Pagina 4 di 5 PrimaPrima ... 2345 UltimaUltima
Risultati da 31 a 40 di 44

Discussione: Visitare l'Oman?

  1. #31
    Senior Member L'avatar di Girello
    Data Registrazione
    30-01-2012
    Messaggi
    1,548
    Purtroppo le foto dell'ultimo post non si vedono

  2. #32
    Senior Member L'avatar di leander
    Data Registrazione
    19-07-2004
    Località
    Belinshire, l'Impero del Basilico
    Messaggi
    28,063
    Citazione Originariamente Scritto da Girello Visualizza Messaggio
    Purtroppo le foto dell'ultimo post non si vedono
    Io le vedo.

  3. #33
    Senior Member L'avatar di Zebulon
    Data Registrazione
    07-05-2015
    Località
    Belluno
    Messaggi
    489
    Citazione Originariamente Scritto da Girello Visualizza Messaggio
    Purtroppo le foto dell'ultimo post non si vedono
    Ho capito...hai letto il post subito dopo che ho fatto la prima pubblicazione, che aveva in effetti dei problemi di visualizzazione delle foto. Poco dopo, però, ho sistemato tutto.

  4. #34
    Che splendore assoluto! Complimenti come al solito per le foto mai banali. Sempre un piacere seguirti

  5. #35
    Senior Member L'avatar di zuppalatte
    Data Registrazione
    23-07-2009
    Località
    cava de' tirreni (Sa)
    Messaggi
    615
    Veramente magia pura ed assoluta! Bellissimo viaggio!
    Ci vorrebbe ...un amore, qualcuno… lui saprebbe inventarla una strada … una strada clemente e bella… una strada da qui al mare (A. Baricco)

    Mariarosaria

    Il mio sito http://www.porticandonuovo.eu/

  6. #36
    Senior Member L'avatar di Zebulon
    Data Registrazione
    07-05-2015
    Località
    Belluno
    Messaggi
    489
    Grazie a tutti per i complimenti, ma spesso mi è bastato accendere la fotocamera e scattare, senza pensarci troppo.

    Veniamo al 6° giorno, quando ci trasferiamo dal deserto del Wahiba Sands all'isola di Masirah.

    00 Mappa.jpg

    Mi sveglio prima degli altri e ne approfitto per fare qualche foto all'alba e ai dintorni dell'accampamento, incontrando qualche altra persona che ha avuta lo mia stessa idea.

    531.jpg

    533.jpg

    535.jpg

    537.jpg

    538.jpg

    Poi l'accampamento si anima e ci aspetta una bella colazione, con il Khobz (in pratica il Chapati indiano) a farla da padrone

    546.jpg

    548.jpg

    552.jpg

    Nel "pacchetto" da 140 euro a capanna, oltre al pernottamento, alla cena e alla colazione, c'era anche la "camel ride", che facciamo subito dopo la colazione

    556.jpg

    557.jpg

    569.jpg

    563.jpg

    Finita la passeggiata con i dromedari, ci affrettiamo a preparare i bagagli e a lasciare l'accampamento prima degli altri, per evitare la coda all'officina di Al Wasil, per farci ripompare le gomme del Nissan

    571.jpg

    575.jpg

    576.jpg

    578.jpg

    E partiamo, destinazione Masirah Island...(310 km)
    Ultima modifica di Zebulon; 08-12-2017 alle 10:58:57

  7. #37
    Senior Member L'avatar di Zebulon
    Data Registrazione
    07-05-2015
    Località
    Belluno
    Messaggi
    489
    Lungo il viaggio troviamo i soliti cantieri lungo la strada


    582.jpg

    583.jpg

    581.jpg


    590.jpg

    Dopo un paio di ore di viaggio passiamo per il paese di Bani Bu Hassan, dove ci fermiamo in una bella pasticceria/panificio, per farci una scorta di buonissimi biscotti.

    585.jpg

    587.jpg

    588.jpg

    Verso l'una attraversiamo la cittadina di Al Ashkhara, ormai in prossimità della costa, e ci fermiamo a mangiare, spendendo 12 Rial (25 euro) in quattro.

    592.jpg

    591.jpg

    594.jpg

    Ora inizia un lunghissimo tratto solitario e selvaggio, praticamente lungo la costa, ma il mare si vede solo a tratti

    596.jpg

    603.jpg

    598.jpg

    606.jpg

    Finalmente si arriva verso le 16 all'incrocio dove si abbandona la strada principale e si gira a sinistra, verso Shannah Port. All'incrocio c'è per un severo check-point militare (forse perché sull'Isola di Masirah c'è una base aerea americana).

    Poco dopo attraversiamo una zona di saline

    607.jpg

    610.jpg

    613.jpg

    Dopo altri 15 km si arriva a Shannah Port, dove ci imbarchiamo. Il traghetto l'avevo prenotato un mese prima, con rigorosa burocrazia simil-italiana (copia documenti di identità dei passeggeri, del libretto di circolazione dell'auto, del documento di identità del proprietario della compagnia di noleggio auto, una sua dichiarazione di nulla-osta per il trasferimento sull'isola), con pagamento obbligatoriamente con carta di credito.

    614.jpg

    618.jpg

    Il viaggio dura circa un'ora, partiamo poco prima del tramonto e arriviamo al buio.

    623.jpg

    Sul bello e moderno traghetto c'è un ponte riservato alle famiglie (mariti mogli e figli o donne con figli) ed uno agli uomini single

    626.jpg

    Dopo essere attraccati nell'unico paese dell'isola (Ras Hilf) percorriamo una trentina di km fino alla deviazione dove dovremmo seguire una pista su sabbia/ghiaia che ci porterà al Masirah Camp Beach, dopo qualche km. Ma con il buio pesto, senza alcuna indicazione aile biforcazioni della traccia, abbiamo qualche problema a trovarlo. Ma, lo scopriremo l'indomani mattina, il camp si trova in mezzo ad un'immensa spiaggia di terra/sabbia battuta, per cui bastava andare diritti e puntare alla destinazione, seguendo le indicazioni delle mappe satellitari che mi ero scaricato sul navigatore da trekking che mi ero comprato apposta.
    Ad ogni modo, ad un certo punto, vediamo una lucina in lontananza e capiamo che quello è il nostro alloggio, molto spartano, dove saremo gli unici ospiti per le due notti che passeremo sull'isola. Le casette (che da fuori sembrano di fatte di cartone) in realtà all'interno hanno tutto quello che serve, luce, bagno e doccia dignitosi e addirittura il climatizzatore (nell'accampamento del deserto invece non c'era in confronto nulla). Davvero una sorpresa...

    628.jpg

    629.jpg

    630.jpg

    Infine le due persone dello "staff" ci preparano la cena, con un silenzio assoluto ed una bella sensazione di solitudine.

    631.jpg

    Alle ore 21 tutti in camera a leggere un buon libro.
    Ultima modifica di Zebulon; 14-12-2017 alle 16:14:22

  8. #38
    Senior Member L'avatar di Zebulon
    Data Registrazione
    07-05-2015
    Località
    Belluno
    Messaggi
    489
    Lungo il viaggio troviamo i soliti cantieri lungo la strada


    582.jpg

    583.jpg

    581.jpg


    590.jpg

    Dopo un paio di ore di viaggio passiamo per il paese di Bani Bu Hassan, dove ci fermiamo in una bella pasticceria/panificio, per farci una scorta di buonissimi biscotti.

    585.jpg

    587.jpg

    588.jpg

    Verso l'una passiamo attraversiamo la cittadina di Al Ashkhara, ormai in prossimità della costa, e ci fermiamo a mangiare, spendendo 12 Rial (25 euro) in quattro.

    592.jpg

    591.jpg

    594.jpg

    Ora inizia un lunghissimo tratto solitario e selvaggio, praticamente lungo la costa, ma il mare si vede solo a tratti

    596.jpg

    603.jpg

    598.jpg

    606.jpg

    Finalmente si arriva verso le 16 all'incrocio dove si abbandona la strada principale e si gira a sinistra, verso Shannah Port. All'incrocio c'è per un severo check-point militare (forse perché sull'Isola di Masirah c'è una base aerea americana).

    Poco dopo attraversiamo una zona di saline

    607.jpg

    610.jpg

    613.jpg

    Dopo altri 15 km si arriva a Shannah Port, dove ci imbarchiamo. Il traghetto l'avevo prenotato un mese prima, con rigorosa burocrazia simil-italiana (copia documenti di identità dei passeggeri, del libretto di circolazione dell'auto, del documento di identità del proprietario della compagnia di noleggio auto, una sua dichiarazione di nulla-osta per il trasferimento sull'isola), con pagamento obbligatoriamente con carta di credito.

    614.jpg

    Allegato 29417

    618.jpg

    Il viaggio dura circa un'ora, partiamo poco prima del tramonto e arriviamo al buio.

    623.jpg

    Sul moderno traghetto c'è un ponte riservato alle famiglie (mariti mogli e figli o donne con figli) ed uno agli uomini single

    626.jpg

    Dopo essere attraccati nell'unico paese dell'isola (Ras Hilf) percorriamo una trentina di km fino alla deviazione dove dovremmo seguire una pista su sabbia/ghiaia che ci porterà al Masirah Camp Beach, dopo qualche km. Ma con il buio pesto, senza alcuna indicazione aile biforcazioni della traccia, abbiamo qualche problema a trovarlo. Ma, lo scopriremo l'indomani mattina, il camp si trova in mezzo ad un'immensa spiaggia di terra/sabbia battuta, per cui bastava andare diritti e puntare alla destinazione, seguendo le indicazioni delle mappe satellitari che mi ero scaricato sul navigatore da trekking che mi ero comprato apposta.
    Ad ogni modo, ad un certo punto, vediamo una lucina in lontananza e capiamo che quello è il nostro alloggio, molto spartano, dove saremo gli unici ospiti per le due notti che passeremo sull'isola. Le casette (che da fuori sembrano di fatte di cartone) in realtà all'interno hanno tutto quello che serve, luce, bagno e doccia dignitosi e addirittura il climatizzatore (nell'accampamento del deserto invece non c'era in confronto nulla). Davvero una sorpresa...

    628.jpg

    629.jpg

    630.jpg

    Infine le due persone dello "staff" ci preparano la cena, con un silenzio assoluto ed una bella sensazione di solitudine.

    631.jpg

    Alle ore 21 tutti in camera a leggere un buon libro.

  9. #39
    Senior Member L'avatar di Zebulon
    Data Registrazione
    07-05-2015
    Località
    Belluno
    Messaggi
    489
    Rieccomi...Scusate se vado un po' a rilento con il foto-racconto, ma in questo periodo sono un po' preso.

    Veniamo al 7° giorno, che passeremo tutto sull'Isola di Masirah. L’isola è internazionalmente riconosciuta come uno dei posti con la popolazione di nidi di tartaruga Caretta Caretta più grande al mondo, una delle quattro specie che vengono a deporre le uova a Masirah.

    Eravamo rimasti al nostro arrivo al buio al Masirah Camp Beach e alla sorpresa nel vedere l'interno tutto sommato curato e dotato dei principali comfort delle casette.
    Come vi dicevo c'era anche il climatizzatore...

    633.jpg

    Ed ecco come ci è apparso il posto appena siamo usciti dalle casette, poco dopo l'alba, nel silenzio più assoluto: una serie di casette nel bel mezzo di uno spiaggione enorme, che si affaccia nel tratto di mare che separa l'isola dalla costa dell'Oman (con l'alta marea il mare arriva a 100 m dalle casette)

    641.jpg

    636.jpg

    640.jpg

    Oltre alla fila di casette in pannelli di legno (i bagni comunque sono in cemento) c'è un edificio che ospita due camere "di lusso", con tanto di tv a schermo piatto

    643.jpg

    644.jpg

    Alle 8.30 facciamo una buonissima e ricca colazione "dolce", con latte, caffè (solubile), thè, succhi di frutta, pane, omelette, chapati, miele, marmellata, sciroppo d'acero, burro d'arachidi, formaggini e...addirittura la famosa, italica crema alle nocciole. Penso sia stata la colazione migliore della vacanza, pensa un po'...

    645.jpg

    646.jpg

    648.jpg

    Poco dopo siamo pronti per il tour dell'isola, che ci impegnerà tutto il giorno
    Ultima modifica di Zebulon; 12-12-2017 alle 20:34:56

  10. #40
    Senior Member L'avatar di Zebulon
    Data Registrazione
    07-05-2015
    Località
    Belluno
    Messaggi
    489
    L'isola di Masirah l'avevo inizialmente considerata, in fase di programmazione della vacanza, solo perché offriva l'unica possibilità di alloggio in una zona dell'Oman (quello non insulare) che ne era totalmente sprovvista. La destinazione più meridionale dell'intero tragitto, infatti, erano le White Sand Dunes di Khaluf, le dune di sabbia bianca che arrivano in mare, ma era impensabile andare e tornare in giornata, il viaggio sarebbe stato troppo lungo.
    Poi, cercando in rete, avevo scoperto che tutto sommato l'isola offriva senz'altro spunti per i quali valeva la pena passarci una giornata e la scelta si è rivelata senz'altro buona.
    Se da un lato, infatti, non offre molto da vedere, la sua natura desolata e selvaggia ed il turismo ridotto al minimo, ne fanno una meta ideale per chi ama le spiagge solitarie e fare trekking in ambienti incontaminati.

    Lasciato il nostro alloggio ci dirigiamo verso Ras Hilf, l'unico paese dell'isola e lungo la strada dobbiamo dare la precedenza ad alcuni suoi abitanti

    650.jpg

    Poco prima di arrivare in paese abbandoniamo la strada principale e ci dirigiamo verso la prima destinazione della giornata, un piccolo altopiano al centro dell'isola (Jabel Humr), da raggiungere a piedi, che avevo individuato nelle mappe satellitari e che meritava di essere visto. Per arrivare più sotto possibile avevo studiato un percorso fatto di stradine sterrate e piste fra ghiaie e sassi, con il dubbio se fossero state tutte percorribili.
    I primi 2-3 km sono abbastanza semplici, poi iniziano le difficoltà, anche per i danni causati dalle poche piogge invernali. Ad ogni modo con il grosso fuoristrada che abbiamo ci sentiamo di affrontare anche i tratti più impervi

    652.jpg

    653.jpg

    Finché dobbiamo arrenderci e decidiamo di fermarci, per proseguire a piedi, proprio nella zona dove speravo di arrivare in auto, poco sotto l'altopiano.

    654.jpg

    655.jpg

    La salita, sotto un sole cocente, dura circa 45 minuti ma arrivati in cima siamo appagati da un panorama niente male

    658.jpg

    Eccola laggiù la nostra "macchinina"

    657.jpg

    L'ambiente che troviamo è surreale, un altopiano, ovviamente brullo, in mezzo a colline e montagne generalmente "a punta" e di colore più scuro
    663.jpg

    664.jpg

    Non tardiamo ad accorgerci infatti della presenza di molte rocce, anche strane, di colore ocra, arancione e rosso e scopriremo dopo che questa zona dell'isola ha un notevole interesse geologico. Rompendo un grosso sasso, che presentava una strana striatura centrale, salta fuori una specie di lastra di vetro, quasi trasparente (si tratta di gesso trasformato, mi dirà un collega geologo)

    670.jpg

    E ora però di tornare all'auto e dopo aver affrontato di nuovo i tratti di strada impervi, giungiamo presso la strada principale, passando vicino ad una pista dove fanno le gare con i dromedari, un lunghissimo rettilineo, con tanto di tribuna. In Oman queste gare sono davvero una cosa seria, quasi come la Formula 1 da noi

    675.jpg

    Arriviamo poi a Ras Hilf, dove compriamo qualcosa da mangiare in un supermercato, per il pranzo al sacco di oggi
    Ecco la via principale del paese e un tratto della sua spiaggia, tutt'altro che turistica

    676.jpg

    677.jpg

    679.jpg

    Bene, possiamo iniziare ora il giro dell'isola...
    [continua]

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato