PDA

Visualizza Versione Completa :

la decadenza di Francorosso



carlo.b
24-04-2007, 14:15:47
TOUR DELLE CITTA’ IMPERIALI
LA DECADENZA DI FRANCOROSSO
( Pubblicato sul web: www.turistipercaso.it (http://www.turistipercaso.it))
:-? cancellato dal sito turistipercaso.it ed io l'ho nuovamente inserito :(

A seguito di una magnifica crociera effettuata nelle vacanze pasquali del 2006 in Egitto con Alpitour, decidiamo di andare a visitare il Marocco nello stesso periodo di quest’anno.
Il 26 marzo 2007 mi reco con mia moglie presso l’agenzia di fiducia chiedendo se vi è ancora disponibilità per il tour delle città imperiali con Alpitour.
Purtroppo no, ma mi viene proposto il tour di prima categoria con Francorosso con partenza da Verona. Accettiamo poiché rimaniamo all’interno del gruppo Alpitour Word e prenotiamo la partenza del 8 aprile (Pasqua), con ritorno il 15 aprile, per tre persone, io, mia moglie e mia figlia ventunenne.
Ci rechiamo all’aeroporto come da tabella alle ore 17,15 ci vengono consegnati i biglietti di viaggio, tutto come da programma.
Volo alle 19,30 con la compagnia Neos, ottimo sotto tutti i punti di vista, qualità, confort, cena.
Arrivo a Marrakech in perfetto orario alle ore 20,50 ora marocchina.
Arrivati al controllo passaporti nessuno ci aveva avvertito che si doveva compilare il modulo di ingresso in Marocco, pertanto si sono verificati gli inevitabili ritardi ( qualcuno sull’aereo poteva avvertirci o scriverlo sul programma di viaggio!).
Dopo circa un’ora e un quarto di coda passiamo e ci rechiamo a ritirare i bagagli abbandonati sul nastro trasportatore.
Usciti dall’area doganale incontriamo ben tre incaricate Francorosso che dopo aver accertato la nostra presenza nell’elenco ci indirizzano verso l’uscita dicendoci che il nostro bus è il numero 74.
Usciamo quindi, non accompagnati, dall’aerostazione con le nostre valige e scopriamo che vi sono dei lavori di ristrutturazione all’aeroporto pertanto dopo una camminata di circa cinque minuti raggiungiamo il piazzale dove sono parcheggiati più di una decina di bus, cerchiamo il nostro, lo troviamo; sono le ore 22,30 locali. Attendiamo gli altri e verso le 23,00 ci muoviamo verso i diversi alberghi. (qualcuno poteva radunarci e poi in gruppo accompagnarci al Bus!).
Arriviamo all’hotel 4 stelle MERIEM in circa un quarto d’ora, scarichiamo le valigie e andiamo per l’assegnazione delle camere, sono ormai le 23, 15 circa (le 01,15 italiane). Veniamo accompagnati nella sala ristorante dove secondo loro ci viene offerta una cena, mentre si compila il modulo di arrivo in albergo.
Ai nostri occhi si presentano gli avanzi dei turisti che hanno cenato verso le 20,00. (qualcuno ha pensato che per noi era notte fonda e non ora di cena?... Ma il programma lo prevedeva).
Assegnazione della camera, a nanna, sveglia alle 6,30 e partenza per Casablanca e Rabat.
Al mattino la guida locale parlante italiano, Mohamed, si presenta, ci raduna, si parte il tour ha inizio.
Giunto a questo punto non sto a descrivere il viaggio gia descritto in modo eccellente in altri resoconti presenti in rete, ma vorrei descrivere l’insieme della mancanza di organizzazione riscontrata in Francorosso. (da torinese d.o.c. mi fa male vedere il livello raggiunto da questo tour operator, che per anni è stato uno dei fiori all’occhiello della mia città).
Tanto per iniziare la qualità degli hotel non è all’altezza delle stelle assegnate; a Rabat la camera tripla era di dimensioni ridotte, tanto che per inserire il terzo letto ( una brandina) era stati tolti i comodini e non vi erano piani di appoggio se non un tavolino.
La brandina, poi, aveva i piedini di appoggio di altezza diversa risultando più alta ai piedi e inclinata sul lato destro. (per una notte si può accettare?... sì, ma non in un 4 stelle).
A Fes decisamente meglio, anche perché siamo stati dirottati in un 5 stelle, lo Zalagh Palace Hotel, me anche qui per inserire il terzo letto (letto vero) era stato eliminato un comodino.
A proposito del dirottamento, la guida che ci accompagnava non era stata avvertita del cambio, pertanto ci siamo recati all’albergo assegnato e solo dopo aver scaricato i bagagli dal bus siamo stati messi al corrente della variazione al programma, quindi abbiamo dovuto ricaricare la valige ed effettuare il trasferimento di circa mezz’ora per raggiungere la nuova assegnazione. (dopo una giornata di bus non è il massimo!)
A Marrakech l’hotel Meriem è decoroso ma non all’altezza delle 4 stelle, la camera tripla è sufficientemente spaziosa e non sono stati tolti i comodini, il terzo letto è una brandina ma questa volta è regolare.
Il servizio ristorante è pietoso!.
Dopo solo dieci minuti dall’apertura, peraltro quasi sempre in ritardo, parte del buffet è terminato e bisogna attendere che con flemma ne riportino, la frutta è scarsa (solo arance) ed una sera non ve ne era affatto. Non servono birra, solo vino e acqua. Le dimensioni del locale non sono sufficienti a contenere gli ospiti, per cui spesso bisogna attendere che si liberi un tavolo per pranzare. La colazione è scarsa sia di qualità sia di scelta.
Ma se il livello degli hotel in Marocco è questo che colpa ne può avere Francorosso? Visto che il turismo in questa nazione non è nato ieri Francorosso con gli altri tour operator poteva intervenire e far migliorare il livello di servizio. (in fin dei conti portiamo valuta e penso che sia il giusto comportamento imprenditoriale).
In tutti i ristoranti in cui siamo stati abbiamo sempre trovato piatti e tazze scheggiate come se un artigiano locale le scheggiasse ad arte.
Veniamo ora all’assistenza in loco. Poco presenti!
Già ho raccontato l’arrivo all’aeroporto.
La Guida Ufficiale parlante italiano, come definita nel programma, sia a Fes che a Marrakech ci ha abbandonato lasciandoci in mano alla guida locale parlante un italiano un po’ meno comprensibile. (e se avevamo bisogno di qualche cosa a chi ci rivolgevamo? La guida non era compresa nel pacchetto di viaggio?).
Per due sere consecutive, la prima a Fes la seconda a Marrakech, veniamo portati in un locale caratteristico per la cena. In entrambi i casi ci viene servito lo stesso identico menu, antipastino di varie verdure cotte e pollo arrosto cotto nel tagine (contenitore di ceramica di forma particolare).
Nel locale di Fes, poi, alcuni di noi ordinano l’acqua e non viene portata, viene richiesto un supplemento di pane e non viene portato. Il personale ad un certo punto sparisce. In circa 25 minuti mangiamo ed usciamo (con disappunto della guida locale, parlante un semiitaliano, che forse stava facendo una pennica).
Chi stabilisce i menu turistic? Non viene effettuato un controllo di ciò che accade? Io direi di no!
La serata “Fantasia” con cena annessa del costo di 360 Dirham (al cambio poco meno di 33,00 € e a noi ne sono stati chiesti 36,00 €) sul programma si immaginava una cena caratteristica sotto a tende berbere in mezzo alle palme…. Invece ci siamo ritrovati in una Gardeland marocchina con finti musei, tende da fiera gastronomica e pochi intimi (circa 2.000 persone). Lo spettacolo bello, per la parte dei cavalieri, è risultato monotono per il resto poiché raccontava una storia a noi ignota che nessuno ci ha spiegato (lo speaker parlava arabo), quindi non abbiamo apprezzato forse anche per il vento freddo che ci ha sferzato per tutta la serata. (La guida parlante italiano era assente! Se ci fosse stata forse avremmo apprezzato di più!)
Dulcis in fundo.
Il piano operativo del tour prevede partenze da diversi aeroporti con orari differenti.
Da Milano Malpensa con partenza di Domenica alle ore 9,30 italiane e arrivo a Marrakech alle ore 10,50 marocchine; ritorno partenza la Domenica successiva da Marrakech alle ore 11,35 marocchine e arrivo a Milano Malpensa alle ore 15,40 italiane.
Da Verona Catullo con partenza di Domenica alle ore 19,30 italiane e arrivo a Marrakech alle ore 20,50 marocchine; ritorno partenza la Domenica successiva da Marrakech alle ore 21,50 marocchine e arrivo a Verona Catullo alle ore 02,55 italiane (lunedì).
Il programma però non tiene conto delle notevoli differenze di orario ed è calcolato sui voli di Milano Malpensa.
Al termine del tour i milanesi hanno il sabato pomeriggio libero per l’ultima visita a Marrakech mentre coloro provenienti da Verona si ritrovano con praticamente tutta la domenica a disposizione (ora di ritrovo in albergo per il trasferimento in aeroporto 19,20).
Per tutto questo periodo, da sabato ore 12,00 a domenica ore 19,20, non abbiamo più avuto alcuna assistenza, neppure il pranzo della domenica poiché i tour ufficialmente termina con la prima colazione ed inizia con la cena del primo giorno che già vi ho descritto , non solo ma alla nostra preventiva richiesta ci era stato risposto che presso le agenzie locali si potevano trovare proposte interessanti. ASSURDO!!
(l’organizzazione Alpitour Word non poteva prevedere, anche a pagamento, delle visite per coloro che provenivano da Verona. Chi si trova per la prima volta in uno stato straniero può avere anche delle difficoltà nell’organizzarsi da solo, altrimenti perché avrebbe scelto un viaggio organizzato al posto di un viaggio FAI DATE!)
Giunti all’aeroporto di Marrakech rivediamo le assistenti di Francorosso, ben tre. (ma allora ci sono! Dov’erano durante la settimana?)
Concludendo, sono rimasto molto sconcertato e amareggiato dall’organizzazione Francorosso alla quale imputo la colpa di avermi, i parte, fatto apprezzare meno le bellezze indiscusse del Marocco e della sua gente.
Cliente Francorosso: Carlo Bosia – Numero di prenotazione FR13417951
Viaggio prenotato presso l’agenzia PROMOTUR SRL di Torino (Ottima!)
Scritto il 19 aprile 2007

Lo Staff di Ci Sono Stato
24-04-2007, 15:04:00
Non conosciamo i motivi per cui il suo resoconto sia stato cancellato dal sito di turisti per caso; prendiamo atto della sua iniziativa di pubblicarlo anche qui, e prendiamo atto anche (scusi la battuta e la franchezza) di essere una... seconda scelta!
Ci Sono Stato pubblica, in linea con la propria mission, quanto da lei riportato, ricordandole che si assume il pieno carico di quanto esposto.

carlo.b
24-04-2007, 17:46:28
Non siete stati una seconda scelta, bensì una scelta in contemporanea.
Venerdì Roberto Ghedi mi confermava con email il ricevimento del mio documento.
Cordialmente e grazie
Carlo

mark
25-04-2007, 11:30:30
Guarda, va bene tutto ma farvi uscire NON ACCOMPAGNATI dall'aeroporto è veramente troppo!
:027: :027: :027: