Pagina 166 di 706 PrimaPrima ... 66116156164165166167168176216266666 ... UltimaUltima
Risultati da 1,651 a 1,660 di 7054

Discussione: Luci della Ribalta!

  1. #1651
    Guest
    Citazione Originariamente Scritto da Bill
    No, non l'ho visto, perchè da un anno a questa parte non vado più al cinema per protesta. No further comment, please.
    Stasera non perdetevi "L'avvocato del Diavolo".
    Al Pacino memorabile.
    quello l'ho visto

    lo so, lo so, l'ho imbeccato

  2. #1652
    Senior Member L'avatar di Bill
    Data Registrazione
    23-11-2004
    Località
    Brescia
    Messaggi
    184
    E allora? lo rivedi.
    Non mi dire che il V dell''Inferno lo hai letto una volta sola...
    Oltretutto nel film ci trovi la frase della mia firma.
    "Love? Overrated. Biochemically no different than eating large quantities of chocolate."

  3. #1653
    Guest
    beh, la divina è la divina; non sono molti i film che mi è piaciuto rivedere; normalmente quelli strappalacrime quando ho il magone alla Lella Costa

    e poi c'è il Milan su cui gufare

  4. #1654
    Senior Member L'avatar di Bill
    Data Registrazione
    23-11-2004
    Località
    Brescia
    Messaggi
    184
    Citazione Originariamente Scritto da oceanomare
    beh, la divina è la divina; ERA MEGLIO METTERE LA D MAIUSCOLA
    non sono molti i film che mi è piaciuto rivedere; INELEGANTE ED INEFFICACE
    normalmente quelli strappalacrime quando ho il magone alla Lella Costa HAI CHIUSO IL PERIODO PRECENDENTE CON UN PUNTO E VIRGOLA. VOGLIAMO CHIARIRE MEGLIO IL SOGGETTO DI QUESTA FRASE, MAGARI CON UN OCCHIO PIU' ATTENTO ALLA COSTRUZIONE?
    Puoi fare di più.
    "Love? Overrated. Biochemically no different than eating large quantities of chocolate."

  5. #1655
    Guest
    mi che prof spaccamaroni

  6. #1656
    Senior Member L'avatar di Bill
    Data Registrazione
    23-11-2004
    Località
    Brescia
    Messaggi
    184
    Strega!

    La Prof. sei tu. Io sono un dilettante, scassamaroni, ma dilettante.
    A proposito di Prof., oggi scartando un cioccolatino ho letto questa frase:
    "Chi sa, fa. Chi non sa, insegna!"

    E' gradito un tuo commento in merito. A stasera!
    "Love? Overrated. Biochemically no different than eating large quantities of chocolate."

  7. #1657
    Guest
    Citazione Originariamente Scritto da Bill
    Strega!

    La Prof. sei tu. Io sono un dilettante, scassamaroni, ma dilettante.
    A proposito di Prof., oggi scartando un cioccolatino ho letto questa frase:
    "Chi sa, fa. Chi non sa, insegna!"

    E' gradito un tuo commento in merito. A stasera!
    appunto, una brava prof. sa mettersi nei panni degli stud, ed anche bene ( virgola usata alla Manzoni in modo connotato )

    E poi chi ha mai detto che io sappia?

  8. #1658
    Senior Member L'avatar di Bill
    Data Registrazione
    23-11-2004
    Località
    Brescia
    Messaggi
    184
    Citazione Originariamente Scritto da oceanomare
    appunto, una brava prof. sa mettersi nei panni degli stud, ed anche bene ( virgola usata alla Manzoni in modo connotato )
    Strega, lo sapevi che il Manzoni, che era attentissimo a tutti gli aspetti della lingua, tolse quasi tutte le d eufoniche nella versione definitiva dei Promessi Sposi? Nella lingua corrente, anche se non c'è una vera e propria regola se non quella del buon gusto, qualche fonte autorevole asserisce che la congiunzione e si modifica in ed per ragioni eufoniche solo davanti a una parola che inizia con la vocale e. Davanti a parole che iniziano con un'altra vocale, invece, la forma ed non è più usata.
    Eh si, si, si, si si... di cosa stavamo parlando?
    "Love? Overrated. Biochemically no different than eating large quantities of chocolate."

  9. #1659
    Guest
    mi sa che è meglio che apriamo un topic apposta, se no ci bannano

    anche se di film sulla scuola ne hanno fatti tanti, bata che non mi parliate di

    "mio capitano, oh mio capitano" , magari non proprio , ma insomma non lo amo proprio quel film ( abbastanza contorto come periodo o no? o mi devo impeganre di più?)

