PDA

Visualizza Versione Completa :

Minorca



m1ll0
23-03-2008, 14:36:39
we... ho prenotato un viaggio a minorca per il 7 luglio... per una settimana, al sagitario playa, vicino alla città ciutadella... volevo sapere se mi potevate dare qualche informazione in più sulla zona, sui divertimenti, sulle spiagge piu belle...vi ringrazio in anticipo di tutto.. Aiutooo!!!!!!!!!

Ary
07-05-2008, 14:02:22
Io sono stata nella zona nord ovest, ero in un villaggio all inclusive e sfortunatamente c'era brutto tempo..ha piovuto tt la settimana! cmq posso darti qualche info:
A Minorca devi girare assolutamente quindi noleggia una macchina magari dall'Italia ,noi in hotel abbiamo fatto fatica e i prezzi erano alti quindi abbiamo rinuciato.
le spiagge piu' belle sono nella zona sud, portati l'ombrellone perchè nessuna o quasi è attrezzata ,sono per lo piu' allo stato brado al nord.
Ciutadella è carina da visitare , poi il porto di Mahon dove c'è l'unica discoteca! i divertimenti sono pochi ,zero locali è un'isola molto tranquilla.
Tra le spiagge ti consiglio a nord di andare ad erenal d'en castel, mentre a sud a Son bou,
Buona vacanza

m1ll0
08-05-2008, 18:52:47
sent piu o meno t ricordi qnt ti sarebbe costato il noleggio di una macchina? e poi ankora ci sarebbe la possibilita di arrivare a maiorca con un qlche mezzo nn trpp costoso? t ringrazioo

Ary
10-05-2008, 14:39:19
No mi dispiace, io ho fatto solo una settimana, ma cerca di visitare Minorca senza pensare a Maiorca>: i prezzi erano sulle 50,oo euro c.ca al gg prova a a farti fare un prev x il noleggio dall'italia. ci sono anche i pullman cmq e i taxi sn abb.za economici.
di piu' nn posso dirti, io sn stata davvero sfortunata..solo pioggia!:-(

m1ll0
10-05-2008, 14:51:57
grazie per le tue informazioni... ciao

m1ll0
18-06-2008, 13:22:18
insomma qlcuno di voi va a minorca intorno a qlla data?

vale_1606
15-07-2008, 16:42:03
we... ho prenotato un viaggio a minorca per il 7 luglio... per una settimana, al sagitario playa, vicino alla città ciutadella... volevo sapere se mi potevate dare qualche informazione in più sulla zona, sui divertimenti, sulle spiagge piu belle...vi ringrazio in anticipo di tutto.. Aiutooo!!!!!!!!!

Ora sarai tornata/o.... e siccome io ci vado a settembre... tutti i suggerimenti che vorrai darmi... sono bene accetti!!!

vale_1606
29-08-2008, 14:41:56
Ci siamo!!! Mancano due giorni alla mia partenza per Minorca!!!

mio marito è già terrorizzato all'idea che io giri armata di taccuino dove annotare quanto di utile potrò riferire agli amici di CSS al mio ritorno. ;)

Tengo le dita incrociate per il tempo.... una settimana passa in fretta e devo rinfrescare l'abbronzatura.

buzzina75
29-08-2008, 22:22:32
Buona vacanza Vale!!!!!! :022:
.... non ascoltare tuo marito.... scrivi tutto e riferisci quando torni!!!!!! :002:

vale_1606
08-09-2008, 16:08:35
Sigh! SOB! Sono appena tornata dal paradiso....

in attesa di smaltire la nostalgia che mi attanaglia e di trovare la lucidità necessaria per scrivere il mio resoconto.... vi anticipo qualche foto....

Macarella:
http://immagini.p2pforum.it/out.php/i361845_Macarella2.JPG

Macarelleta:
http://immagini.p2pforum.it/out.php/i361846_Macarelleta.JPG

Cavalleria:
http://immagini.p2pforum.it/out.php/i361850_cavalleriaunione.jpg

Pregonda:
http://immagini.p2pforum.it/out.php/i361849_pregonda2.jpg

Pregonda:
http://immagini.p2pforum.it/out.php/i361856_pregondapanorama2.jpg

Algaiarens:
http://immagini.p2pforum.it/out.php/i361854_algaiarensunione.jpg

Son Bou:
http://immagini.p2pforum.it/out.php/i361855_SonBou.JPG

SLURP!!!:
http://immagini.p2pforum.it/out.php/i361857_Paella.JPG

buzzina75
08-09-2008, 18:48:10
Il mare è limpidissimo!!!!!! :022:

Chissà perchè in questi anni ho un po' "snobbato" quest'isola..... :-?

milou
18-09-2008, 13:21:11
è vero minorca è bellissima anche io lho sempre snobbata, non perchè non fosse bella (anzi è un paradiso...) ma perchè andando a settembre di solito in vacanza rischierei di trovare brutto tempo..e poi essendo a nord avrei paura di trovare acqua fredda (come quella che ho trovato in sardegna)...a proposito come l'hai trovata l'acqua del mare ???

vale_1606
18-09-2008, 14:04:02
è vero minorca è bellissima anche io lho sempre snobbata, non perchè non fosse bella (anzi è un paradiso...) ma perchè andando a settembre di solito in vacanza rischierei di trovare brutto tempo..e poi essendo a nord avrei paura di trovare acqua fredda (come quella che ho trovato in sardegna)...a proposito come l'hai trovata l'acqua del mare ???

Ciao milou,

a posteriori posso dirti di essere stata fortunatisima!!!
Io la prima settimana di settembre ho trovato quasi sempre bel tempo e mare caldo. Sono rientrata il 7 settembre e il tempo iniziava a guastarsi. So da persone che sono arrivate sull'isola proprio il 7 che da allora ha quasi sempre fatto brutto e l'acqua del mare si è rinfrescata.

Diciamo che la prima settimana di settembre è al limite. Per contro, se trovi bel tempo, è una meraviglia. C'è sicuramente meno gente rispetto ad agosto e i prezzi sono più bassi.

marcor
13-07-2009, 17:08:02
Bellissima :021:

Per tutti gli amici che vadano a Minorca quest' estate, consiglio un autonoleggio che ho gia usato varie volte, www.okayautos.com (http://www.okayautos.com).

È molto economico e ha le migliori condizioni. Minorca è tutta da girare, è un paradisooooo

Ciao!

Neowave
08-05-2014, 11:44:36
Ciao a tutti, qualcuno ha un'esperienza di noleggio moto a Minorca?

Neowave
23-09-2014, 18:14:41
Ed ecco che mi appresto a raccontare la mia personale esperienza in quest'isola magnifica delle Baleari, riserva della biosfera, verde come non mai, con tante spiagge da vedere e soprattutto da vivere! ;)
Dall'Italia abbiamo prenotato un auto tramite ACG MENORCA RENT A CAR dopo aver valutato attentamente recensioni e prezzi. Sembrava la migliore come rapporto qualità/prezzo, dico sembrava perchè al nostro arrivo ci hanno consegnato una Matiz sgangherata, con il lettore cd messo male (saltava ogni 3x2 sulle stradine minorchine), insomma un piccolo cessetto. Ma sorvoliamo questo aspetto e andiamo oltre.
Dall'Italia abbiamo prenotato ovviamente anche la sistemazione e questa si è rivelata invece un'ottima soluzione: l'Hostal Paris di Ciutadela http://www.hostalparis.net/ gestito dalla simpatica Ines, non è il massimo del comfort, ma strategicamente è perfetto (a pochi passi dal centro e vicino a un ipermercato fornitissimo) e soprattutto il portafoglio vi ringrazierà. Minorca è tutto tranne che economica, infatti! Se siete dei viaggiatori attenti al budget, questo posto fa per voi.

Giungiamo sull'isola dopo una tre giorni valenciana, ma soprattutto dopo aver amato alla follia il sud della Spagna, quell'Andalusia che tutti i cuori porta via. Notiamo subito una gran bella differenza con le zone marittime del Cabo de Gata: qui è tutto verde, la vegetazione cresce rigogliosa in ogni dove anche se fa caldo. Tira anche un discreto vento, ma si sta bene. Il primo pomeriggio lo passiamo ad esplorare la zona a noi più vicina, la costa sud ovest, in particolare decidiamo di mettere la prima bandierina a Son Saura.

19400

Non fermatevi alla prima spiaggia che incontrate arrivando dal parcheggio, ma proseguite verso la seconda, a nostro avviso molto più bella. Alle vostre spalle avrete le dune in fase di rigenerazione, davanti a voi il mare aperto e i suoi colori vivaci. :cool:
La sera, a piedi, in pochi minuti raggiungiamo il centro di Ciutadela. Molto molto carino e molto più grande di quanto mi aspettassi, a dire la verità! Una bella zona portuale piena di locali, un centro storico animato da negozi e ristorantini, una cattedrale maestosa. Il posto ideale per trascorrere la serata. Abbiamo anche fortuna perchè, senza particolari indicazioni, troviamo un locale nel quale torneremo anche successivamente: EL HOGAR DEL POLLO. Ottime tapas, fantastica atmosfera rustica! Ceniamo al bancone con le urla del personale che sono il surplus dell'esperienza! :D

Il secondo giorno, dopo aver valutato i capricci del vento, che soffia ancora da sud, decidiamo di spostarci verso nord, per andare ad ammirare la selvaggia Platja de Cavallers. Passando da Es Mercadal, nel centro dell'isola, ci fermiamo per gustarci la parata dei cavalieri e dei cavalli addobbati per la tradizionale festa di San Martin. Una sorta di surrogato della più celebre festa di San Juan che si tiene in giugno a Ciutadela.

19401

Poi ripartiamo alla volta de Cap de Cavallers, dove arriviamo in poco tempo. Le strade minorchine sono molto strette, ma non frequentatissime, fortunatamente. Lasciamo la macchina nel parcheggio (sempre gratuito, va detto!) e percorriamo il sentiero indicato chiaramente, finchè non arriviamo ad un bellissimo punto panoramico da cui la spiaggia si rivela in tutto il suo splendore!

19402

La spiaggia ha colori molto diversi rispetto a Son Saura, è tranquilla e c'è anche una buona percentuale di nudisti, sempre però molto discreti. Sinceramente li preferisco di gran lunga rispetto a chi fa confusione! Comunque qui il problema non si pone, la giornata scorre tra un bagno con la maschera e un pisolino, si sta divinamente! Ovviamente non aspettatevi servizi, è una spiaggia selvaggia, ruspante e non c'è nulla se non sabbia e mare. ;)

Il terzo giorno, il vento da sud si è calmato, sembra. Decidiamo così di tornare da quelle parti, anche un pò più comode rispetto alla nostra sistemazione e ci dirigiamo verso Cala en Turqueta, da molti decantata come una perla delle Baleari.

19403

Devo essere sincero, è molto bella, però nulla di così trascendentale. Sarà che, essendo molto famosa, è anche la più frequentata dai turisti, anche vip. C'è anche un bar a pochi passi dalla spiaggia, ci sono i servizi. La confusione e il vento che torna a ripresentarsi in tarda mattinata fanno sì che poco dopo pranzo ci spostiamo nuovamente a Son Saura. Lì ritroviamo la pace del primo giorno e ci rimaniamo fino a che non cala il sole.

Continua...

ANTONELLA59
23-09-2014, 21:40:24
Ti seguo ! Ho visto un po di anni fa Ibiza e Formentera e Minorca tutti la decantano forse come la piu' bella tra le Baleari quindi sono molto incuriosita dal tuo racconto :)
Ma quando ci sei stato che mi son persa?

Neowave
24-09-2014, 13:15:14
Ti seguo ! Ho visto un po di anni fa Ibiza e Formentera e Minorca tutti la decantano forse come la piu' bella tra le Baleari quindi sono molto incuriosita dal tuo racconto :)
Ma quando ci sei stato che mi son persa?

A fine luglio, Antonella! ;)

Neowave
25-09-2014, 14:53:49
Il racconto sulle belle spiagge di Minorca continua!

Il quarto giorno rimaniamo ancora sulla costa sud e la destinazione è Cala Mitijana. Per arrivarci, da Ciutadela occorre percorrere la strada verso Mahon, poi girare verso Cala Galdana e arrivare fino alla rotatoria, dove è segnalato il parcheggio riservato agli "utenti" della spiaggia. Da lì parte un percorso a piedi discretamente lungo, circa quindici minuti, che conduce alla spiaggia. Una vera perla della costa sud, a noi è quella che è piaciuta di più in questa zona!

19415

Nonostante il discreto affollamento, si stava comunque bene. Non c'era assolutamente vento e questo ha sicuramente influito, ha reso ancora più magica questa spiaggia! Volendo a piedi, o a nuoto, si può raggiungere la sorella minore, cala Mitijaneta. Noi l'abbiamo vista mentre facevamo un giretto con la maschera ed è più piccolina, ma comunque affollata. La foto di cui sopra è stata invece scattata da una scogliera a lato della spiaggia, utilizzata anche per tuffi a bomba dai turisti.

Il quinto giorno di vacanza sull'isola, ci siamo spostati verso nord, con destinazione Algaiarens la Val. Da Ciutadela in pochi minuti ci si arriva. Il parcheggio come al solito è gratuito e a piedi si raggiunge facilmente seguendo un sentiero segnalato. La spiaggia principale è molto bella, selvaggia e senza servizi. Il mare azzurro, le rocce rosse a fare da contrasto. L'abbiamo percorsa tutta, fino ad arrivare sulla scogliera dalla quale abbiamo scattato una foto panoramica.

19416

Superando la scogliera, abbiamo scoperto l'esistenza di un'ulteriore baia, molto più piccola, ma molto molto bella. Così siamo rimasti qui tutto il giorno, godendoci una tranquillità assoluta: pochissimi turisti, mare limpidissimo, vento assente. Fantastico! Abbiamo poi scoperto che il nome della spiaggia è Plaja Tancat.

19417

Per tornare al parcheggio principale si può percorrere un sentiero segnalato, che fa parte del famoso Camì de Cavalls, un percorso che attraversa tutta la costa nord e sud trasversalmente. La costa infatti, grazie al fatto che Minorca è riserva mondiale della biosfera, non può essere in nessun modo resa edificabile.

Sulla strada del ritorno verso Ciutadela, ci siamo fermati per scattare qualche foto panoramica alla città stessa e a un simpatico cavallo al pascolo! Chi sceglie Minorca, lo fa anche per questo continuo contatto con la natura che l'isola offre. Per staccare la mente dopo mesi passati al lavoro, non può che essere la scelta migliore! ;)

19418

19419

Ora siamo giunti al sesto giorno di vacanza, ma il meglio deve ancora venire: ecco che ci dirigiamo verso quella che sembra essere la spiaggia più bella di tutta l'isola: Cala Pregonda. Si trova a nord, poco distante da Platja de Cavallers, basta seguire sempre le indicazioni da Es Mercadal e non ci si sbaglia. Da Ciutadela in 25 minuti si arriva, il parcheggio è gratuito e bello ampio. Da lì parte un sentiero (sempre il Camì de Cavalls) battuto ed agevole che in venti minuti permette di raggiungere a piedi la spiaggia. Lungo il percorso c'è una piccola sorpresa, un luogo mistico, chiamiamolo così.

19420

Poi, proseguendo, si arriva a Cala Pregonda, e lo spettacolo ripaga la fatica della precedente camminata!

19421

C'è ancora pochissima gente quando arriviamo, il vento è assente e il primo bagno è fantastico. Approfittiamo del momento per metterci la maschera e facciamo un incontro inaspettato: sul fondale, a pochi metri dalla riva, ci sono delle mante! Non ne avevo mai viste dal vivo prima d'ora, è stato molto emozionante!
Passiamo a Cala Pregonda tutta la giornata, ci godiamo il sole e il relax (portatevi dietro un bel pò d'acqua perchè non c'è riparo e la camminata fa venire sete!), i giri con la maschera ad esplorare il bellissimo fondale. Veramente la spiaggia numero uno del viaggio!

La sera, prima di tornare all'hostal, decidiamo di dedicarci alla puesta del sol (il tramonto) così poco prima di raggiungere Ciutadela svoltiamo verso Punta Nati, qualche km a nord rispetto alla città. Qui c'è un faro e una bellissima scogliera affacciata ad ovest. E si intravedono, in lontananza, degli UFO. Scherzo, ma queste abitazioni millenarie disperse nella terra minorchina fanno un discreto effetto, soprattutto quando il sole comincia a scendere.

19422

Dopo qualche minuto di cammino, dal parcheggio raggiungiamo finalmente la scogliera vicina al faro e ci sediamo. Apriamo le birrette fresche, il sacchetto di patatine e aspettiamo, assieme ad altre persone, il momento x. Quando il sole incontra il mare l'atmosfera sembra incendiarsi.

19423

Continua...

Neowave
01-10-2014, 09:52:11
Il settimo giorno lo dedichiamo nuovamente alla costa sud, per la precisione a Cala Es Talaier, piccola spiaggia a circa 1,5 km a piedi dalla già citata Son Saura. Per raggiungerla occorre lasciare l'auto nel parcheggio di quest'ultima e percorrere il Camì de Cavalls. In poco meno di un quarto d'ora si è in questa piccola ma bellissima spiaggia!

19436

C'è una discreta presenza nudista qui, oltre alla possibilità di ripararsi sotto la vegetazione se il sole picchia troppo forte e non si ha una sombrilla (un ombrellone). Il colore dell'acqua è meraviglioso, un bell'azzurro intenso che pian piano scivola verso il blu oltremare (ricordi dell'infanzia, i colori pastello della Giotto). Oggi c'è un pò di vento e il mare è mosso, ma la caletta è protetta. Restiamo qui fino a dopo pranzo, poi ci spostiamo nuovamente a Son Saura, per goderci la tranquillità di questa ampia spiaggia, che permette di avere una maggiore privacy rispetto ad Es Talaier.

La sera decidiamo di visitare Mahon, dall'altra parte dell'isola, a est. La raggiungiamo verso l'ora dell'aperitivo italiano e abbiamo tutto il tempo per scoprire un pò la città, prima di cena. Raggiungiamo un bel punto panoramico, dal quale si vede il porto e la parte alta della ciudad.

19437

L'aperitivo lo facciamo al mercado Feminies, dove c'è molta varietà di tapas e di birre, oltre ad uno spettacolo di musica dal vivo! Consigliatissimo!

19438

Per la cena invece ci spostiamo nella zona nord del porto, dove c'è un ristorante vegetariano consigliato su TA che si rivela ottimo! Questa zona è piena di negozietti e ristorantini percui la sera è molto viva, alla pari della ciudad alta, anche se rispetto a Ciutadela la movida si conclude decisamente prima. A mezzanotte, quando torniamo all'auto, la piazza è praticamene vuota...orari quasi inglesi direi. In effetti questo angolo dell'isola è quasi interamente meta del turismo anglosassone.

Il giorno seguente è ancora dedicato alla costa sud. Destinazione Son Bou, che ci permetterà di raggiungere facilmente la meta serale: la cova d'En Xoroi. Son Bou è una spiaggia molto ampia, molto conosciuta, ma ha anche dei colori meravigliosi. Cercando di dimenticare la parte est, dove sorge un ecomostro che stona con tutto quello che c'è intorno e con quello visto nei giorni passati, è una spiaggia che regala relax e belle nuotate in un mare limpidissimo. Pensavamo di rimanere delusi perchè ne avevamo sentito parlare come di una Rimini minorchina, ma non è assolutamente così. Basta spostarsi verso ovest, passeggiando sul bagno asciuga, per avere il proprio angolino di paradiso.

19439

Restiamo qui tutto il giorno, approfittando infine dei servizi presenti (doccia e wc), per poi spostarci in macchina a Cala En Porter, dove si trova la Cova d'En Xoroi, un luogo imperdibile per un tramonto glamour. Quando arriviamo non c'è ancora troppo casino e ci godiamo una cerveza fresca sulla prima terrazza, in attesa della puesta del sol.

19440

19441

Man mano il locale va riempiendosi, fino al culmine, quando il sole scende e abbraccia il mare dorato. Alle nostre spalle un concerto dal vivo accompagna questo momento magico.

19442

Continua...

leander
01-10-2014, 10:54:02
Davvero bella Cala Pregonda!


Lungo il percorso c'è una piccola sorpresa, un luogo mistico, chiamiamolo così.

19420

Mi ricorda la spiaggia di Papa Minas, a Karpathos. Là i "manufatti" del misticismo sono pochi ma colossali, ad altezza d'uomo!

19443

Neowave
01-10-2014, 11:19:10
Wow, davvero "composizioni" eccezionali quelle di Papas Minas. Me la sono persa quella spiaggia, rimane a nord dell'isola, giusto?

Comunque Cala Pregonda è il top di Minorca, un luogo assolutamente imperdibile. Soprattutto per chi ama fare snorkeling. Fenomenale! :cool:

leander
01-10-2014, 11:56:59
Wow, davvero "composizioni" eccezionali quelle di Papas Minas. Me la sono persa quella spiaggia, rimane a nord dell'isola, giusto?
Sì, circa 4 km di sentiero panoramicissimo da Diafani in direzione sud (più altrettanto il ritorno). Ovviamente eravamo soli!

Neowave
02-10-2014, 16:11:41
E così siamo arrivati alla fine di questa vacanza, che dal profondo sud della Spagna (Cabo de Gata, Granada) ci ha portato fino a Valencia e da qui sulla bellissima isola di Minorca.
E' il penultimo giorno per noi, qui a Ciutadella, quando saliamo in auto e percorriamo la strada verso Binigaus, costa sud. E' descritta come una spiaggia poco frequentata, ancora vergine, bellissima. Raggiungiamo la nostra destinazione in poco meno di mezz'ora, c'è ancora poca, pochissima gente ed è un vero paradiso.

19444

Scattiamo parecchie foto ed autoscatti multipli, ci rilassiamo, nuotiamo come se non ci fosse un domani, pranziamo all'ombra della nostra sombrilla, ci addormentiamo...poi...l'idillio finisce quando veniamo svegliati da un brusio improvviso!
Un'orda di monelli con genitori al seguito è appena sbarcata da una barca e si dirige verso di noi con pallone da calcio, canotto, una quantità di teli da mare che neanche i vuccumprà girano così carichi, racchettoni e palline, di tutto di più insomma. La scena è questa: stiamo ancora stropicciandoci gli occhi, a metà tra lo stordito e l'accecato, intorno a me e mia moglie c'è un perimetro di spazio vuoto di circa trenta metri, dove volete che si stabiliscano? Proprio alle nostre spalle, attaccati, modello cozza allo scoglio.
In quattro e quattr'otto facciamo su armi e bagagli e ci dirigiamo verso ovest, dove la spiaggia è ancora poco popolata, fortunatamente. Quest'area di Binigaus è ancora più selvaggia, protetta da un'alta parete di rocce rosse.

19445

Scampato il pericolo, ci godiamo un pomeriggio di totale relax, stesi fra i molti nudisti che popolano questa parte di spiaggia.
Prima di tornare a Ciutadella, la sera, decidiamo di tornare a Cap de Cavalleria, questa volta non per andare in spiaggia, ma per dirigerci verso il faro e goderci il tramonto. Una breve sosta a Es Mercadal per comprare birre e patatine e poi via sulla strada verso nord.
Poco prima di raggiungere il faro, ci fermiamo per scattare qualche foto al panorama in uno spiazzo a bordo della strada. Da lì non andremo più via, troppo bello, rilassante, tutto per noi quell'angolo di Minorca.

19446

Ci sediamo nei pressi dell'auto e, mentre ascoltiamo un pò di musica, ci secchiamo la birretta fresca e il pacchetto di patatine. Stretti stretti assistiamo allo spettacolo della natura, un processo che lascia sempre a bocca aperta, ma in posti come questo un pò di più, è innegabile.

19447

19448

Con gli occhi ancora pieni di tanta bellezza, saliamo in macchina e ci dirigiamo verso Es Fornells, dove è in corso una festa di paese. Nulla di che, c'è una band che suona dello ska punk in spagnolo, una folla di bambocci urlanti, qualche bancarella di hot dog e salsiccia e poco altro. Ci mangiamo un paio di tapas e torniamo verso Ciutadella.

Neowave
02-10-2014, 16:34:30
Il giorno seguente, è il 28 luglio, la carta spiaggia va giocata per bene. L'ideale sarebbe tornare a Pregonda, ma siamo un pò pigri e viriamo sulla seconda classificata nella top five minorchina: Playa Es Tancat. Ricordate quella piccola spiaggia a fianco della sorella maggiore Algaraiens la Val? Bene, è quella la nostra destinazione. Pace e mare limpido, l'ideale per chiudere in bellezza la vacanza.
Questa volta la raggiungiamo attraverso un percorso diverso, incamminandoci lungo un sentiero che si addentra in un boschetto.

19449

Attraversiamo la macchia con passo deciso, superiamo un piccolo stagno con ranocchie e simpatiche tartarughine ed infine, oltre le dune di sabbia, voilà, la playa!
Come al solito l'essere mattinieri paga: la spiaggia è ancora semi deserta!

19450

L'affollamento, durante la giornata, non sarà mai comunque eccessivo: molti turisti non conoscono questa spiaggia e si fermano ad Algaiarens, che è parimenti bellissima. Ma noi a questa piccola caletta siamo rimasti affezionati. Tante nuotate, in quell'acqua così limpida.

19451

Verso sera, ce ne andiamo via molto a malincuore. Passiamo la serata a Ciutadella, dove sono arrivati ancora più turisti (è il 28 luglio). Ceniamo all'Hogar del Pollo per un'ultima immersione totale nella rusticità tipica dei tapas bar spagnoli. C'è la solita, bellissima confusione nel locale e mangiare seduti al bancone è bello! Mitico Hogar, così unto, così spagnolo!

19452

Passeggiata per il centro storico, giù al porto, poi di nuovo su...ma è ora di andare a letto? Ma no dai...eh ma abbiamo l'aereo presto domattina...ma andiamo a sbronzarci...dai va là, che non c'hai più il fisico... :D

Il giorno seguente, di primo mattino, raggiungiamo l'aeroporto di Mahon e torniamo a casa.
Questo viaggio ci ha lasciato molti bei ricordi, momenti che rimarranno indelebili nel cuore. E' passato un pò di tempo ormai, ma scrivo queste righe come se fosse ieri, come se ancora potessi sentire l'odore del mare o se, uscito dal lavoro, potessi rivivere il tramonto di Cap di Cavalleria. Forse è così, forse si può fare, basta chiudere gli occhi e così è. Perchè noi siamo quello che viviamo e tutto quello che viviamo rimane parte di noi. Il bello di viaggiare è vivere intensamente, perciò essere allo stesso modo, ovunque.

ANTONELLA59
02-10-2014, 21:36:33
Bellissima vacanza! E complimenti per il racconto e le foto che fanno capire quanto possa offrire Minorca. Mi ha un po inquietato la quantita' di gente, ma credo sia inevitabile dato il periodo.

Phormula
30-07-2015, 11:33:19
Tornati da un weekend lungo (6 giorni) in questa fantastica isola.
Mini-vacanza all'insegna del relax, ma ci voleva dopo un anno di lavoro.

Che dire? Bellissima isola, spiagge stupende, qualche passeggiata nella natura e qualche divagazione culturale (tremila anni di storia lasciano il segno).
Peccato avere avuto poco tempo ed essere capitati nel picco della stagione turistica.
Vale la pena ritornarci con più calma e meno gente.

Phormula
30-07-2015, 16:38:36
Alcune immagini, in ordine di casualità casuale... ;)

Phormula
31-07-2015, 09:37:20
Premetto che questa mini vacanza aveva come obiettivo il relax. Arrivo puntuale il venerdì con volo Easyjet da Milano. Le formalità per entrare in possesso della macchina a noleggio richiedono più del previsto, non perché siano lenti, ma per il fatto che il noleggio ha la sede ad un paio di chilometri di distanza dall’aeroporto e quindi dobbiamo attendere il pulmino.

Nel giro di mezz’ora il navigatore satellitare ci accompagna all’ingresso dell’hotel a Son Bou. Mettiamo le nostre cose in camera, facciamo un breve salto ad Alaior per acquistare alcune cose, tra cui l’indispensabile scorta di acqua minerale. A dire il vero il supermercato ce l’avevamo anche di fronte al resort, ma ne approfittiamo per fare due passi in questo tranquillo paesotto dell’interno. Tornati in hotel, iniziamo la vacanza vera e propria con una passeggiata lungo la spiaggia di Son Bou, abbastanza affollata, del resto siamo nel picco della stagione estiva. Cena in hotel e passeggiata dopo cena lungo la spiaggia.

Il giorno dopo facciamo colazione presto e andiamo a Mahon. Nonostante sia domenica, parcheggiare nelle vicinanze del centro si rivela più complicato del previsto. Molti parcheggi sono a tempo o per residenti. Su suggerimento del navigatore scoviamo un autosilo a due passi dal centro. Mossa azzeccata, macchina parcheggiata al fresco e costo ragionevole. Passiamo la mattinata girovagando per la capitale dell’isola. Al nostro arrivo gran parte delle vie erano ancora deserte, il che ci ha permesso di girare con tranquillità e di goderci gli scorci sulla baia senza dover litigare per scattare una foto. Nonostante fossimo nel pieno della stagione turistica, ci ha sorpreso il fatto che molti negozi fossero chiusi di domenica. Visitiamo le chiese principali, il museo e il porto. Assistiamo ad una Messa in catalano ed alla fine, con nostra sorpresa, il parroco scende dall’altare ed anziché andarsene, va verso la porta di uscita, stringendo la mano, ringraziando e salutando i fedeli. Avendoci riconosciuti come turisti, nello stringerci la mano ci augura una splendida vacanza sull’isola. Man mano che passa il tempo le vie si riempiono di gente, molti turisti inglesi e italiani, che arrancano sui selciati, sotto il solleone e con il vento che ha deciso di prendersi una pausa.

Torniamo al nostro resort in tempo per il pranzo, e decidiamo di dedicare il pomeriggio all’esplorazione della costa nord, da Favarix fino al faro di Punta della Cavalleria. Siamo costretti a saltare Fornells perché proprio quel giorno si svolge la festa patronale, gli ingressi al paese sono sbarrati e la fila di macchine parcheggiate lungo la strada va ben oltre i limiti del paese. La costa nord è rocciosa, alternando calette a strapuntoni e il mare non è tranquillo come a sud. Viaggiare lungo le strade minori richiede un po’ di cautela perché l’asfalto non è ben tenuto ed in molti tratti incrociare è problematico. La mattina a Mahon visitando un chiostro avevamo letto che questa costa è stata oggetto di numerosi naufragi, con molte vittime e che proprio per questo motivo sono stati costruiti i fari. Gentilissima la custode (italiana) del piccolo museo nel faro di Cavalleria, che ci riempie di consigli e dritte. Rientriamo in albergo e ci rilassiamo.

Ripartiamo la mattina dopo in direzione Ciutadela, antica capitale dell’isola. Anche qui abbiamo qualche difficoltà a trovare un parcheggio nei pressi del centro, schivando le striscie blu e i parcheggi per i residenti. Dedichiamo la mattinata alla visita della cittadina, che ci svela la sua storia e nel contempo si dimostra essere più turistica di Mahon. Anche qui il piccolo museo annesso alla cattedrale ci racconta molto della storia di quest’isola, crocevia del Mediterraneo occidentale fin dai tempi antichi. Negli ultimi 3000 anni di qui sono passati tutti: terreno fertile, che favorisce l’agricoltura, clima mite, un porto naturale nella baia di Mahon (la seconda al mondo dopo Pearl Harbour) hanno reso quest’isola un punto di rifornimento abituale per le navi, anche quelle non volute, come dimostra l’abbondanza di torri di avvistamento, più o meno conservate, sparse in giro per la costa.

Prima di tornare in hotel decidiamo di vagare un po’ per il centro dell’isola, osservando i pascoli che fiancheggiano la strada, dove pascolano tranquille le mucche. Il cielo nuvoloso sulle colline dell’interno sembra preannunciare un temporale, ma in realtà è solo una impressione. La mancanza di rilievi veri e propri (il punto più alto dell’isola è poco più di 300 metri) fa si che il vento spazzi via le nuvole abbastanza rapidamente. Mucche e cavalli sono una costante del paesaggio. Del resto Minorca è famosa per il suo formaggio tipico (di cui faremo ampia provvista, insieme ad altre specialità alimentari…) e per le minor chine, un tipo di scarpe che sull’isola indossano quasi tutti, preferendola alle infradito. Infatti lungo la dorsale, ai lati della strada che taglia l’isola da Ovest ad Est, si vedono le insegne delle fabbriche di scarpe.

Decidiamo che l’obiettivo del nostro pomeriggio è il relax, per cui passiamo il pomeriggio nel più classico dei modi, stesi su due lettini con un libro in mano nel parco del resort, scegliendo un angolino defilato dal caos dell’animazione. Prima di cena decidiamo di fare una passeggiata lungo la spiaggia, approfittando del mare calmo e caldo, un vero invito a fare il bagno.

Arriva così il martedi, ultimo giorno di vacanza. Partiamo la mattina presto per la riserva naturale di Es Grau, nel Nord-Est dell’isola. Arriviamo all’ingresso al momento dell’apertura. Una gentilissima signora ci consegna una mappa dei sentieri con tutti i punti di osservazione e ci riempie di consigli, compreso dove parcheggiare la macchina per trovarla all’ombra. E’ così che passiamo gran parte della mattinata, passeggiando lungo i sentieri e fermandoci ad osservare gli uccelli con il binocolo dai vari punti di osservazione. Davvero lodevole l’iniziativa di avere creato questa riserva della biosfera e preservato lagune, cale e stagni e nel contempo averla resa fruibile ai turisti con i percorsi attrezzati.

Prima di tornare in albergo decidiamo di fare tappa a Fornells, che non eravamo riusciti a visitare due giorni prima per via della festa patronale. Breve passeggiata nel centro del paese, che si rivela essere il mix tra porticciolo di pescatori ed insieme di seconde case per turisti che tutto sommato ci aspettavamo. Usciamo dal paese per visitare la chiesa scavata nella roccia e la torre di guardia all’estremità nord.
Ripartiamo nel pomeriggio dedicandolo alla visita delle spiagge turistiche della zona sud e sud-ovest. Molto belle come mare, ampiamente attrezzate, ideali per chi viaggia con i bambini e …piene di turisti al punto che passeggiare lungo il bagnasciuga in certi punti è un vero e proprio slalom tra i bagnanti. Non è una sorpresa, anche il nostro resort, con le sue 500 e passa camere, segna il tutto esaurito. La bellezza del mare e dei paesaggi ci convince che quest’isola merita una seconda visita, con più calma ed in un periodo meno caldo, in modo tale da poterla esplorare meglio.

Con il mercoledì arriva il momento di tornare in Italia. Facciamo una breve, ultima passeggiata in spiaggia prima di colazione, impacchettiamo le nostre cose in valigia, restituiamo la macchina al noleggio ed arriviamo puntuali in aeroporto per tornarcene nella calda Milano. Ci attende un agosto lavorativo. Le ferie, quelle vere, saranno a Settembre.

ANTONELLA59
31-07-2015, 11:15:57
Bella vacanza Luca! Dai aggiungi qualche foto oltre a quelle gia' postate. Minorca e' un'isola molto bella ma confermi quanto pensavo che e' anche molto affollata.

Neowave
31-07-2015, 19:59:48
Bella vacanza, hai visitato il Nord Est che a noi invece è mancato...ma ci sarà tempo per rimediare! ;)

Sinceramente Antonella, gente ce n'era lo scorso luglio, ma non abbiamo vissuto situazioni caotiche, anzi. Forse verso fine mese c'è stato un leggero aumento di turisti, come credo fosse inevitabile, data la straordinarietà dei luoghi.
Io mi sento di consigliarla, così come mi sento di tranquillizzare chi si immagina molta confusione. :)

Phormula
01-08-2015, 17:44:00
Noi abbiamo una chiara intenzione di tornarci, sia perché abbiamo giocoforza dovuto fare delle scelte visto il poco tempo a disposizione, sia perché alcune cose le vorremmo rivedere con più calma.

Sulla frequentazione turistica, Antonella ha ragione, del resto l'isola ha tutto quello che serve per farne una meta turistica ideale nei mesi estivi: è ben servita con collegamenti aerei dalle principali città europee, ha un aeroporto moderno dotato di sistemi di assistenza al volo avanzati che l'anno scorso ha gestito due milioni e settecentomila passeggeri, quasi tutti nei mesi estivi, soprattutto luglio ed agosto, a gennaio sono stati circa 50 mila, ed oltre 24 mila tra decolli ed atterraggi, senza contare le persone che arrivano con i traghetti o con le barche. Tanto per fare un confronto, il numero di passeggeri che transitano dall'aeroporto di Santorini è meno della metà e quelli che passano da Mykonos un quarto.
A questo si aggiunge ampia disponibilità di strutture ricettive, sia per chi viaggia per conto proprio che per chi si appoggia ad un tour operator, una rete di strade principali ben tenuta ed in via di ulteriore miglioramento (ci sono lavori in corso per allargare i tratti più trafficati), un buon servizio di trasporto pubblico (che noi non abbiamo sperimentato, avendo la macchina a noleggio), spiagge che accontentano sia chi vuole la spiaggia attrezzata sia chi è alla ricerca della caletta sperduta e possibilità di divertimento anche per chi ama la vita notturna. Al momento di scegliere il resort non abbiamo avuto alcuna difficoltà a trovarne uno esattamente con le caratteristiche che cercavamo.

[Deformazione professionale mode ON] E' chiaro che la pressione turistica si fa sentire, soprattutto nei mesi estivi. Il governo locale ha fatto molto per limitare i danni, le località principali sono servite da impianti di depurazione, è possibile fare la raccolta differenziata anche sulle spiagge, ampie zone dell'isola sono classificate come riserva della biosfera e quindi protette dalla speculazione edilizia e (ma questo vale per le Baleari), sulle bottiglie di plastica è applicata una tassa che serve a finanziare iniziative a scopo ambientale. L'energia elettrica è prodotta da centrali termiche, come è logico su un'isola, ma ci sono parecchi parchi eolici. Se non ricordo male hanno ancora una discarica non a norma, ma è chiusa in attesa di bonifica (e per questa ed altre 60 discariche non a norma chiuse ma ancora da bonificare la Spagna è stata appena deferita alla Corte Europea di Giustizia). Se faccio il confronto con le Canarie, devo dire che Minorca è un passo avanti nella gestione dell'ambiente, anche se le Canarie non stanno con le mani in mano. [Deformazione professionale mode OFF]

Tornando a temi più strettamente turistici, come dicevo noi siamo capitati nel picco della stagione turistica. Di questo abbiamo avuto segnali fin dal nostro arrivo, il resort in cui eravamo era al completo e parcheggiare nei dintorni dell'albergo era praticamente impossibile, c'erano macchine ovunque. Il problema del parcheggio si è manifestato quando siamo andati a Mahon, a Ciutadela e nelle spiagge attrezzate. Così come in queste ultime il litorale delle zone attrezzate era affollato, non a livelli da spiaggia ligure, ma abbastanza da costringere a fare un po' di slalom tra ombrelloni ed asciugamani. Però già a Son Bou, dove eravamo noi, bastava uscire di un centinaio di metri dalla zona fronte costruzioni e fronte parcheggio perché la situazione migliorasse. Anche negli orari centrali della giornata abbiamo sempre visto ombrelloni liberi in spiaggia (sono a pagamento, la tariffa dipende dall'orario in cui si arriva: normalmente ci sono tre tariffe: piena per chi arriva la mattina, scontata per chi arriva nel primo pomerigggio ed ulteriormente scontata per chi arriva nel tardo pomeriggio). Un'altra fortuna è che l'isola è abbastanza grande (700 chilometri quadri) ed il turismo da grandi numeri si concentra in quattro-cinque località, quelle in cui ci sonola maggior parte dei grandi resort e le case di villeggiatura. Nel nostro pergrinare a nord, escludendo Fornells in cui abbiamo avuto la sfortuna di capitare il giorno della festa del patrono, abbiamo trovato poco traffico, siamo sempre riusciti a parcheggiare la macchina vicino alle spiagge ed ai punti di interesse e le abbiamo trovate abbastanza vuote. Noi abbiamo mangiato sempre in resort (e qui devo dire che nonostante fosse pieno, non ho mai fatto code per mangiare o servirmi al bar), limitandoci a qualche sosta nei bar e nelle caffetterie quando volevamo riposarci un po' e bere qualcosa. Siamo sempre entrati nel primo posto che ci ispirava e abbiamo sempre trovato un tavolino disponibile. Il giro della riserva di Es Grau invece lo abbiamo fatto in piena solitudine. Infatti ero partito con l'idea di dover restare in albergo la maggior parte del tempo per l'impossibilità di girare l'isola e invece mi sono dovuto ricredere, alla fine siamo stati in giro molto di più rispetto a quanto avevamo previsto. Se ci dovessi tornare, penso che lo farò a settembre (meteo permettendo), perché è quello il periodo in cui ho le mie ferie e in quel caso dovrei trovare una situazione ancora migliore.

misterpep
22-03-2016, 18:09:05
Ragazzi quest'anno, dopo sei anni di Grecia, sto valutando l'opzione Minorca! Avete notizie aggiornate?
Grazie