PDA

Visualizza Versione Completa :

India ...partendo da zero



AlexanderFreud
30-05-2006, 19:19:48
Ai primi di Maggio mi trovavo per la seconda, sempre fortunatissima, volta ad Istanbul di ritorno da un seminario ad Ankara. Io e la mia amica che era con me entrammo in un'agenzia di viaggi in Divanyolu Caddesi ed un tabellone luminoso attirò la mia attenzione: "volo Istanbul-Mumbai 258 euro". Alché si sollevò l'aspettata domanda: "Invece di tornare in Italia ce ne andiamo in India?!?"

Posso immaginare che il prezzo si riferisse tasse e supplementi esclusi (non ho approfondito la questione) come si trovano i voli a 99 cents + tasse e suppl.

Tuttavia quella semplice indicazione è stata una scintilla che mi ha innescato un susseguirsi di pensieri.

E' relativamente facile, per i giovani, viaggiare con costi in massima parte rimborsati finché si tratta di Europa e Mediterraneo, aderendo a progetti di scambi culturali. Molto più difficile farlo fuori (intendo senza avere nessuna particolare mansione come me; ad esempio giornalisti inviati esteri, ricercatori universitarii che hanno rapporti con università straniere, ambasciatori di enti o associazioni...)

Ma, evitando di dilungarmi, raccontavo che quel momento topico mi ha focalizzato una meta: l'India. Tra quelle lontane ne ho sempre avute parecchie in mente: Australia da sempre, Sudamerica, centro America, Sud Africa, Centro Africa, Sud Est Asiatico... Luoghi per la maggiorparte caldi, da visitare in gioventù; mete obbligate ma su cui non potrei dilungarmi per lunghi periodi (ad esempio 6 mesi) perché soffro il caldo, e anzi, pur amando molto il Mediterraneo, spero ogni anno con più ardore (visto che il periodo caldo si allunga di anno in anno - ormai nella mia città si ha da metà Aprile a metà Novembre) di potermi trasferire in Nord Europa, meno variegato ma con un clima più mite (io per 'mite' intendo, al contrario dei metereologi, che 'il caldo non opprime'). Di certo l'ideale sarebbe poter vivere al nord solo da Aprile a Ottobre (per evitare i periodi più buii).


Ehm, scusate le divagazioni che mi risultano sempre quando intendo scrivere qualcosa.



La domanda che mi pongo è:

Dovendomi organizzare per visitare in proprio (non andrei da solo, ma con amico o amica) quanto meno Mumbai, Delhi e Agra (il che ridurrebbe gli spostamenti interni in aereo ad uno se le città di arrivo-partenza siano diverse o due se sia la stessa - in questo piano sto evitando Calcutta, Benares e Madras che invece andrebbero inseriti) come mi devo comportare?

Per il periodo avevo considerato Marzo (fuori dai Monsoni e lontano dal solstizio invernale, anche se trovandomi tra il 20° e il 30° parallelo non dovrei avere grossi problemi di luminosità, considero comunque di sfruttare i mesi più luminosi). E quindi mi chiedo: a Dicembre le condizioni di luce sono 'interessanti' (mi rifersisco in particolare per le fotografie)

Quanto tempo minimo mi occorrerebbe per una buona visita di Mumbai - Delhi - Agra?

E aggiungendo Calcutta e Benares? E in unltima analisi Madras?

La questione che più mi preme è la seguente: posso arrivare nella metropoli indiana, prendere il taxi dall'aeroporto e raggiungere un centro cittadino dove poter cercare un alloggio discreto a buon prezzo, e girare per conto mio la città e le località prossime più interessanti?
Ovvero c'è una certa tranquillità e sicurezza come nelle metropoli del Mediterraneo, oppure insorgono problemi come 'si sente' ci siano ad esempio in paesi del sud America o del centro Africa, dove per un turista (possibilmente con carta di credito e macchina fotografica da 1000 euro al seguito - come me) è pericoloso anche solo camminare e magari si deve pagare una tangente alla polizia?



Per avere un'idea della mia condizione attuale: le mie esperienze di viaggio oltre Italia sono limitate (a parte due viaggi in Turchia centro e sud occidentale) a Scandinavia, Germania,Austria,Francia,Belgio, Ungheria,Jugoslavia, Grecia,Malta + una breve visita in Tunisia ed una settimana in Israele in viaggio organizzato (un congresso sul tema della pace)

Sono concettualmente contrario al viaggio 'organizzato' (cioé in cui si deve seguire un programma con visite guidate, ed in cui altri decidono dove e quando mangiare e dormire...) a meno che, ovviamente, non preveda un congruo rimborso spese, come mi è capitato in Israele!



Mie considerazioni a parte, ringrazio per eventuali suggerimenti riguardo l'India :)

AlexanderFreud
30-05-2006, 19:34:27
Non ho parlato di vaccinazioni forse perché inconsciamente reputo pregiudizievoli nei confronti dei paesi esotici coloro che chiedono a riguardo...
Ma c'è qualche vaccinazione consigliata?

Piuttosto, stavo pensando, il visto viene rilasciato in tempi brevi dall'ambasciata (in giornata), o conviene richiederlo qualche settimana-mese prima?

Daiana
30-05-2006, 23:22:29
Auguri! Se non sbaglio era il tuo compleanno qualche giorno fa! :002:

AlexanderFreud
31-05-2006, 13:48:46
Oh, non me l'aspettavo, ma Grazie!!! :025:

A proposito di mete di viaggi e auguri inaspettati, il giorno del mio compleanno mi ha telefonato un'amica 'di penna', diciamo 'di messenger' da Barcelona per farmi gli auguri... Sono rimasto :021: (non l'avevo mai sentita dal vivo)

Kamar
31-05-2006, 17:53:07
Che vaccinazioni servono per andare in India ?

silviaf26
01-06-2006, 10:19:10
Che vaccinazioni servono per andare in India ?

non e' richiesta nessuna vaccinazione obbligatoria.
In genere sono consigliate le vaccinazioni: per l'epatite A e B, per il tifo, e il richiamo antitetanico.

(tifo a parte, che comunque sono due pastigliette, le altre sono consigliabili anche per vivere in Italia!)

poi c'è la profilassi antimalarica ma dipende dalla zona in cui vai (io quest'anno per esempio ho deciso di non farla)

Kamar
01-06-2006, 20:47:02
E quale sarebbe la zona in cui si puo' evitare di fare la profilassi antimalarica ?
Mi sta prendendo voglio di vedere l' India, ma chiaramente, non essendoci mai stata, non saprei da dove cominciare :012:

AlexanderFreud
03-06-2006, 20:25:37
E quale sarebbe la zona in cui si puo' evitare di fare la profilassi antimalarica ?
Sì, infatti, quello che mi chiedevo anch'io. Suppongo che nel nord del paese il problema non ci sia (?)

Piuttosto mi preme sapere se le grandi città godano di relatica tranquillità (per girare e trovare gli alberghi da soli) o no.

lavale
05-06-2006, 17:45:55
Dovendomi organizzare per visitare in proprio (non andrei da solo, ma con amico o amica) quanto meno Mumbai, Delhi e Agra (il che ridurrebbe gli spostamenti interni in aereo ad uno se le città di arrivo-partenza siano diverse o due se sia la stessa - in questo piano sto evitando Calcutta, Benares e Madras che invece andrebbero inseriti) come mi devo comportare?

secondo me girare l'India è molto più semplice di quello che si potrebbe pensare. i treni funzionano molto bene, l'inglese è parlato da molte persone. ci sono sicuramente dei contrattempi, ma basta avere un po' di pazienza.
Però, le distanze in India sono enormi, e i precorsi lenti. quindi, a meno che tu non voglia prendere un sacco di voli interni (su cui non ho nessuna esperienza), passeresti un sacco di tempo in treno/autobus.
tieni presente che in una notte di treno fai circa 300 km. anche in macchina non vai molto più veloce.
Più che visitare 3 grandi città secondo me ti conviene visitare, per esempio Delhi e Agra, che sono abbastanza vicine, e per esempio il Rajasthan, dove comunque troverai altre città di qualche milione di abitanti.



Per il periodo avevo considerato Marzo (fuori dai Monsoni e lontano dal solstizio invernale, anche se trovandomi tra il 20° e il 30° parallelo non dovrei avere grossi problemi di luminosità, considero comunque di sfruttare i mesi più luminosi). E quindi mi chiedo: a Dicembre le condizioni di luce sono 'interessanti' (mi rifersisco in particolare per le fotografie)


non ho capito se stai considerando marzo o dicembre.
comunque, penso che il periodo migliore sia da novembre a febbraio. io sono stata a marzo, e inizia a fare caldo, molto caldo, e anche se non piove può essere molto umido (era molto peggio di Milano ad agosto, per dire).
altra cosa a cui a volte non si pensa, è che il buio cala rapidamente: appena inizia a fare buio...puff...cala la notte...la fase di tramonto e crepuscolo dura pochissimo.



Quanto tempo minimo mi occorrerebbe per una buona visita di Mumbai - Delhi - Agra?


dipende cosa intendi con una buona visita.
premetto, a Mumbai (e nemmeno a calcutta, Benares e Madras) sono mai stata.
secondo me le cose più belle dell'India le trovi fuori dalle grandi città. Le città sono veramente un casino inimmaginabile, dopo poco tempo (soprattutto se fa caldo) vuoi scappare...



La questione che più mi preme è la seguente: posso arrivare nella metropoli indiana, prendere il taxi dall'aeroporto e raggiungere un centro cittadino dove poter cercare un alloggio discreto a buon prezzo, e girare per conto mio la città e le località prossime più interessanti?


puoi farlo, ma non te lo consiglio.
anche se in genere i voli dall'europa arrivano nel cuore della notte, e ti conviene essere già d'accordo con un hotel che ti mandi qualcuno a prenderti.
io avevo fatto così, quindi non so se è vero che se prendi un taxi normale sia abbastanza probabile che tenteranno in ogni modo di truffarti (se leggi qualche guida pare che sia così).
anche perchè secondo me non è il massimo arrivare alle 3 di notte e girare per Pahar Ganj (è il quartiere dove ci sono quasi tutti gli alberghetti economici) per cercare un posto.
non che sia pericoloso (l'India è un posto molto tranquillo, sotto quell'aspetto), ma secondo me è meglio di no.



Ovvero c'è una certa tranquillità e sicurezza come nelle metropoli del Mediterraneo, oppure insorgono problemi come 'si sente' ci siano ad esempio in paesi del sud America o del centro Africa, dove per un turista (possibilmente con carta di credito e macchina fotografica da 1000 euro al seguito - come me) è pericoloso anche solo camminare e magari si deve pagare una tangente alla polizia?


come ti dicevo, l'India è un paese abbastanza sicuro.
tieni presente che ti porti comunque addosso più di quello che un indiano medio guadagna in un anno, quindi sarai sicuramente oggetto di molte attenzioni.




Sono concettualmente contrario al viaggio 'organizzato' (cioé in cui si deve seguire un programma con visite guidate, ed in cui altri decidono dove e quando mangiare e dormire...) a meno che, ovviamente, non preveda un congruo rimborso spese, come mi è capitato in Israele!


non c'è nessun bisogno di viaggio organizzato, ma ti conviene cercare a Delhi qualche alberghetto che ti ispiri, prenotare una stanza, e farti venrie a prendere all'aereoporto.
se poi il posto non ti piace, il giorno dopo vai a fare un giro e ne cerchi un altro.
anche per girare il resto dell'India puoi girare da solo (cioè senza viaggio organizzato) senza problemi prenotando i treni o i bus, e scegliendo gli alberghi quando arrivi nelle città.

ciao
vale

AlexanderFreud
06-06-2006, 12:31:03
Grazie dei consigli :)

Ceci
18-06-2006, 20:52:43
Nel tuo itinerario, secondo me, manca Varanasi. Città spirituale sul fiume Gange assolutamente unica. Lì potrai trovare numerosi santoni, riti sacri, cremazioni suggestive. Purtroppo da Dheli devi prendere l'aereo ma, sono sicuri e puntuali.

AlexanderFreud
19-06-2006, 12:25:55
Ehm, come ho detto non sono informato di nulla. ( quanto meno per visitarepaesi vicini a noi non mi sono mai informato prima, un po' per pigrizia, un po' per non avere pregiudizii)

Ma suggerireste di scartare Mumbai, e visitare con certezza Delhi, Agra e Varanasi? Considerando circa 20-25 giorni di tempo.
in questo caso il programma potrebbe essere: si arriva a New Delhi, si raggiunge Agra con mezzo di terra (pullman o treno), si prosegue con lo stesso sistema per Varanasi (e magari per Calcutta) e da lì si prende il volo per Delhi oppure direttamente per l'Europa (legiornate di viaggio non sono perse,perché si ha modo di vedere un bel pezzo di India settentrionale, oltre ad essere sicuramente più economico dell'aereo - quanto costa una tratta di 800 km, 15 euro?)

(però a giudicare dalla pianta della città Mumbai dev'essere bellissima...)