animali si tratta. Ovviamente io sto zitto, perchè ho imparato a non parlare: se si accorgono che sei italiano è facile che coloro che non sono particolarmente interessati ( e si vedeva che loro erano lì quasi per caso) ti attacchino bottone e magari ti facciano perdere delle belle occasioni perchè ti distrai. D'altra parte è brutto anche essere sbrigativi, quindi il sistema migliore è far finta di non capire e starsene zitti.
    Dunque i cinque stanno controllando in una specie di libretto che hanno preso al centro visitatori e la diatriba è tra corvi e avvoltoi: i ragazzi sostengono che sono avvoltoi, le mamme e uno dei genitori corvi. Vanno avanti così per un paio di minuti, fino a quando, visto che non ne vengono fuori con il libretto, decidono di interpellare l'altro genitore, quello che saggiamente se ne è stato in disparte, forse perchè sanno che è il più autorevole del gruppo e potrà mettere fine alla discussione.
    Questi, costretto ad esprimere il suo parere, se ne esce con un salomonico:
    "Sarà, ma corvi così io, sur Tevere, non ne ho mai visti!"
    Ineccepibile!
    Chi viaggia vede, chi sta a casa non ci crede (antico proverbio)

    Next:

    24 - 30 agosto: penisola di Sithonia (Grecia)
    22 settembre 27 settembre: Santorini
    14 ottobre - 29 ottobre: Botswana

  9. #79
    Senior Member L'avatar di Amsty
    Data Registrazione
    12-12-2005
    Località
    Un po' qui... Un po' là...
    Messaggi
    889

    Re: ANEDDOTI DI VIAGGIO



    Istanbul qualche settimana fa. Sono in attesa davanti un semaforo quando sono circondato da un credo appena arrivato gruppo di turisti napoletani.
    Parte il muezzin e dal gruppo si solleva una voce: "Uhé, ma stu stunato adda cantà tutte 'è juorne accussi? Nun ce po' mettere "O sole mio" 'o "'O surdate 'nnamurato?" (trad: "Ma questo stonato deve cantare tutti i giorni così? Non ci può mettere "'O sole mio" oppure "Il soldato innamorato?"). Dal gruppo si solleva una grassa risata con vari commenti. Molto ignoranti aggiungo io.
    Chi mi ama, mi segua... chi no, se ne stia a casa!!


    A M S T Y

  10. #80
    Senior Member L'avatar di Sailing
    Data Registrazione
    08-01-2009
    Località
    terre del prosecco
    Messaggi
    3,596

    Re: ANEDDOTI DI VIAGGIO

    Visto che ci siamo, a proposito di ignoranza (ma stavolta in buona fede).
    Torniamo indietro di un bel pò di anni. Mia sorella va a fare la ragazza alla pari a Londra per preparare la tesi e una sua ex compagna di scuola, con un inglese decisamente scolastico, le chiede se può raggiungerla, e fare anche lei la ragazza alla pari perchè vuole finalmente migliorare il suo inglese . Lei le trova una famiglia vicino alla sua e la ragazza arriva. Esaurite le presentazioni, mia sorella se ne va e arriva il fatidico imbarazzantissimo momento in cui questa ragazza, con il suo inglese scolastico, non sa portare avanti bene la conversazione. Tanto per dire qualcosa, visto che la famiglia ha due bellissime bambine (5 e 7 anni se ricordo bene) pensa di dire una frase del tipo "le bambine sono così belle che le rapirei e le porterei con me in Italia". Frase probabilmente già di per sè infelice di questi tempi, ma sto parlando di 20 anni fa, quindi ancora accettabile.
    Comincia a costruirsi la frase prima di pronunciarla, e ritiene di essere in grado di dirla, ma, ahimè, l'unica parola che non sa come sia in Inglese è "rapire": scatta il solito ragionamento all'Italiana, questa volta pericolosissimo: beh, pensa, se in italiano è rapire in Inglese sarà "rape".
    To Rape, in inglese, vuol dire violentare! Immaginatevi la faccia dei genitori quando si sentono dire che vorrebbe violentare le bambine e portarsele in Italia! Per fortuna era una ragazza, pensate se lo avesse detto un ragazzo, vai a spiegare che è tutto un equivoco....
    Chi viaggia vede, chi sta a casa non ci crede (antico proverbio)

    Next:

    24 - 30 agosto: penisola di Sithonia (Grecia)
    22 settembre 27 settembre: Santorini
    14 ottobre - 29 ottobre: Botswana

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato