Pagina 125 di 199 PrimaPrima ... 2575115123124125126127135175 ... UltimaUltima
Risultati da 1,241 a 1,250 di 1990

Discussione: *INFO KENYA*

  1. #1241
    Senior Member L'avatar di Baraka
    Data Registrazione
    28-12-2005
    Località
    sto qui ma vorrei stare lì
    Messaggi
    835
    Notizie fresche da malindi:
    La situazione è più o meno come l'ho lasciata io neanche una settimana fa.
    C'è una calma paradossale i molti turisti se ne sono andati ma qualcuno è rimasto.
    Un mio amico a cui hanno annullato il volo del 4 gennaio partirà domani da Roma perchè ci sono diverse richieste, i voli ripartono con una certa regolarità e questa è una buona notizia, io potessi ripartirei anche adesso.
    Il kenya ha accolto molti profughi dei paesi confinanti, ora è il suo popolo ad avere bisogno di soliderietà.
    I prezzi dei generi di prima necessità sono aumentati e i più poveri, che già prima faticavano ora dovranno digiunare ancora di più.
    Tanto per capirci un sacchetto di farina che fino a dieci giorni fa costava 40 scellini ora costa 60
    I molti addetti al turismo si ritrovano senza lavoro, i soldi non girano e a pagare il prezzo più alto sono i più poveri, gli innocenti.
    La fame, la povertà, come abbiamo detto più volte fa crescere il rischio di delinquenza, le pance vuote non permettono di andare a scuola ed impegnarsi nello studio, con la pancia vuota si fa ben poco di buono....
    Io spero tanto che la gente torni a visitare quella terra meravigliosa, i turisti non sono in pericolo, io appena posso tornerò :022:
    "Cerca di ottenere ciò che ami altrimenti finirai per amare ciò che ottieni..."

  2. #1242
    Baraka prima di ritornare in Kenya mi raccomando mettiti il giubbino antiproiettili e la divisa anti bomba

    Portati pure un fucile a canna mozza e qualche granata...in pratica vai con la divisa da combattimento

    Ho dubbi sulle pance vuote in diminuzione perchè la popolazione femminile ha sempre le pance piene. fanno un figlio ogni anno.

    Scherzi a parte la situazione è davvero drammatica.

    La parte ricca del Kenia il centro nord si è fermato e non produce quel minimo che produceva....si trattava già di un economia in grave difficoltà e con crescita zero ma ora ha subito il duro colpo.

    La parte della costa Malindi,Mombasa e Watamu che viveva di turismo e riusciva a mandare avanti ha subito il colpo.

    E' un paese impoverito ancora di più....ma qui l'impoverimento è una fame nella fame.

    Fame che degenera la situazione....porta sciacallaggio, sfruttamento dei bambini che sono spinti dai genitori a lavorare o a elemosinare con conseguente allontanamento dalle scuole ecc ecc.

  3. #1243
    Senior Member L'avatar di Baraka
    Data Registrazione
    28-12-2005
    Località
    sto qui ma vorrei stare lì
    Messaggi
    835
    09/01/2008 14.42
    Nessuna modifica nel programma Kenya di African Explorer


    "Non opereremo nessuna modifica alla nostra programmazione sul Kenya e continueremo ad essere ottimisti nonostante ci siano pervenute alcune cancellazioni addirittura per il mese di agosto". Così Alessandro Simonetti, titolare di African Explorer, conferma la fiducia nella destinazione africana. Una decisione presa anche alla luce delle informazioni che arrivano direttamente dal Paese: "Stiamo ricevendo cancellazioni relative alle partenze programmate per il mese di gennaio per un totale di circa 60 passeggeri - specifica Simonetti - ma, al contempo, abbiamo assistito al ritorno di circa 100 passeggeri proprio durante il periodo di maggiore crisi, senza alcun problema". E aggiunge: "Stando alle informazioni del Kenya Tourism Board e dai corrispondenti locali, la situazione è molto meno tesa di quanto si dica. Abbiamo fiducia in una lenta ma graduale ripresa della stabilità nel Paese"
    "Cerca di ottenere ciò che ami altrimenti finirai per amare ciò che ottieni..."

  4. #1244
    SCAFATI (Salerno) - Sono iniziati ieri mattina i lavori per la costruzione dell’ospedale di St. Therese di Kiirua, nella regione del Meru in Kenya. Un progetto sostenuto dalla Onlus Trame Africane. Un regalo all’intera popolazione keniota che, però, scalda il cuore di persone distanti migliaia di chilometri dal Kenya. La realizzazione dell’ospedale sarà, infatti, possibile grazie al contributo raccolto nelle varie iniziative messe in campo da Trame Africane a Scafati, Pompei e in tutta la regione Campania.

    Kiirua è un piccolissimo villaggio a 2020 metri di altezza, su di una colata lavica millenaria. Un luogo dove la maggior parte della popolazione vive sotto il livello di povertà, con meno di un dollaro al giorno. Grazie all’impegno di Trame Africane, Kiirua si candida così a diventare un punto di riferimento per l’intera regione. Lì sulle sue terre inospitali sarà costruita una struttura ospedaliera all’avanguardia, dotata di due sale parto, due sale operatorie, una sala per l’anestesia, un pronto soccorso, spogliatoi per medici, un laboratorio farmaceutico e sale pre e post operatorie.

    “Gli altri ospedali si trovano molto lontano – racconta Pasquale Coppola, patron della Onlus – la più vicina è a 45 chilometri ‘africani’. Le distanze per quanto piccole possano essere numericamente, in Africa diventano insormontabili. Basta pensare che per percorrere i 280 km che separano Kiirua da Nairobi ci vogliono più di cinque ore. C’è anche un altro ospedale, ma definirlo tale è un azzardo. Si trova a Mereu, più vicino ancora, ma è attrezzato con il minimo indispensabile”.

    Il St. Therese, al contrario, sarà dotato di tutte le tecnologie disponibili “e non sarà l’ennesima cattedrale nel deserto. Non sarà una piccola goccia nel mare, ma un approdo sicuro nella tempesta. Sorgerà su di un’area ampia più di 1200 metri quadrati e avrà come marchio di garanzia il lavoro svolto, fino ad oggi, con molti sacrifici e pochissimi mezzi dalle Piccole Suore di Santa Teresa del Bambino Gesù. Coprirà – aggiunge Coppola - un bacino d’utenza di più di 100mila persone. Sarà un investimento importante, ma non un salto nel buio perché a gestirlo saranno persone presenti sul territorio da anni e che operano da diverso tempo, facendo miracoli con il poco che hanno a disposizione”.

    “La posa della prima pietra è stata effettuata ieri, ma in realtà avremmo potuto dare il via ai lavori già a dicembre. I disordini che hanno scossa il Kenya ci hanno però imposto la prudenza. Nonostante questo leggero slittamento – assicura Coppola – il St. Therese sarà terminato nei tempi previsti. Cioé nel giro di un anno”. L’opera costerà complessivamente 400mila euro. Una cifra, coperta al momento solo per la metà.

  5. #1245
    Senior Member L'avatar di Baraka
    Data Registrazione
    28-12-2005
    Località
    sto qui ma vorrei stare lì
    Messaggi
    835
    Conosco questa associazione e fa un sacco di cose buone per il kenya :022:

    Anche io ho una buona notizia:
    da qualche giorno abbiamo accolto un nuovo bimbo, orfano di madre e padre alcolista. Il bimbetto ha le gambine atrofizzate e problemi anche agli arti superiori, e troppo spesso rimane da solo nel bosco senza cibo nè acqua.
    Dalla prossima settimana andrà a scuola, lo stiamo inserendo in una struttura adeguata per bimbi portatori di handicap.


    La speranza ci fa andare avanti :022:
    "Cerca di ottenere ciò che ami altrimenti finirai per amare ciò che ottieni..."

  6. #1246
    Senior Member L'avatar di Daiana
    Data Registrazione
    19-09-2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    32,079
    Baraka ti ammiro tanto!
    Siamo un esercito di sognatori, è per questo che siamo invincibili! ????

  7. #1247
    Citazione Originariamente Scritto da baraka

    Io spero tanto che la gente torni a visitare quella terra meravigliosa, i turisti non sono in pericolo, io appena posso tornerò :022:
    VADO IOOOOO...... HO GIA' LA VALIGIA IN MACCHINA.... A KE ORA è L'AEREO TUTTO X ME? VISTO KE AVRANNO ANNULLATO TUTTE LE PRENOTAZIONI? GIA OGGI è VENERDI E DA MXP è ALLE 23.10...
    DAI..... ERO ANCORA NEI MIEI SOGNI AD OCCHI APERTI....
    CMQ BUONGIORNO A TUTTI.....

  8. #1248
    Partite verso la costa e non avrete problemi con i beach boys che vi aspettano a braccia aperte e vi scorteranno come body guard.
    Ho sentito di guerra tra Eurofly ed alcuni tour operator che non la stanno pagando e tale compagnia ha detto che se l' andazzo non cambierà lascerà a terra i viaggiatori e lo ha già fatto qualche giorno fa e continuerà a farlo....pertanto sarebbe preferibile evitare Eurofly per non incorrere in possibili spiacevoli intoppi.

    Appena possibile partirò anch'io per il Masai Mara ed ho già chiesto un finanziamento all'amica Baraka

    Visto che umanamente sostiene donne,bambini ed adulti africani potrebbe sbilanciarsi per mantenere anche me.

  9. #1249
    Senior Member L'avatar di Baraka
    Data Registrazione
    28-12-2005
    Località
    sto qui ma vorrei stare lì
    Messaggi
    835
    A bello!!!!!! tu mantieniti pur da solo che puoi farlo beato te, e poi io non mantengo proprio nessuno
    Confermo che stasera da roma partiranno degli amici, non so con quale compagnia aerea, però partono e questo è l'importante :022:

    Daiana i grandi sono quelli che rimangono :022:

    Sto per consegnare alla redazione il mio ultimo diario.....
    "Cerca di ottenere ciò che ami altrimenti finirai per amare ciò che ottieni..."

  10. #1250
    Senior Member L'avatar di terryble
    Data Registrazione
    24-05-2006
    Località
    Padova
    Messaggi
    6,289
    ...e noi attendiamo il diario. Chissà le novità
    Chi non sa ridere non è una persona, seria.
    (Fryderyk Chopin)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato