E poi è tutto un camminare con il naso all'insù e scattare foto, quanto meno fino a quando, per motivi di rispetto alla cultura aborigena, dei cartelli chiedono di non fotografare alcune zone.