PDA

Visualizza Versione Completa :

*NEWS TURISMO*: Rallenta il turismo on-line



Ricky
12-12-2005, 07:00:44
Dopo il boom del 2003 rallenta la crescita dei viaggi prenotati e comprati sul web che dal 40% registrato due anni fa e' passato al 29% del 2004. Questo e' uno dei dati piu' interessanti della quinta edizione del rapporto Online Travel Overview, curato da PhocusWright e considerato tra i piu' attendibili studi del settore. Dal rapporto emerge anche, accanto al rallentamento, una buona salute del mercato turistico on line e in particolare dei colossi che vi operano: Expedia, Sabre, Cendant e Priceline. Negli Stati Uniti queste societa' controllano il 97% del mercato online, in Europa circa la meta' e il 12% di quello totale negli Usa. Per il 2005 sono previste negli Usa prenotazioni di viaggi online per 65,4 miliardi di dollari, pari a circa il 30% dell'intero mercato dei viaggi americano leisure e business individuale. Entro il 2007 questa cifra salira' al 40% di questo segmento, sorpassando i 93,6 miliardi di vendite. Se si include anche il business travel organizzato, questo valore secondo PhocusWright sara' superiore al 50%
Fonte: http://ilgiorno.quotidiano.net

sangiopanza
12-12-2005, 07:54:51
Ma fatemi capire bene: si tratta di rallentamento della crescita? Se è così è il solito inganno "aziendale". E' ovvio che un mercato appena nato abbia degli incrementi notevolissimi, e che poi rallentino, sia perchè si agisce su cifre più grosse ( facile incrementare da 1 a 2, con incremento del 100%, molto meno facile passare con lo stesso 100%, da 100 a 200), sia perchè gli spazi di espansione si riducono. Sono quelle stesse " aziende che prevedono di incrementare del 20% e si fermano al 15, non dicono che hanno incrementato del 15%, ma affermano di aver perso il 5%.
Letto così come è scritto, ad una prima lettura sembrerebbe che il mercato ha perso il 29%. Mentre, leggendo meglio, si deduce che si è avuto un incremento di un ottimo 29% sul già notevolissimo 40% dell'anno precedente.
Quante discussioni in azienda su queste interpretazioni tra noi ed i dirigenti!!!