  10. #1660
    Senior Member
    Data Registrazione
    06-01-2005
    Località
    Bari
    Messaggi
    578
    http://www.repubblica.it/2003/e/galleri ... modig.html

    Presentato a Roma "I colori dell'anima" di Mick Davis
    biografia del grande pittore nelle sale dal 13 maggio
    Andy Garcia è Modigliani
    genio bellissimo e maledetto
    Una vita tra droghe, alcol, eccessi, creatività e amore
    Il regista: "Per me lui era come le rockstar"
    di CLAUDIA MORGOGLIONE


    ROMA - Bellissimo. Geniale. Sensuale. E maledetto. Così era Amedeo Modigliani, star della vita bohémienne nella Parigi del 1920: una sorta di rockstar ante-litteram, un divo bruciato dagli eccessi, dall'alcol, dalle droghe, dalla volontà di vivere tutto intensamente. Dunque destinato a una fine precoce, malgrado il grande amore nutrito per la sua donna.

    E adesso, a incarnare sullo schermo il grande pittore livornese, ecco un attore altrettanto affascinante, Andy Garcia. Protagonista assoluto del film I colori dell'anima di Mick Davis, da venerdì 13 nelle nostre sale: film che si inserisce nel filone biopic imperante a Hollywood, come dimostrano, fra gli altri, kolossal tipo Alexander o The Aviator. Ma con un'impronta decisamente europea: il regista infatti è scozzese, e le varie società produttrici appartengono a diversi paesi del Vecchio continente, Italia compresa (l'Istituto Luce).

    Il risultato è una pellicola che sembra una lezione sul tema "genio e sregolatezza". Come conferma lo stesso Davis, oggi a Roma per presentare il film: "Ho sempre creduto - racconta - che la Parigi del 1919, con Modigliani, Picasso, Cocteau, Utrillo e altri, rappresentasse il rock'n'roll dell'epoca. Un po' come negli anni Sessanta con Lennon, Joplin, Dylan, Jagger, Morrison e Hendrix". Insomma artisti di epoche e di settori diversi, ma accomunati dalla familiarità con le droghe, dagli eccessi, dalla rivalità che si accompagnava alla creatività: non a caso uno dei fili conduttori della sceneggiatura è il rapporto di odio-amore che unisce Modì a Picasso (interpretato da Omid Djalili).

    Con queste premesse, non sorprende che il geniale pittore livornese, così come emerge dal film, in qualche momento sembri somigliare più a Kurt Cobain che all'artista tormentato di cui parlano le biografie più o meno ufficiali. Forse anche perché la pellicola, attraverso la presenza carismatica di Andy Garcia, sottolinea molto il fascino anche estetico del personaggio: "Ho sempre pensato a Andy per il ruolo - racconta Davis - in primo luogo per il suo grande talento che tutti conosciamo, e poi per la sua bellezza".

    Più difficile, invece, trovare l'interprete giusta per l'altro ruolo principale: quello di Jeanne, la borghese di buona famiglia che perde la testa per Modì, accettando tutto - anche la separazione dalla figlia nata dalla loro unione - pur di seguire lui. Fino alle conseguenze più estreme. "Ho incontrato tante attrici interessate alla parte, a Los Angeles - prosegue il regista - ma non erano adatte, non riuscivano nemmeno a pronunciare il nome 'Jeanne' nella maniera giusta. Poi il mio manager mi ha mandato una foto di Elsa Zylberstein, famosa in Francia non solo per la sua recitazione, ma anche per la somiglianza con le donne dipinte da Modigliani". E così il ruolo è andato a lei.

    Dunque, attraverso i due protagonisti, seguiamo le vicende del loro amore. Segnato dalle sofferenze intime del pittore, che lo portano a eccedere con l'oppio o con l'alcol. Ma il film mette in scena anche la vita nei caffé per artisti parigini, altrettanto eccentrica e sopra le righe: tra i personaggi presenti nel film, ci sono Gertrude Stein, Jean Cocteau, Maurice Utrillo. E un Picasso disegnato apposta per essere l'esatto contrario dell'eroe: brutto quanto l'altro è affascinante, ricco quanto l'altro è povero, attento al lato commerciale dell'arte quanto l'altro se ne infischia, indifferente e un po' crudele con la moglia (interpretata dall'ex top model Eva Herzigova) quanto l'altro è appassionato.

    Ma questo dualismo, così come è dipinto nel film, corrisponde alla verità storica? Interpellato sulla questione, Davis risponde così: "Se non si possiede una macchina del tempo, non possiamo sapere tutto quello che accadde realmente. Di Modigliani conosciamo come è morto, i problemi che aveva, il suo lavoro, i suoi amici. E questa è stata la nostra base di partenza". Un modo indiretto per ammettere che quasi tutte le vicende che vediamo scorrere sul grande schermo sono una sorta di "licenza poetica".

    (9 maggio 2005)


    Finalmente...è arrivato..

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato