PDA

Visualizza Versione Completa :

6 - Low Cost



yberf
02-04-2009, 17:12:26
Inutile stare a spiegare cosa vogliano dire queste due paroline ed altrettanto inutile stare a sottolineare il ruolo che hanno nel panorama dei trasporti aerei. Forse è meglio andare subito al sodo e cercare di rispondere alla domanda che più o meno tutti si sono posti: ma come fanno a proporre prezzi del genere?!
Cerchiamo di analizzare la situazione partendo dal passato, quello pre-Ryanair per intenderci: chi si voleva muovere in aereo aveva a disposizione la sola Compagnia di Bandiera (Alitalia per noi) e poche altre soluzioni; poi le cose sono cambiate, è stato liberalizzato il trasporto aereo (De-Regulation), sono nate altre compagnie ed una decina di anni fa sbarca in Europa un nuovo sistema del tutto rivoluzionario: nasce Ryanair! Biglietti offerti a pochissimo, a volte addirittura a 0€, rotte in crescita di giorno in giorno, sistema completamente automatizzato via web: la novità che ci voleva per dare un'ulteriore scossa al sistema.

Dove sta il trucco però?
Accordi commerciali vantaggiosi, marketing aggressivo e riduzione dei costi, tutto qui.

Rispetto ad un legacy carrier (si chiamano così i "non-low cost") il servizio a bordo viene messo a disposizione solo a pagamento (e caro!), si vendono prodotti e si fa pubblicità durante il volo, si utilizzano aeroporti "secondari" (vendendoli però con i nomi delle città che più interessano ai viaggiatori!) per evitare di pagare le care tariffe dei più noti scali europei, si tagliano di netto i costi per personale a terra, servizi aeroportuali, si negano (se non con un aumento dei prezzi) rimborsi e cambi. Ma non è tutto: dal punto di vista tecnico si sceglie di utilizzare sempre e solo un tipo di aereo così da limitare i costi per leasing, pezzi di ricambio e tecnici specializzati e si assumono piloti che necessitano di fare ore volo per il proprio brevetto.
... nessun accenno a tagli nella sicurezza!
Ogni compagnia aerea, a prescindere dal tipo di business model con cui opera, per poter volare deve rispettare tutte le norme imposte dall'Autorità, prime fra tutte quelle sulla sicurezza; non ci sono scappatoie o "furbetti", tutte le attività manutentive vengono svolte in rispetto dei tempi e dei modi che sono prescritti. Ryanair e le altre, quindi, da questo punto di vista hanno ed assolvono gli stessi obblighi di Alitalia, Lufthansa o ogni altro, senza sconti e senza volare con maggiori rischi.

In realtà un piccolo trucco c'è ed ha fatto la fortuna di molte low cost; anzi, due.

Il primo è legato al marketing: ho appena provato ad acquistare un Milano (che poi è Bergamo) - Parigi (che poi è Orly).
Tariffa di andata 29.90 e ritorno gratis (0.00 €!!).
Alla fine del processo, però, scopro che a questi valori vanno aggiunti: assicurazione (facoltativa ma...), eventuale bagaglio (se si viaggia per turismo almeno una valigetta serve, dai!), tassa per il check-in se non fatto on-line, tassa per il pagamento con carta di credito... in somma, si arriva alla bella somma di quasi 140€: alla faccia del low cost!

Il secondo invece è un po' più tecnico: un volo solitamente si ripaga (considerando i costi per la compagnia) quando il 55-65% dei posti è occupato, il resto è guadagno. Il numero dei biglietti offerti a prezzi di lancio è sempre molto limitato e l'importo va via via sempre aumentando; a volte, poi, è disponibile solo su una tratta e non sul ritorno se non si vuole viaggiare in orari "scomodi". Questo fa sì che l'offerta invogli l'utente ed anche se poi i costi non sono quelli così invoglianti pubblicizzati dai cartelloni e dalle pagine dei giornali, il passeggero compri lo stesso.

Morale della favola?
Il low cost ha, e gliene va dato merito, rivoluzionato il modo di concepire il viaggiare in aereo, aprendo nuovi orizzonti ed in qualche modo contribuendo ad estendere la conoscenza e la consapevolezza di quello che sta fuori dai confini nazionali, il tutto senza erodere il margine di sicurezza che deve esserci su ogni volo... ma, come ben si sa, "non è tutto oro quel che luccica"!

valya
22-05-2009, 11:52:02
occhio...
ultime news da Ryanair:
per le prenotazioni effettuate da ieri 21/05/09 il check in on line è obbligatorio anche per chi ha infant o bagagli. chi si presenterà in aeroporto senza aver fatto il check in on line pagherà € 40 a tratta per persona (infant compresi).