PDA

Visualizza Versione Completa :

*PAESI D'ITALIA*



Daiana
11-11-2005, 17:10:43
Ragazzi apro questo topic perchè pensavo che ho sempre detto di essere di Roma anche se non è esattissimo perchè la mia cittadina è a 15 km da Roma e si chiama Monterotondo! Ci sono circa 50 mila abitanti, è piuttosto grande e ben organizzata...
In realtà sono sempre a Roma per l'università e gli amici anche se non ci vivo quindi è per questo che ho aperto il topic...
Pensavo che anche molti tra voi vivono in piccoli paesetti, cittadine, comuni o frazioni che mi piacerebbe conoscere quindi aspetto notizie... :002:

silviaf26
11-11-2005, 17:14:14
:?D?: :021: :)

mi stupisco sempre della relatività: pensa che la città (???!!) di Belluno capoluogo di Provincia fa 35.614 abitanti ...
prova a immaginare quanto grandi possano essere i paesi della provincia di Belluno!!! (il mio è considerato un paese grande ed ha 2.500 abitanti!)

Comunque parlaci un pò del tuo paese!!!

Daiana
11-11-2005, 17:30:46
Monterotondo è un comune molto attivo, ci sono molti servizi quali ogni tipo di scuola, centri commerciali, cinema, ferrovia con treno diretto a Fiumicino aeroporto (che comodità!) e quindi ben collegato con il centro (in 20 minuti sono a Roma Tiburtina) stazione importante a Roma in cui prendo la metro e in 10 minuti sono a Colosseo mia sede naturale visto che la facoltà di ingegneria della sapienza è a san pietro in vincoli!
I paesi intorno sono dipendenti da Monterotondo per via delle scuole e delle attività ricreative dedicate ai giovani quali piscina comunale, palestre, circolo tennis, cinema, negozi, parchi, pub e non per ultimo il treno.
ALLOCAZIONE
E' la "porta" a nord est dell'area metropolitana romana. Poggiata su tre colli (165 m. sul livello del mare) che dominano la valle del Tevere.
Il clima mite favorisce lungo i pendii delle colline la coltivazione di vigneti che producono ottimi vini. Nella Valle del Tevere, tra la Sabina e la traversa del Ponte del Grillo, è situata la zona industriale che ospita, oltre ad imprese locali, anche numerose filiali di grandi aziende nazionali tra cui il centro ENI-Tecnologie.
Poco distante dal centro abitato, nella campagna di Tor Mancina - che, insieme a Vallericca e alla macchia di Gattaceca, forma la cintura verde che circonda la città - è situato l'importante centro studi dell'Istituto Sperimentale per la Zootecnica.

STORIA
L’antenata più antica e nobile dell’odierna Monterotondo fu la città sabina di Eretum, la cui storia risale tanto indietro nel tempo quanto quella di Roma stessa. Citata anche da Virgilio tra le città sabine che presero le armi contro Enea, Eretum è ricordata dagli storici antichi soprattutto come teatro delle lotte tra romani e sabini in età monarchica. A partire dal XIII secolo la storia di Monterotondo si identifica con quella delle nobili famiglie romane che ne ebbero la signoria, e cioè gli Orsini e poi i Barberini. Famiglia tra le più illustri di Roma, gli Orsini accrebbero la propria potenza soprattutto dal momento in cui un membro della famiglia, Giacinto Orsini, salì al soglio pontificio assumendo il nome di Celestino III (1191-98) e poi con il pontificato di Nicolò III, fratello di quel Rinaldo dal quale discendono Orso Orsini e gli Orsini di Monteroto. Il momento più glorioso per il ramo eretino coincise però col matrimonio di Clarice Orsini con un grande protagonista del Rinascimento, Lorenzo il Magnifico (1468 ).
Tra la fine del Cinquecento e gli inizi del Seicento la famiglia Orsini conobbe un periodo di difficoltà e fu costretta a cedere il feudo ai Barberini, che ottennero l’elevazione di Monterotondo a ducato, avviando al contempo una serie di trasformazioni urbanistiche: l’edificazione della nuova chiesa di S. Maria Maddalena (il Duomo) e la creazione dell’asse che collega Piazza del Popolo a Piazza del Duomo. Successivamente Monterotondo venne acquistato dalla famiglia genovese dei Grillo e poi, nel 1814, dai Boncompagni.

ARTE
Nel centro storico di Monterotondo sono facilmente distinguibili le fasi della sua edificazione: quella medievale, in cui il tessuto urbano segue la natura del terreno e gli edifici tendono a ruotare lungo il pendio del Monte della Ginestra, e quella rinascimentale (vedi via Cavour), in cui il tracciato non è più il frutto di una successione casuale di edifici ma di un progetto razionale.
La Rocca, oggi Palazzo Comunale, venne adattata da Franciotto Orsini (nel Cinquecento, sotto il pontificato del cugino Leone X), al gusto rinascimentale. Di notevole interesse il portale che orna l’ingresso del castello e il vaso della cisterna in un piccolo cortile interno con stemma papale mediceo e stemma Orsini prelatizio. Dal grande cortile circondato da colonne ottagonali, attraverso la Scala Reale, si giunge al piano nobile decorato nel Cinquecento. Le stanze intatte sono solo quattro: di notevole importanza nella Seconda Sala gli affreschi di Girolamo Siciolante da Sermoneta, che rappresentano episodi del mito di Adone alternati a figure di divinità ispirate a tipologie raffaellesche. Nella Terza Sala, affrescata nel 1581 da Paul Bril, è visibile una preziosa veduta di Monterotondo, inserita tra paesaggi e scene di caccia. L’ultima stanza, decorata per volontà dei Barberini alla fine del Seicento, presenta un soffitto a botte decorato con un affresco in cui compaiono Amore, Tempo, Ore e Fama, forse opera di Giacinto Calandrucci.
Nel Centro storico, poco distante dal castello, si trova la seicentesca Chiesa di S. Maria Maddalena, con all’interno tele di C. Maratta e G. Crescenzi e un bel soffitto di D. Pistrini. Nella Chiesa di S. Maria delle Grazie troviamo uno dei monumenti più belli del Quattrocento laziale, eretto in onore di Giordano Orsini dal fratello, il Cardinale Battista Orsini.

FOLKLORE
Quella di S. Antonio Abate è la più tradizionale festività eretina: organizzata dalla Pia Unione, si svolge la domenica più vicina alla festa del Santo vera e propria, il 17 gennaio. Il Carnevale eretino vive il suo clou l’ultima domenica prima del martedì grasso, con la sfilata dei gruppi mascherati per le vie cittadine. La prima domenica di maggio si svolge la festa dei Santi patroni Filippo e Giacomo, organizzata dalla parrocchia Santa Maria Maddalena e dalla Pro Loco, che prevede, oltre al programma religioso, diverse manifestazioni di piazza e sportive. La Sagra della Fava e Pecorino, nel fine settimana intorno al 10 maggio nel rione Borgonovo, offre l’occasione di assaggiare tra musica e balli, questa fantastica accoppiata, gioia del palato. La terza domenica di giugno, nella parrocchia di S. Maria delle Grazie, festa di S. Antonio da Padova, con processione della statua del Santo su un baldacchino ricoperto di gigli bianchi. Il sabato più vicino al 24 giugno (festa di San Giovanni), tradizionale Ciummacata nelle maggiori piazze di Monterotondo: lunghe e festose tavolate ospitano il “rito” della cena comunitaria all’aperto, in cui le lumache, cucinate in bianco e in umido, costituiscono il piatto principale. Nella prima metà di luglio, in Piazza Togliatti, Sagra della Panzanella, musica, divertimento e degustazione gratuita. Luglio è anche il mese dell’Estate Eretina, prestigiosa rassegna di danza, cinema, musica e teatro nata all’inizio degli anni ‘80. Al rientro dalle vacanze, nel fine settimana più vicino alla festività del Santo (13 settembre), ecco la Festa di San Gabriele, organizzata dalla parrocchia di Gesù Operaio. Intorno al 29 settembre, appuntamento con la Festa di S. Michele, consueto saluto all’estate per gli abitanti dello Scalo: interessanti programmi sportivi e spettacolari fanno da contorno agli intensi momenti liturgici della parrocchia S. Maria del Carmine. Chiude il programma annuale delle festività monterotondesi la Festa di S. Francesco (intorno al 4 ottobre), organizzata dai padri del Convento dei Cappuccini e dalla Gioventù Francescana, significativo momento di riflessione e spiritualità. Ogni seconda domenica del mese infine, per tutto l’anno tranne ad agosto, in piazza del Duomo, via Cavour, piazza del Popolo e piazza della Repubblica la Confesercenti locale organizza “L’Isola nel tempo”, mostra mercato d’antiquariato, mobili ed oggettistica d’epoca, modernariato, collezionismo, rigatteria ed artigianato.

leander
11-11-2005, 18:03:04
Bel Topic!
Però lo spostiamo sul canale Italia e lo classifichiamo Importante, così "sta su" e diventa un topic "di servizio".
Dico bene o dico bene? :?D?: :?D?:

Stefy66
11-11-2005, 19:11:54
direi che.... :021: dici benissimo

Francois
11-11-2005, 21:18:57
Bellissima idea... ora parlo dle mio paese... e volete info particolari a riguardo fatemi delle domande....

Il mio paese si chiama Santeramo in Colle ed è in provincia di Bari anche se dista ben 39 km. da Bari e solo 20 km. da Matera. Si trova ad un'altitudine di 514 m.s.l.m. ed è il più alto comune della provincia barese, ha circa 27000 abitanti ed è classificato da queste parti paese di media grandezza. Il paese è dotato di parecchi servizi: ospedale, scuole dalle materne alle superiori (come superiori ci sono ITC e IPSIA), stazione (linea ferroviaria Gioia del Colle - Melfi), grosso numero di autobus per Bari, Taranto (56 km.), Matera, Monopoli (58 km.), Gravina (30 km.). Climaticamente subisce un clima tipico dell'alta collina nelle aree mediterranee.... estati che vanno da fine maggio a fine settembre con temperature fino a 40-42 gradi... autunni freschi e umidi con sovente formazione di nebbie, primavere miti e inverno rigido con temperature che arrivano fino a -2 o -3 e nevicate abbondanti specie nella fine di gennaio o inizio febbraio. Storicamente Santeramo nasce nel XVI secolo, da un insediamento di pastori.... non so cosa aggiungere se siete interessati http://www.santeramo.it oppure http://www.comune.santeramo.ba.it oppure fatemi direttamente delle domande ;)

occhidigatto
11-11-2005, 21:34:56
:006:

Francois
11-11-2005, 21:43:01
:002: Okki ma i dati li hai presi da Internet o sei un'anagrafe vivente? :002: ;) Scherzo :)

occhidigatto
11-11-2005, 21:44:58
Entrambe le cose.... :002: cmq li ho presi dal sito del mio Comune, ma sono dati che conosco bene anche x lavoro.

Francois
11-11-2005, 21:46:04
Allora credo che anche sul sito del mio comune ci siano... ora però non vado a controllare ho altri siti da esplorare sul web... ;)

Ninni77
11-11-2005, 22:48:46
Io vivo a Nepi, che sulle guide è classificata come "ridente cittadina del viterbese"... in pratica siamo tutti così :002: !!!
Ha circa 9.000 abitanti e si sta bene, c'è l'acqua BONA :005: , la esportiamo fino in America :013:
Non conosco molti dati tecnici, ma poi mi informo e vi faccio sapere ;)

P.S. Daiana devo chiederti una cosa in pvt :)

Daiana
12-11-2005, 14:13:56
Nepi??????????? Bevo acqua di Nepi da quando sono nata praticamente me la portano direttamente a casa in vetro...che bello!
Chiedimi quello che vuoi....

Ninni77
13-11-2005, 19:25:31
Saremo rimaste le uniche due famiglie del Lazio che la bevono ancora in bottiglie di vetro! Sono fiera di te ;)

Volevo chiederti se conosci un ragazzo che si chiama Joni... chiedo troppo forse???
Baci :)

Daiana
13-11-2005, 21:33:56
No non lo conosco...cmq qui ci sono molte persone che bevono l'acqua in vetro pensa che c'è una ditta che si occupa proprio di portare l'acqua di nepi a casa delle persone....

Ninni77
13-11-2005, 21:42:07
Sono contenta che ti piaccia :) E' una sorta di orgoglio!
Io vivo proprio vicino alle fonti, sono a metà strada tra casa mia e la clinica dove lavoro ;)

stefikit
02-05-2006, 17:17:36
Benvenuti nelle Marche, "L'Italia in una Regione". E benvenuti ad Urbisaglia, nel cuore delle Marche. Le Marche sono una regione tutta da scoprire, con ricchezze artistiche, storiche, naturali, paesaggistiche: Urbisaglia è uno dei tanti piccoli scrigni che la arricchiscono. A un passo dal mare (la riviera adriatica), a un passo dalla montagna (il Parco Naturale dei Monti Sibillini), circondata da splendide colline, Urbisaglia è un piccolo prezioso gioiello medievale che riserva tesori che vanno dall'Impero Romano al Medioevo ai giorni nostri (il comune è stato insignito anche con la Bandiera Arancione) Per un soggiorno affascinante, romantico, inaspettato.

Per mangiare e dormire, Locanda Le Logge:
www.locandalelogge.it (http://www.locandalelogge.it)

ciao Ste

leander
02-05-2006, 17:57:42
Ahi ahi ahi, Stefano...
Non è opportuno pubblicizzare la propria attività in un canale del Forum non destinato a fini commerciali ma solo a segnalare borghi interessanti. Lo hai già fatto (correttamente) nel canale ANNUNCI, ti preghiamo di non ripeterlo altre volte.
Come spiegato nelle REGOLE GENERALI - REGOLE DI PROMOZIONE nel canale "...per non sbagliare!", accettiamo l'annuncio (GRATUITO) del proprio esercizio, ma UNA SOLA VOLTA nell'apposito canale.
Grazie!

stefikit
04-05-2006, 19:16:41
Ciao,

Non è opportuno pubblicizzare la propria attività in un canale del Forum non destinato a fini commerciali ma solo a segnalare borghi interessanti.

Vabbè, diciamo che nella segnalazione doverosa di un borgo interessante, ho reputato interessante segnalare anche un'interessante opportunità di soggiorno...
;)

Stavolta segnalo un altro sito:
www.urbisaglia.com (http://www.urbisaglia.com)

ciao![/b]

leander
05-05-2006, 08:39:07
Vabbè, diciamo che nella segnalazione doverosa di un borgo interessante, ho reputato interessante segnalare anche un'interessante opportunità di soggiorno...[/b]

...che, casualmente è anche la tua, già segnalata nel canale giusto.
Da', fai il bravo, OK?

Ninni77
05-05-2006, 10:18:19
Ma come fai ad essere così paziente? :015:

leander
05-05-2006, 14:38:07
Ma come fai ad essere così paziente? :015:

Facciamo cambio, tu vieni qui e io vengo in clinica a fare le notti? :027: :027:
Ciao Dani! :025:

stefikit
05-05-2006, 14:55:26
Da', fai il bravo, OK?

Ok farò il bravo.
Però non posso non scrivere un link ad un altro carinissimo paese marchigiano (è a più di 100 kilometri da casa mia quindi stavolta sono inattaccabile :) )
http://www.comune.san-leo.ps.it/

ciao

Ste

leander
05-05-2006, 15:30:21
Così va bene, è lo spirito giusto di questo topic!

secco
05-05-2006, 15:43:15
CENSURA POPOLARE

ocio...... ;)

occhidigatto
05-05-2006, 15:52:59
La peppa! Ho provato... :013:
Io ho cancellato tutto, ma anche tu ora devi modificare il messaggio sopra, hai riportato a galla il mio post ;)

occhidigatto
05-05-2006, 16:06:46
Perfetto e GRAZIE! :025:

secco
05-05-2006, 17:01:34
Perfetto e GRAZIE! :025:

oddio potrei sempre ricattarti!!!! :027:

occhidigatto
05-05-2006, 17:03:36
:103:

Ninni77
05-05-2006, 22:01:04
Ma come fai ad essere così paziente? :015:

Facciamo cambio, tu vieni qui e io vengo in clinica a fare le notti? :027: :027:
Ciao Dani! :025:

Ci sto ;)

paolas
18-06-2006, 22:12:28
ciao daiana ,sei di monterotondo! io lavoro a monterotondo.! e c'è un detto che gira nel suo circondario. posso scrivrlo? :021: :021: :021:

Daiana
19-06-2006, 11:35:45
Davvero????????
Che bello! Dove lavori? Meglio se me lo dici in privato...qual è il detto quello che riguarda l'amicizia.... :015:

paolas
19-06-2006, 18:31:41
hai colpito......

don juan
07-07-2006, 15:44:46
http://www.comunedifortunago.it

vi segnalo questo paesino, borghetto rimesso a posto con un restauro fortemente conservativo (io non ci capisco molto, ma mia sorella architetto restauratore è rimasta molto colpita...ed effettivamente il colpo d'occhio è ottimo)..

la zona è ottima dal punto di vista enogastronomico e dal punto di vista paesaggistico si difende alquanto...peccato solo per le zanzare in questo periodo...
e poi è vicino a casa mia :)

claire81
30-08-2006, 18:25:31
confermo la bellezza di fortunago, si mangia benissimo, il paesaggio collinare è splendido, io ci abito a un quarto d'ora di distanza e segnalo il melo rosso, una location a dir poco sensazionale per un agriturismo delizioso. guardate il sito internet!

http://www.ilmelorosso.it

terryble
01-09-2006, 16:34:42
Io ho abitato per molti anni a Vigonza in provincia di Padova, e da poco più di 3 abito a Perarolo, frazione di Vigonza.

Superficie 33,5 Kmq
Abitanti 21.000
Altitudine 10 m. slm

Vigonza è oggi il capoluogo di un popoloso Comune, alle porte di Padova, cui fanno capo numerose frazioni e località dalle radici millenarie.
Quest’area fu abitata fin dai tempi dei veneti antichi e venne compresa in quella grande opera di architettura ed ingegneria denominata “graticolato romano”, forse già precedentemente rispetto all’età romana.
Si ritiene che le origini del paese si debbano ai longobardi quando, nel 602, incendiarono Padova e si impadronirono dell’agro patavino.
Il Medioevo inghirlanda il territorio vigontino di castelli, veri centri di potere per feudatari ricchi e potenti quali le famiglie dei “Da Vigonza, Da Peraga e Dei Dalesmanini”.
Nel 1405 con il dominio della “Serenissima” Repubblica di Venezia, si insediarono numerose famiglie nobiliari che possedevano beni nel territorio di Vigonza ancora fino ai primi dell’800 come i Donà, i Pisani, i Badoer e i Soranzo.
Nell’epoca veneziana vennero costruite superbe ville, abitazioni private di patrizi veneziani e di nobili padovani.
Nel rettilineo di Via Caltana, a ridosso di S. Andrea di Campodarsego, troviamo l’antica località di Codivernarolo, già ricordata negli statuti del Comune di Padova, nel XIII secolo. Qui sorgeva il sontuoso castello legato alle medievali vicende della feudataria Speronella Dalesmanini e di suo figlio Jacopo da S. Andrea, personaggio menzionato nel canto XIII dell’inferno dantesco.
Attraversato il ponte sul fiume in Via Campolino, arriviamo a Codiverno, l’antica “Corte di Inverno”, posta tra le due tergole, ciòè tra i due rami del suggestivo fiume Tergola, in cui si può ammirare il cinquecentesco “Palazzo Frigimelica, che lo storico Andrea Gloria attribuisce al Sansovino.
L’edificio più importante del paese è il “Castello dei Da Peraga” acquistato nel 1985 dal Comune, che occupa il luogo dove un tempo sorgeva la fortezza dei “Peraga”. Dell’esistenza di un castello a Peraga si ha notizia dal 1258, fu quasi completamente distrutto nel 1319 da Jacopo da Carrara; gli abitanti e le carte topografiche hanno sempre indicato il luogo come “Il Castello”.
Dalla nobile famiglia dei Da Peraga uscirono personaggi illustri, dei quali il più celebre fu Bonaventura (1332-1388), teologo Cardinale agostiniano.
Per Via Prati si eleva “l’obelisco” eretto dal Comune di Vigonza in ricordo dell’incontro fra il Re D’Italia Vittorio Emanuele II e l’Imperatore d’Austria Francesco Giuseppe. L’incontro si svolge in questa zona detta dei Prati il 6 aprile 1875. I due sovrani festeggiarono la loro ritrovata pace dopo le guerre di indipendenza fra una folla festante. Fu l’occasione della prima grande rivista militare del nuovo esercito italiano. Sfilarono nel complesso 17.000 uomini.

Aggiungo che dista 4 Km ca. dall'inizio della bellissima Riviera del Brenta che porta a Venezia.

Accipicchia, ho appreso cose che prima non sapevo nemmeno io.
Visto che serve questo forum!

Daiana
01-09-2006, 16:42:34
Avevi dubbi che servisse? :002: :002:

terryble
01-09-2006, 16:57:32
Ha', spiritosa!
Ma per quanto riguarda conoscere il mio di paese, qlc dubbio lo nutrivo. Dopo tanti anni non pensavo che certe cose fossero così ben nascoste, eppure l'ho girato in lungo e largo.

sangiopanza
01-09-2006, 18:03:26
La Riviera del Brenta: una delle strade, d'asfalto o d'acqua che sia, più interessanti d'Italia. Terry_ble, perchè non ne scrivi un diario?

terryble
04-09-2006, 14:45:40
Perchè dovrei prima girarmela per bene e prendere appunti. E' bellissima ma ptp, aldilà del paesaggio lungo il fiume che è meraviglioso, la maggior parte delle ville non è visitabile.
Ma prima o poi mi metterò di buona lena e vedo se riesco a farvi avere qcs.
Proprio sabato mi era venuta l'idea di andare a visitare Villa Pisani, che da quando hanno aperto le visite anche all'interno non ci sono più andata. Ed sono la bellezza di molti, molti anni. Che vergogna!

terryble
04-09-2006, 14:47:51
Correggo quell'errore di ortografia dell'"Ed" con una "E" semplice, avevo iniziato a scrivere qlcs altro.

sangiopanza
22-09-2007, 19:28:44
DOZZA-
Si è già scritto di Dozza in un topic dedicato alla Biennale del muro dipinto che si era svolta nel 2005.
Oggi, ad una settimana dallo svolgimento dell'edizione 2007, mi ci sono recato, dopo che era in progetto da qualche tempo.
Borgo minuscolo, dominato da una rocca, che vale la pena visitare, sia per gli ambienti che per la struttura (ingresso intero 5 euro, scontato 3 euro per ragazzi ed over 65, 4 euro per soci TCI e COOP), ha due ingressi: uno dalla parte posteriore del castello, l'altro esattamente dalla parte opposta, attraverso una porta nelle mura.
Il borgo si gira molto facilmente, in quanto è formato da due strade parallele, che poi si congiungono in una bella piazzetta (Montmartre!!!) subito dopo la porta. Entrambe le strade, una secondaria con sole abitazioni, e la principale con portici, la piazza del Municipio e qualche bottega, hanno la caratteristica di avere alle pareti murales, dipinti da artisti che, invitati dal Comune, a settembre degli anni dispari si trovano per affrescare i muri appositamente preparati delle abitazioni. Eccellente la qualità dei soggetti, dell'esecuzione, dei colori delle opere.
Abbiamo pranzato sotto i portici nella Piccola Osteria del Borgo, locale caratteristico che conserva, almeno in parte, l'atmosfera di una vecchia osteria, con, in più, l'esposizione alle pareti di alcune opere d'arte.
Non amplissima la scelta, ma le tagliatelle fatte in casa con prosciutto e burro ed i taglieri di salumi e formaggi, sono sicuramente buoni. In più non credo di aver mai mangiato prima una piadina che, come questa, non mi stancasse le mascelle nella masticazione. Un gradevole vino sfuso (Sangiovese tagliato con Barbera) ha innaffiato il tutto, concluso con una porzione di spuma di ricotta ai fichi caramellati. Eccellente. Ed anche il caffè ara superiore alla media di quelli serviti nei ristoranti. Totale, per una porzione di ciascuno dei piatti nominati, e tre caffè, 38,70€.

http://www.osteriadozza.it/ita/osteriad ... steria.htm (http://www.osteriadozza.it/ita/osteriadozza_acc_osteria.htm)

http://www.borghitalia.it/html/borgo_it ... _borgo=954 (http://www.borghitalia.it/html/borgo_it.php?codice_borgo=954)

barrbara
22-09-2007, 20:22:53
Qualche foto, sangio? :)

sangiopanza
23-09-2007, 09:34:42
Volentieri, ma mi servo di una vecchia analogica, per cui dovete avere la pazienza di aspettare che finisca il rullino e lo sviluppi. E che poi mi riesca, cosa che mi era fallita finora, di inserirle nel topic.

barrbara
23-09-2007, 09:49:57
OK, aspettiamo. ;)

sangiopanza
23-09-2007, 10:17:14
Lugo di Romagna.
Richiedendo la visita di Dozza non più di un paio d'ore, castello compreso, al ritorno ci siamo indirizzati a Lugo di Romagna, più una cittadina che un vero paese, città di Francesco Baracca e del Cavallino Rampante. Ci siamo fermati a vedere l'ampia piazza centrale, con la rocca ben conservata, che però all'interno ospita gli uffici comunali, il grandioso monumento a Francesco Baracca ed il Pavaglione di fronte alla rocca. Questo è un edificio di 130 metri per 80,, che all'interno contiene un'altra piazza ed è, sempre all'interno tutto porticato. Qui, un tempo, si svolgeva il mercato dei bachi da seta, da cui il nome (papilo in latino). Numerosi i negozi di vario tipo, che segnalo per le interessanti insegne in vecchio stile.

mindoro
23-09-2007, 11:43:24
molto interessante :010:

poochie76
24-09-2007, 08:44:23
Ci son passata giusto 1 settimana fa, Sangio ;)
Ero in visita a Longiano, perla dell'entroterra :022:

anto19_70
24-09-2007, 16:51:12
Longiano è meravigliosa!!! :026:

poochie76
24-09-2007, 17:05:46
L'ho potuta gustare solo per 1 weekend e spero di tornarci al più presto :022:

silviaf26
24-09-2007, 18:01:48
per Dozza potete chiedere a Bea: credo che i murales li conosca a memoria uno ad uno :027:
Comunque confermo: Dozza è piccolo ma graziosissimo borghetto!

mindoro
24-09-2007, 18:30:00
ci devo venire...........................uff a chi mi fa compagnia porto un morellino di scansano
ahahahah

BEA
24-09-2007, 18:55:51
per Dozza potete chiedere a Bea: credo che i murales li conosca a memoria uno ad uno :027:
Comunque confermo: Dozza è piccolo ma graziosissimo borghetto!

In effetti...

anche le pietre del selciato :027:

mindoro
24-09-2007, 19:07:44
ANTISOCIALI... :(

BEA
24-09-2007, 19:19:02
Mindoro, cosa ti metti nelle bombole???

a volte scrivi cose strane :006:

mindoro
24-09-2007, 19:22:33
azoto basta e avanza per ridere ahaahaha

sangiopanza
24-09-2007, 20:33:10
Bea, mi spiace, ma credo che tu sia in arretrato, visto che c'è stato un aggiornamento la settimana scorsa.

sangiopanza
24-09-2007, 20:36:43
Abbazia di Praglia (PD)-
Ai piedi dei Colli Euganei, a 5 km da Abano, c'è questa Abbazia benedettina, immersa nel verde, sorta verso il 1100 e, dopo varie vicissitudini storiche, attiva ancor oggi. Dopo aver visto la chiesa, un frate vi potrà accompagnare, ogni mezz'ora, nella visita del monastero, e che si concluderà, se vorrete, nella bottega di erboristeria dei frati o nella cantina dove potrete acquistare diverse varietà di vini.

BEA
25-09-2007, 08:56:24
Bea, mi spiace, ma credo che tu sia in arretrato, visto che c'è stato un aggiornamento la settimana scorsa.


rispondevo a silvia

ho letto che ci sei stato e a quanto pare i nuovi murales li vedrò tra un mesetto anche se, devo dire, non sono mai stata un'appassionata dei murales, di nessuna edizione. Nessuno che mi abbia mai veramente colpito né entusiasmata.
Penso che Dozza sia carina in sé e che l'operazione "murales" sia più una manovra di marketing che un evento artistico (parere mio, neh?).
E per quanto riguarda il selciato, lo conosco benissimo perchè, essendo lì per lavoro, ho sempre i tacchi alti e rischio puntualmente di ammazzarmi. E quello temo che non sia cambiato :002:

sangiopanza
14-10-2007, 07:57:53
SPERLONGA - Già arrivarci può essere uno spettacolo. Da Nord, volendo, si può percorrere la litoranea tra le dune del Parco Nazionale del Circeo, fiancheggiando la spiaggia di Sabaudia. Da Sud, tra Gaeta e Sperlonga, si amirano panorami spettacolari. Il paese, piccolo, è posizionato su un piccolo promontorio. Lo si visita in pochissimo tempo, percorrendo tra ripide scale e stretti viottoli, gli stretti spazi tra case bianche come quelle che si trovano in Puglia o in Andalusia.
A poche centinaia di metri, al termine della spiaggia sud, la Grotta di Tiberio ospita i resti di un'antica villa romana.

sangiopanza
17-10-2007, 08:52:23
GAETA - Più che un paese penso debba essere considerata una cittadina. Ma è un altro degli infiniti luoghi italiani meritevoli di essere visti. Intanto la, chiamiamola così, curiosità della Montagna Spaccata. Su un promontorio, appena fuori del centro abitato, sorge un Santuario, sorto sul luogo dove leggenda narra che si sia spaccata la roccia quando ci fu il terremoto che accompagnò la morte di Cristo. Infatti una scalinata scavata in una stretta fessura nella roccia, porta ad una terrazza che affaccia sullo sbocco al mare. E, sempre lì, ma da un altro ingresso, si può scendere alla Grotta del Turco, così chiamata perché pare che vi si rifugiassero i Saraceni prima di assalire la città.
Per quanto riguarda il centro, bello il lungomare e, da questo, la vista sulla parte alta dell'abitato. Nel quale va visto il quartiere medievale che, per quanto quasi completamente in restauro, lascia intravedere dei bei particolari architettonici nelle strette viuzze e scalinate che l'attraversano.

tix
19-10-2007, 16:56:05
bella l'Abazzia di Praglia! e la zona lì intorno pure!

io invece vi parlerei di Arquà Petrarca sui Colli Euganei (PD), un paesino medievale di neanche 2000 abitanti, uno dei 'borghi più belli d'Italia' - è bandiera arancione .
è appena finita la 'festa delle giuggiole', frutto tipico.

il nome deriva dal fatto che è disposto ad arco (arcuato) e che ci è morto il Petrarca.

per chi volesse info, ecco il sito del comune:

http://www.arquapetrarca.com

Vivi
19-10-2007, 17:16:46
bellissima Arquà, ci sono stata parecchie volte. :022:

silviaf26
19-10-2007, 17:29:11
anch'io ci sono stata un paio di volte: merita!

sangiopanza
20-10-2007, 15:52:48
SESSA AURUNCA - Anche questo più cittadina che paese, visto che sfiora i 25.000 abitanti. Ma tant'è, poco frequentato dai turisti ne percorso Nord - Sud, dovendo uscire dalla A1 a Capua o Teano, facendo poi qualche chilometro in direzione nord. Ma chi percorra invece la Via Appia, deve solo, pochi chilometri dopo essere entrati in Campania, proveniendo dal Lazio, fare una brevissima deviazione sulla sinistra. In provincia di Caserta, eretta sul bordo dell'antico vulcano di Roccamonfina, lungo la strada che costeggia il centro storico, troverete i resti romani, con un criptoportico ed il teatro, godendo nel contempo di una bella vista sulla pianura fino al mare e su un paio di chiese e monasteri. Il centro è percorso dal corso tracciato lungo l'antico decumano, da cui si può scendere nel quartiere medioevale e visitare l'interessante Duomo del sec. XII.
All'inizio del Corso, nella parte bassa si può mangiare bene a prezzi ragionevoli, all' Antica Dogana, di fianco ad un bellissimo, ma purtroppo abbandonato, chiostro di un antico convento.
Eccellente la frittura di paranza (il mare è a pochi km). 1 primo, 2 fritture, 2 insalate, acqua e 1/2 vino locale, tot: 31 euro. Scontati a 28 in quanto socio TCI.

Pablo68
20-01-2008, 11:03:54
Pescocostanzo {Aq}
Si trova a quota 1450 m.slm, appena sopra l'altipiano delle 5 miglia, a pochi km da Roccaraso e non lontano da Sulmona e Castel di Sangro. E' un borgo di poche migliaia di abitanti che ha avuto origine attorno all'anno 1000. Vi sono 14 chiese, molte oggi sconsacrate e adattate ad abitazione. Per chi ama tutto cio' che e' antico e tranquillo, un viaggio nella storia e nella tradizione abruzzese. Ideale l'inverno per sciare {sopratutto fondo}, meraviglioso e fresco d'estate. La sua stazione ferroviaria e' come altitudine la seconda d'Italia dopo quella del Brennero.
Per chi abita in centro Italia e' una visita da non perdere.
Portate i miei saluti a mia cugina: insegna l'arte del tombolo e abita in via Vulpes. Se le mie parole non sono sufficienti e avete un po' di tempo, scoprite le bellezze di Pescocostanzo tramite il suo sito ufficiale.
http://www.comune.pescocostanzo.aq.it

travellerando
25-01-2008, 16:54:06
VOLTERRA

VisitaVolterra! (http://www.comune.volterra.pi.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/1/)

New Francois
26-01-2008, 14:17:20
Stamattina, su RAI1, ho visto un servizio su un paese che si chiama Moresco ed è nelle marche... è davvero bello! :022: Ho cercato il sito e ho trovato questo link, che propongo: http://www.comune.moresco.fm.it

terryble
17-02-2008, 19:48:21
Abbazia di Praglia (PD)-
Ai piedi dei Colli Euganei, a 5 km da Abano, c'è questa Abbazia benedettina, immersa nel verde, sorta verso il 1100 e, dopo varie vicissitudini storiche, attiva ancor oggi. Dopo aver visto la chiesa, un frate vi potrà accompagnare, ogni mezz'ora, nella visita del monastero, e che si concluderà, se vorrete, nella bottega di erboristeria dei frati o nella cantina dove potrete acquistare diverse varietà di vini.

Oggi son stata qui, per rendere l'idea

http://www.praglia.it/foto2.jpg

ho fatto qlc foto che magari più avanti metterò.
Ma nella visita guidata il frate era più veloce di speedy gonzales :013: non c'era il tempo di ascoltare e vedere. Ci sarebbe voluto un altro giro. :002:
Cmq ho fatto danni pure qua, ho preso una crema alla lavanda e mi hanno regalato delle caramelle al miele ed eucalipto. Tutti prodotti fatti da loro.

sangiopanza
18-02-2008, 07:29:34
Peccato per la guida veloce. Io avevo invece trovato un frate tranquillo, che spiegava con dovizia di particolari (ho saputo da lui da dove deriva il modo di dire: non avere voce in capitolo) e che ha impiegato l'intera mezz'ora a disposizione per farci vedere tutto.

terryble
18-02-2008, 21:07:20
Beh visto che abito non molto lontano ci posso tornare in qualsiasi momento e attendere il turno dell'altro frate :002:
E poi sei prodotti son buoni, bisogna tornare a fare scorta.

terryble
22-02-2008, 23:35:01
Il prodotto che ho preso io, funziona. Poi mi informo sugli altri. Le caramelle sono pure molto buone :005:
Ecco alcune immagini dell'interno. Mi scuso della risoluzione, ma son fatte col telefonino e al volo, visto la speedy guida :027:

Questo è il chiosco che anni fa era orto botanico, dove venivano coltivate le piante per fare creme, unguenti, tisane ecc.

http://immagini.p2pforum.it/images.php/m36262_17022008.jpg

chiosco pensile
http://immagini.p2pforum.it/images.php/m36263_17022008001.jpg

uno dei lavabi fuori del refettorio dove ci si lavava le mani prima di entrare
http://immagini.p2pforum.it/images.php/m36264_17022008002.jpg

il refettorio (però non rende come dal vivo)
http://immagini.p2pforum.it/images.php/m36265_17022008003.jpg

etta
19-07-2008, 14:59:45
una bella notizia per il territorio cremonese: ai 12 borghi di Lombardia si aggiunge il comune di Soncino (CR), uno dei quattro paesi fortificati del territorio con Crema, Pizzighettone, Pandino.
Il riconoscimento ufficiale è avvenuto ieri.

http://www.comune.soncino.cr.it/soncino/storia.aspx" target="_blank

Etta :051:

lucass
12-10-2008, 22:10:53
Ogni comune tratta un po di storia nel proprio sito. Come anche nel mio Taviano(la città dei fiori del Salento).
Se vi scoccia andare sul sito del comune, andate sul mio, li troverete buona parte dei comuni del salento,(ancora non li ho inseriti tutti), :002:
http://www.salentoalmare.com/localita_c ... aviano.asp (http://www.salentoalmare.com/localita_citta_di_taviano.asp)" target="_blank

chiarars
27-03-2009, 17:45:12
Stamattina sono stata al carinissimo e particolare borgo di Dozza (Bo)

http://i273.photobucket.com/albums/jj228/chiararts/IMG_0009.jpg

http://i273.photobucket.com/albums/jj228/chiararts/IMG_0038.jpg

http://i273.photobucket.com/albums/jj228/chiararts/IMG_0063.jpg

http://i273.photobucket.com/albums/jj228/chiararts/IMG_0027.jpg

http://i273.photobucket.com/albums/jj228/chiararts/IMG_0023.jpg

http://i273.photobucket.com/albums/jj228/chiararts/IMG_0047.jpg

http://i273.photobucket.com/albums/jj228/chiararts/IMG_0040.jpg

http://i273.photobucket.com/albums/jj228/chiararts/IMG_0052.jpg

http://i273.photobucket.com/albums/jj228/chiararts/IMG_0056.jpg

http://i273.photobucket.com/albums/jj228/chiararts/IMG_0069.jpg

http://i273.photobucket.com/albums/jj228/chiararts/IMG_0089.jpg

Ninni77
27-03-2009, 19:34:05
Uh che bello! C'è qualcosa di simile anche nel Lazio :077:

chiarars
27-03-2009, 19:58:55
Dai davvero? Appena ti ricordi come si chiama, postalo così ce lo segnamo ;)

Ninni77
27-03-2009, 21:03:00
Sono insicura tra 3 nomi!!! Devo chiedere conferma a Luca, perchè aveva letto un articolo e voleva andarci in Vespa :025:

RobertaMauro
30-03-2009, 15:48:43
Che belle fotografie hai postato Chiara , io adoro quella a bianco e nero , mi piaccino molto le foto a B/N , anche se di difficile esecuzione !

E' propio un bel paesino Dozza , bisogna che ci vada a a fare un giro :067:

Complimenti Chiara :077:

valya
30-03-2009, 17:04:47
belle foto chiara

chiarars
30-03-2009, 17:18:57
Grazie Mauro, Roberta e Vale ;)

simoil4
01-04-2009, 10:45:21
molto particolare!
ma raccontaci un pò di più su qs borgo...

sangiopanza
01-04-2009, 11:11:36
Dozza è uno dei borghi dipinti d'Italia.
Si visita la Rocca, e poi si scende per una delle due strade del borgo, per risalire dall'altra e quindi osservare tutti i murales. Il borgo è davvero piccolo e richiede poco tempo per essere girato. Fatte salve le visite alla Rocca e le soste ai vari dipinti.
Una buona trattoria dove fermarsi a mangiare è la Piccola Osteria del Borgo.

sangiopanza
01-04-2009, 11:14:32
Qui ci sono le mie foto di un paio di anni fa.

http://www.flickr.com/photos/sangiopanz ... 211640906/ (http://www.flickr.com/photos/sangiopanza/sets/72157616211640906/)

ALE-LEO
04-04-2009, 10:30:51
Complimenti a tutti per le vostre foto! Davvero carino Dozza :022:

ale

etta
04-04-2009, 21:21:08
Ieri a Sabbioneta e a Mantova si sono tenute le celebrazioni per la scopertura delle targhe che attestano l'appartenenza di queste 2 località al Patrimonio Universale posto sotto la tutela dell'Unesco.

Etta :077:

chiarars
05-04-2009, 00:56:24
Molto carina Sabbioneta :022:
Ormai è passato un po' di tempo da quando ci sono stata.. Spero di farci un salto presto!

giorgia74
15-05-2009, 22:20:51
Ho vagato in giro un po' per tutto il forum alla ricerca di un posticino per raccontare un semplice fuori programma, e questo mi è sembrato il topic più ideale.
Quando siamo tornati dalla Baviera invece di passare per Innsbruck come abbiamo fatto all'andata abbiamo deciso di passare dal Passo Resia per approdare in Val Venosta.Mentre percorrevamo la strada del ritorno,poco prima di Malles vediamo l'indicazione Glorenza.
R. si illumina dicendomi che si tratta della città più piccola delle Alpi e una delle più piccole d'Europa.Dalla strada principale dista solo un paio di Km per cui decidiamo di fare anche questa piccola deviazione.
Vi posto solo alcune foto di questo piccolo gioiellino.

Una delle tre porte da cui è possibile accedere alla città


http://i302.photobucket.com/albums/nn113/giojo2008/die%20romantische%20strasse/bavieraromantica295.jpg


la chiesetta


http://i302.photobucket.com/albums/nn113/giojo2008/die%20romantische%20strasse/romantischestrasse141.jpg


un'altra porta



http://i302.photobucket.com/albums/nn113/giojo2008/die%20romantische%20strasse/romantischestrasse143.jpg

la piazza


http://i302.photobucket.com/albums/nn113/giojo2008/die%20romantische%20strasse/bavieraromantica296.jpg


http://i302.photobucket.com/albums/nn113/giojo2008/die%20romantische%20strasse/bavieraromantica303.jpg

giorgia74
15-05-2009, 22:24:07
Copio e incollo alcune info su questa piccola città

Il nome

Glurnis, o Glurns, sorta in una zona paludosa, ha dal 1163 un nome d'origine pre-romana o reto-romana (i Reti erano la popolazione autoctona, poi sottomessa dai Romani) che significa "ischia delle avellane", ovvero "golena degli ontani" o "dei noccioli".



La Storia
• 1163, compare per la prima volta il nome di Glurnis. Il borgo ha già un certo rilievo come nodo di traffici tra Austria, Svizzera e Lombardia.
• 1223, i conti di Tirolo estendono il loro dominio all'estremo lembo della Val Venosta (Vinschgau in tedesco) e, per creare un contrappeso a Malles, antica sede di giudizio del vescovo di Coira, insediano un tribunale a Glurns.
• 1294, il duca Mainardo trasferisce qui il mercato di San Bartolomeo e suo figlio, il re Arrigo, nel 1317 rilascia salvacondotti per Bormio e altre città del nord Italia al fine di incrementare il mercato di Glorenza. Quello che era un modesto raggruppamento di case è ormai un borgo fortificato e un luogo di transito e di relazioni commerciali.
• 1304, in una lettera di concessione del duca Ottone, scritta il 30 aprile, si fa preciso riferimento alla "nostra città di Glorenza": si presume pertanto che l'elevazione al rango di città sia avvenuta in questo anno, se non già prima.
• 1332, nella valle viene imposta, nella pesatura delle merci, la "misura di Glorenza", segno dell'importanza assunta dalla cittadina che, grazie ai depositi autorizzati di merci, incassa le imposte di magazzinaggio e di transito, e ha il monopolio del commercio del sale proveniente dalla città tirolese di Hall. A Glorenza giungono mercanti lombardi, trentini, svizzeri, bavaresi: nel periodo più florido del medioevo si contano sei locande e diversi notai.
• 1363, dai conti di Tirolo la città, tramite Margherita Maultasch, passa ai signori di Matsch e ai loro eredi, i conti Trapp, che la tengono fino al 1824.
• 1423, la città ha un proprio rappresentante nella Dieta tirolese che si svolge a Merano e il suo rango la colloca al settimo posto tra le 18 città della contea dei principi di Tirolo.
• 1496, il duca di Milano Ludovico il Moro e il suo alleato, l'imperatore Massimiliano I, si incontrano a Glorenza. è probabile che facesse parte della delegazione milanese anche Leonardo da Vinci.
• 1499, coinvolta nella guerra di Engadina, il 22 maggio viene distrutta dalle truppe elvetiche. Si racconta che Massimiliano I pianse sulle rovine fumanti. La città che vediamo oggi è in gran parte frutto della ricostruzione voluta da Massimiliano e proseguita con Ferdinando I d'Asburgo. Le mura sono ultimate nel 1555 e l'intero complesso di fortificazione nel 1580.
• 1799, il 25 marzo la soldataglia francese penetra nella cittadina sguarnita e si abbandona a ogni genere di violenza: le case e le stalle sono incendiate, le donne stuprate.
• 1855, il 16 giugno le acque del lago della Muta si infrangono violentemente, all'altezza di due metri e mezzo, contro le mura della città. La crisi dei commerci e il trasferimento del tribunale nel 1930 provocano la decadenza di Glorenza, che oggi è riscoperta e risvegliata a nuova vita grazie al turismo.



Il tempo si è fermato nella piccola città amata dall'imperatore

Con i suoi 885 abitanti, Glorenza è una delle più piccole città d'Europa.

Le mura, unica fortificazione cittadina intatta in tutto l'Alto Adige, racchiudono un assetto urbano di cui è ben visibile l'origine medievale, anche se a predominare sono le forme architettoniche del XVI sec.

Dopo la distruzione seguita alla battaglia di Calven (1499), l'architetto militare Jörg Kölderer presentò all'imperatore Massimiliano un progetto di ampliamento della cinta muraria con porte e torrioni semicircolari che richiese lunghi anni di lavori, conclusi solo verso il 1580. Le mura quali ci si presentano oggi, con il cammino di ronda e le 350 feritoie, le sette torri con le cuspidi, le tre porte con le guide e i battenti originali, conferiscono alla cittadina un aspetto tardomedievale.

La Porta di Tubre, eretta probabilmente per uso abitativo, dopo la costruzione delle nuove mura fu utilizzata come porta d'accesso.

L'ex Tribunale fu fatto costruire intorno al 1510 dal titolare della giurisdizione Jörg von Liechtenstein (nella parrocchiale c'è la sua pietra tombale) nel giardino a ovest della torre Flurin.

Castel Glorenza è il nome dato nel '700 a una dimora nobiliare con cortile interno, torre e ala di abitazione, costruita in aggiunta a un bastione medievale preesistente e incorporata nel 1510 nella nuova cinta fortificata.

Splendida con il suo bow-window (Erker in tedesco) e gli interni affrescati, Casa Frölich è una signorile casa d'angolo che prese l'aspetto attuale nel 1570, dopo una lunga appartenenza ai conti di Matsch. La bella meridiana è decorata con gli stemmi di Balthasar Frölich e delle sue due mogli. Il dipinto della facciata posteriore è un'allegoria rinascimentale dei sette peccati capitali, di cui si sono conservati solo la superbia e l'avarizia.

L'edificio adiacente, dal bel portone rinascimentale con i cavallucci marini intrecciati, era un tempo proprietà della Certosa degli Angeli della Val Senales, che possedeva anche un secondo edificio su Piazza Città, al cui posto il cavaliere Reinprecht von Hendl fece costruire nel 1562 la sua residenza cittadina a tre piani che oggi, completamente risanato, ospita l'Albergo Corona.

Altre belle dimore sono Casa Gebhard in via Argento, con le finestre decorate a graffito, e la Hössische Behausung accanto a porta Malles, con il delicato erker sulla facciata esterna.

Al n° 2 dei portici si trova Torre Flurin, che dal 1499 al 1931, insieme con le costruzioni attigue, fu sede del tribunale. La torre ha una lunga storia: nel 1382 fu venduta da Flurin von Thurn, giudice a Glorenza, ai signori di Matsch, e fino al 1950 rimase di proprietà dei loro discendenti, i conti Trapp. Dal 1825 al 1931 ospitò anche il carcere.

Al n° 14 di via Portici c'è la Casa del Balivo, residenza signorile con smerli: da ammirare le belle porte ogivali con cornici in tufo e i soffitti a volta dei tre piani.

Torre Kolben, citata nei registri feudali già nel 1330, fu proprietà di nobili famiglie fino al 1793, quando passò al mugnaio della città.

L'attuale municipio, promosso a residenza nobiliare nel 1604 con il nome di Ansitz Hendlspurg, è un edificio costruito tra il 1573 e il 1591. La Chiesa dell'Ospedale, dedicata alla Madonna, fu edificata tra il 1665-69 dopo l'incendio che nel 1664 distrusse l'antica chiesa dello Spirito Santo.

Appena fuori, oltre l'Adige, è la Chiesa parrocchiale di San Pancrazio, risalente nella forma attuale al tardo XV sec., ma di origine romanica, come testimonia il campanile, cui è stata aggiunta nel 1664 la cupola barocca a cipolla. Sulla parete nord del campanile si ammira un grande affresco raffigurante il Giudizio Universale, un'opera del 1496 influenzata dallo stile di Michael Pacher.

All'esterno delle mura, tra vaste distese di campi coltivati, si trova la chiesa di S. Giacomo al Maso Söles, una costruzione tardogotica del 1570-80 eretta dal Vescovo Principe di Salisburgo Johannes Khuen-Belasi per amicizia verso i locali signori feudali.



Il prodotto del borgo

Un ottimo speck prodotto in loco, un pane di segala chiamato pane di Calva fatto con la farina di farro e le mele della Val Venosta sono i prodotto di Glorenza.



Il piatto del borgo
Il menù di Glorenza è squisitamente tirolese: potrebbe iniziare con un profumato antipasto di speck, formaggi, pane di segale e grano saraceno, seguito da una gustosa minestra contadina oppure dai tipici canederli (knödeln).

I secondi sono a base di carne di maiale o d'agnello con contorno di patate dolcissime.

Completano il pranzo le torte casalinghe ai frutti di bosco, i krapfen ripieni di marmellata e lo strudel.

leander
15-05-2009, 23:29:13
Stupenda Glorenza!
Ci Sono Stato: https://www.cisonostato.it/italia/trenti ... 539/1.html (https://www.cisonostato.it/italia/trentino-alto-adige/3,26,16/viaggi/val-venosta-da-merano-al-passo-resia/539/1.html)" target="_blank

https://www.cisonostato.it/photos/5/539/full/1000539004.jpg
https://www.cisonostato.it/photos/5/539/full/1000539023.jpg
https://www.cisonostato.it/photos/5/539/full/1000539025.jpg
https://www.cisonostato.it/photos/5/539/full/1000539021.jpg
https://www.cisonostato.it/photos/5/539/full/1000539024.jpg

chiarars
16-05-2009, 00:54:37
Bellissima Glorenza.. Ci sono stata nel luglio 2008.. Pur avendo fotografato gli stessi vostri scorci e particolari, è sempre bello rivederla!

ALE-LEO
16-05-2009, 17:26:49
Anche io ci sono passata :022: :022: (era in strata per andare a Livigno)
Ancora oggi mi pento di non essermi fermata. :070:
Vorrà dire che quando tornerò da quelle parti non me la farò mancare ;)

ale

valya
16-05-2009, 17:36:10
sulla strada x livigno?? :-?

ALE-LEO
16-05-2009, 17:45:34
Si, perchè siamo passati dalla Svizzera.
Fino a Bolzano, poi Merano, Val Venosta, Sluderno, GLORENZA, siamo entrati in Svizzera e siamo rientrati in Italia dal tunnel Munt la Schera.
Costeggi il lago e sei a Livigno.

ale

leander
16-05-2009, 17:51:24
Si, perchè siamo passati dalla Svizzera.
Fino a Bolzano, poi Merano, Val Venosta, Sluderno, GLORENZA, siamo entrati in Svizzera e siamo rientrati in Italia dal tunnel Munt la Schera.
Costeggi il lago e sei a Livigno.
Anche a me non quadrava. Poi ho guardato la carta stradale e ho visto che in effetti c'è il tunnel.
Avrei perso una scommessa. :070:

etta
01-12-2009, 10:00:36
l'ennesima conferma che l'Italia è il paese più bello del mondo

http://www.corriere.it/gallery/cronache ... bc.shtml#1 (http://www.corriere.it/gallery/cronache/11-2009/comuni/1/ritratti-citta-italiane_6ec46bc8-dddf-11de-a61b-00144f02aabc.shtml#1)

Etta :051:

anto19_70
01-12-2009, 10:25:30
sono delle foto meravigliose di luoghi altrettanto splendidi :022:

Hakon
01-12-2009, 11:57:35
Anch'io ho fatto questo giro... un po' di tempo fa :)

giorgia74
02-12-2009, 23:20:48
l'ennesima conferma che l'Italia è il paese più bello del mondo

http://www.corriere.it/gallery/cronache ... bc.shtml#1 (http://www.corriere.it/gallery/cronache/11-2009/comuni/1/ritratti-citta-italiane_6ec46bc8-dddf-11de-a61b-00144f02aabc.shtml#1)

Etta :051:

Credo che nessuno di noi avesse alcun dubbio a riguardo :077: .

Myria
02-12-2009, 23:33:17
l'ennesima conferma che l'Italia è il paese più bello del mondo

http://www.corriere.it/gallery/cronache ... bc.shtml#1 (http://www.corriere.it/gallery/cronache/11-2009/comuni/1/ritratti-citta-italiane_6ec46bc8-dddf-11de-a61b-00144f02aabc.shtml#1)

Etta :051:

Foto stupende! :022:

silviaf26
03-12-2009, 09:34:38
che meraviglia! :022:

isotta81
14-12-2009, 16:38:23
sono contenta che abbiano messo Pisa, la cittadella.
a vederla dal vivo è una zona poco valorizzata e sostenuta, ma meriterebbe di più.
Molti turisti, stranieri ma anche italiani, raccontano Pisa come la città della torre e null'altro, ma è tutta da scoprire nella sua vitalità.
provare per credere.

scusate ma ho Pisa nel cuore ;)

naturalmente anche tutte le altre foto sono stupende

valya
14-12-2009, 16:55:27
oddio a pisa non è che sia granchè dai .... dopo mezza giornata lì non si sa più che fare! esagerando una giornata intera se si visitano i musei ...
e parlo per esperienza essendoci andata più volte visto che mio marito lavorava lì ...

isotta81
15-12-2009, 14:28:25
massì..ovvio che Pisa non ha i complessi museali di Roma, oppure la vita notturna di altre città del nord ;)
ma a me piace la sua genuinità e spensieratezza, al di là dei pochi musei che ha (o della fatiscenza degli edifici affrescati..)
in nome della vita provinciale e non super attiva di tante metropoli!
d'altra parte questo forum non credo voglia parlare solo dei posti mega stupendi, ma anche di esperienze di vita sul territorio, in ambienti vicini o lontani; io esprimo un parere totalmente personale che ho voglia di esternare. tutto qui :)

A Pisa, ci soggiorno per qualche giorno al mese, ogni mese, da quasi 4 anni e sin da subito mi sono trovata bene.

valya
15-12-2009, 20:55:08
allora conoscerai il numero 11 ed il montino ;-) boniiiiiiiiiii !

isotta81
16-12-2009, 09:27:50
il numero 11 no.
montino sì ;)
e anche Pancino!

sangiopanza
07-05-2011, 18:02:13
Riprendiamo questo topic, visto che i paesi italiani degni di non essere trascurati, anche se magari con una visita veloce, sono davvero innumerevoli e, spesso, poco conosciuti? Magari si tratta di paesi senza grandi monumenti, ma comunque interessanti per le caratteristiche urbanistiche, o per qualche chiesa particolare, o, insomma, per qualche cosa comunque degna di essere vista.
Ebbene voglio parlarvi un poco di Lanciano, in Abruzzo, dove mi sono fermato una notte durante il percorso per raggiungere la Calabria. Anche se il tempo non era dei migliori, abbiamo potuto vederne il centro storico, non grande, pulito, ordinato, con una bella piazza con la Cattedrale e, vicino ad essa la chiesa di san Francesco, detta del Miracolo Eucaristico dove un sacerdote dubbioso sul fatto che l'Eucarestia rappresentasse davvero il Corpo di Gesù Cristo, vide trasformarsi nelle sue mani l'Ostia Sacra in un pezzo di carne. Per questo fatto Lanciano è meta di turismo religioso. Ma non ne farei una meta solo per questo scopo. Via Fagnani, per esempio, è una strada interessante per la sua struttura ed alcuni palazzi che la fiancheggiano.
Abbiamo dormito in un B&B che probabilmente è il migliore che abbia mai frequentato, centrale, pulitissimo, ampio, ed abbiamo cenato in una trattoria tipica sicuramente di buon rilievo.

leander
07-05-2011, 18:58:55
Potrebbe essere interessante sapere nome e prezzi del B&B e della trattoria. Per chi passasse da quelle parti... :026:

sangiopanza
07-05-2011, 19:50:50
Il B&B ha un nome doppio (uno ad un piano, uno all'altro), rispettivamente "Gli Angeli" e "La giuggiola". Stesso proprietario. Differiscono solo per la presenza a "Gli Angeli" di un'ampia terrazza per la colazione (ed il pranzo, eventualmente, visto che la cucina è a disposizione ed attrezzata per dei piatti semplici). Si trova ad un passo dal centro monumentale ed il prezzo concordato era di 80 euro per camera doppia. Prezzo effettivamente pagato: 75 euro.
La trattoria è "Gli Antichi Sapori" a 300 metri circa, in pieno centro storico, dal B&B. Prezzo orientativo (noi non facciamo mai un pasto completo) intorno ai 25-30 euro. Noi, in quattro, con quattro primi, e due abbondanti antipasti da dividere in quattro, mezzo di vino, una minerale, un amaro, quattro dolcini offerti, abbiamo speso 61 euro.

sangiopanza
08-05-2011, 06:59:33
Correggo: la trattoria è un po' più nuova. Si chiama "Ai vecchi sapori" . Un po' meno che antichi, no? Si trova in una traversa di via Roma, la stessa via della chiesa del Miracolo Eucaristico.

sangiopanza
10-05-2011, 09:30:42
Cirò, provincia di Crotone, ad una quarantina di km verso nord dal capoluogo.
E parlo di Cirò alta e non di Cirò Marina, anonimo centro balneare.
Il paesino e alto su un colle, a circa 8 km di strada all'interno, con vista sullo Jonio.
Come molti paesi della Calabria, non ha monumenti ragguardevoli da visitare, ma è il tessuto urbano, fatto da intricati vicoli e salite e scalinate che è da gustare, insieme alla vivace vita che vi si svolge. Ed ogni tanto si apre la vista su qualche piazzetta su cui si affaccia una chiesa, o si ammira la facciata più imponente delle casette che lo circondano di qualche palazzo nobiliare. Tipo quello, recentemente restaurato, che ospita un museo sulla civiltà contadine e del vino (si parla di Cirò...) e quello recentissimo dedicato a Luigi Lilio, riformatore del calendario Gregoriano. Ma, a parte l'interesse più o meno vivo per il museo, vi consiglio di affacciarvi alle finestre o al terrazzo del secondo piano per ammirare una magnifica vista sui tetti dell'intatto panorama del borgo antico di Cirò.
A Cirò Marina, invece, a circa 4 km dal centro su una strada secondaria parallela alla statale106, seguendo le indicazioni per Punta Alice, potrete vedere una costruzione originale, isolata su un promontorio da cui si gode della vista su Punta Alice, denominata "Mercati Saraceni", costituita da due file prospicienti di arcate coperte che costituiscono delle logge entro le quali si svolgeva il mercato. Il tutto affiancato da una chiesetta. L'interesse maggiore di questa costruzione è la sua ambientazione.

sangiopanza
13-08-2011, 16:09:43
Durante le ultime vacanze, finite martedì scorso, ho visitato, sia durante il viaggio, molti paesi e cittadine più o meno conosciute. Ve ne faccio l'elenco e, se volete sapere qualcosa di più preciso su quello che ho visto e le mie impressioni, fatemelo sapere.
Dunque: viaggio d'andata. Lucera (FG), Altomonte, Lungro, Guardia Piemontese, Amantea (CS)
Soggiorno vicino a Tropea: Tropea, ovviamente, Zungri, Favelloni, Vibo Valentia, Pizzo, Soriano, Serra S.Bruno, Mongiana, Filadelfia (VV - finchè esiste ancora...), Seminara, Palmi (RC), Curinga (CZ).
Ritorno: S.Agata de'Goti (BN), Cetona, Pienza, S.Quirico d'Orcia, Abbazia di Sant'Antimo, Montalcino, Bagno Vignon, Monticchiello (SI). Lucignano, San Giovanni Valdarno (AR)

reietto
14-08-2011, 06:22:59
Ora sono fuori e non ho tempo ma al ritorno mi piacerebbe sapere e vedere qualcosa di questi paesini che hai visitato. ;)

sangiopanza
14-08-2011, 09:26:20
Ora sono fuori e non ho tempo ma al ritorno mi piacerebbe sapere e vedere qualcosa di questi paesini che hai visitato. ;)

Tutti, Reietto?

leander
14-08-2011, 10:08:45
...e magari anche un resoconto! Magari mirato alle regioni del meridione che come sappiamo sono - a torto - spesso trascurate.

sangiopanza
14-08-2011, 10:35:37
Intendi un diario, Leandro?

leander
14-08-2011, 11:46:21
Un diario, yes! :077:

sangiopanza
14-08-2011, 13:32:41
Faremo. Nel frattempo aggiungo all'elenco una cittadina che avevo dimenticato: Troia (FG)

zuppalatte
16-10-2012, 17:33:27
Sono appena tornata da uno splendido inizio settimana trascorso a Stella Cilento, un delizioso paesino della mia provincia (Salerno). Situato a 386 metri dal livello del mare, il suo nome antico era Porcile che poi, per ovvi motivi, fu modificato in quello attuale per la sua vicinanza al monte Stella. Abbiamo soggiornato in un vero e proprio castello, il palazzo Vassallo, bellissimo, incantevole, assolutamente da visitare. Gerardo, il gestore del B&B, ci ha fatto anche da guida nelle sale del castello che racchiude veri e propri tesori come un altare del seicento e delle porte in legno di castagno. Il panorama che si vedeva dalle terrazze e dai torrioni del castello valeva da solo l'intera escursione!!! Naturalmete la cucina è stata all'altezza di tutto il resto: fusilli fatti in casa con cacioricotta, salumi e formaggi tutti rigorosamente a Km 0 e ottimi dolci preparati da Lina!! Un vero e proprio incanto!

http://www.palazzovassallo.it/public/foto1339767424.jpg

http://www.palazzovassallo.it/public/foto1339767466.jpg

zuppalatte
16-10-2012, 17:35:42
Continuo il mio foto racconto:

http://www.palazzovassallo.it/public/foto1339767798.jpg

http://www.palazzovassallo.it/public/foto1339768162.jpg

zuppalatte
16-10-2012, 17:46:36
Foto "appetitose":

Questi sono i fusilli fatti a mano
http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTkiDs4srpq9sWsEv5bmopnfwIunMJ6p RkVesZlDQ9o4WSvt-vn

... questo il formaggio di capra fatto da una vecchina di "soli" 84 anni
http://t2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTM1RiUu1CmQJKNuY7TZ62obr6Fbgw-R9yMUxip7m4qspzvvdnzEQ

... e questa l'ottima torta di mele di Lina
http://t2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcSFNVsn0IMysandAw20ZB2dt8D-T0rFhY6VnPXDPAvaDWMbyvWP3A

leander
16-10-2012, 18:09:00
Ottima idea, resuscitare questo topic! :077:

zuppalatte
17-10-2012, 14:45:37
Questo è il mio paese ,Cava de' Tirreni, "arcobalenato"

http://sphotos-e.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-ash3/c67.0.403.403/p403x403/557599_363610497059917_961147997_n.jpg

zuppalatte
23-10-2012, 17:43:27
Ieri, ho fatto un salto "veloce" a Pizzoferrato (CH) e questi sono i colori del suo bosco...

http://sphotos-a.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-prn1/c67.0.403.403/p403x403/534614_365672996853667_296858966_n.jpg


http://sphotos-d.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc6/c67.0.403.403/p403x403/254392_365673483520285_1455407440_n.jpg

misterpep
13-02-2013, 06:07:07
Buongiorno, chi mi aiuta??? Ho bisogno di qualche buon consiglio per un week end ad inizio marzo. Cercavo qualcosa in campania magari nella zona del salernitano.
Cosa consigliate?

sangiopanza
13-02-2013, 07:50:33
A me è piaciuta molto Sant'Agata de' Goti. Che però è nel beneventano.
Per il salernitano potresti pensare o alla notissima costiera amalfitana ( ma per quella non hai bisogno dei nostri consigli, no?) o al Cilento.

misterpep
13-02-2013, 13:16:04
effettivamente la costiera già ci siamo stati, pensavamo anche noi qualcosa nel cilento...

misterpep
20-02-2013, 06:00:07
fatto! prenotato week end sant'agata sui due golfi...al ritorno ci saranno notizie più dettagliate!

zuppalatte
20-02-2013, 15:17:05
fatto! prenotato week end sant'agata sui due golfi...al ritorno ci saranno notizie più dettagliate!


Da Sant'Agata, se hai tempo e voglia, vai giù, al fiordo di Crapolla.... è spettacolare!

misterpep
20-02-2013, 17:17:56
...ok...segnato!!!...

Rosamb
22-02-2013, 14:13:30
fatto! prenotato week end sant'agata sui due golfi...al ritorno ci saranno notizie più dettagliate!


Da Sant'Agata, se hai tempo e voglia, vai giù, al fiordo di Crapolla.... è spettacolare!
Spettacolare è spettacolare, ma ci vogliono almeno 45 minuti ( partendo da Torca frazione di Sant'Agata) tra sentiero in forte pendenza e circa 400 scalini finali.
Piu' breve ma altrettanto bello è il sentiero che da Temini va a Punta Campanella: mezz'ora di cammino fin quasi a toccare Capri
E poi non perderti le santa Rosa al Bar-pasticceria Fiorentino al centro di Sant'Agata.

misterpep
22-02-2013, 17:30:56
interessante... scusami cosa sono le santa rosa??

Rosamb
22-02-2013, 18:15:11
interessante... scusami cosa sono le santa rosa??

Sono delle sfogliatelle, da non confondere però con le classiche sfogliatelle napoletane che hanno un ripieno di ricotta e grano.
Le sfogliatelle Santa rosa , tipiche di alcune zone della Costiera amalfitana , hanno un ripieno di panna e crema pasticciera ma anche la sfoglia è diversa : appena ti sposti dalla zona d'origine andando verso Napoli spacciano le sfogliatelle napoletane a cui hanno cambiato il ripieno con panna e crema pasticciera per Santa Rosa ma ti assicuro che non è la stessa cosa.

misterpep
22-02-2013, 18:44:11
...uhm ancora più interessante dei 400 gradini da fare... :002:

misterpep
22-02-2013, 18:47:38
...ammetto la mia ignoranza, pur essendo di Napoli, della sfogliatella Santa Rosa...

Rosamb
22-02-2013, 18:52:00
...ammetto la mia ignoranza, pur essendo di Napoli.

We, paisà! :002:
Che zona di Napoli?

zuppalatte
22-02-2013, 20:37:38
"Tra Amalfi e Positano,mmiez’e sciure
nce steva nu convent’e clausura.
Madre Clotilde, suora cuciniera
pregava d’a matina fin’a sera;
ma quanno propio lle veneva‘a voglia
priparava doie strat’e pasta sfoglia.
Uno ‘o metteva ncoppa,e l’ato a sotta,
e po’ lle mbuttunava c’a ricotta,
cu ll’ove, c’a vaniglia e ch’e scurzette.
Eh, tutta chesta robba nce mettette!
Stu dolce era na’ cosa favolosa:
o mettetteno nomme santarosa,
e ‘o vennettene a tutte’e cuntadine
ca zappavan’a terra llà vicine.
A gente ne parlava, e chiane chiane
giungett’e’ recchie d’e napulitane.
Pintauro, ca faceva ‘o cantiniere,
p’ammore sujo fernette pasticciere.
A Toledo nascette ‘a sfogliatella:
senz’amarena era chiù bona e bella!
‘E sfogliatelle frolle, o chelle ricce
da Attanasio, Pintauro o Caflisce,
addò t’e magne, fanno arrecrià.
So’ sempe na delizia, na bontà! "

http://www.agricoltura.regione.campania.it/tipici/tradizionali/santa-rosa.jpg

manumanu
23-02-2013, 14:33:10
http://www.agricoltura.regione.campania.it/tipici/tradizionali/santa-rosa.jpg

un capolavoro!

misterpep
23-02-2013, 16:52:50
We, paisà! :002:
Che zona di Napoli?

sono dei campi flegrei

Ricky
24-02-2013, 07:52:04
Spettacolo la poesia! :077:

misterpep
17-06-2013, 21:51:08
Raccolta di foto di Acciaroli in provincia di Salerno...


https://picasaweb.google.com/111149185918252237482/Acciaroli?authuser=0&authkey=Gv1sRgCMngkNDH9bOJTA&feat=directlink

misterpep
17-06-2013, 21:51:44
Raccolta di foto di Acciaroli in provincia di Salerno...
Paesino costiero che all'inizio degli anni '50 ha ospitato il premio Nobel, Ernest Hemingway


https://picasaweb.google.com/111149185918252237482/Acciaroli?authuser=0&authkey=Gv1sRgCMngkNDH9bOJTA&feat=directlink

sangiopanza
07-07-2013, 08:26:59
Le città principali d'Italia credo di averle viste tutte, perciò, quando mi si presenta l'occasione, cerco di fermarmi in paesi meno conosciuti e frequentati.
Così, nei miei viaggi di trasferimento verso le stagionali vacanze, vado a caccia di luoghi interessanti che in qualche maniera sono sfuggitialle mie visite.
Così, di seguito, vi parlerò dei paesi che ho visto agli inizi di giugno, quando sono sceso per una settimana a Maratea.

sangiopanza
07-07-2013, 08:36:36
Il primo: Alatri. Non è la prima volta che mi fermo nel frusinate, provincia abbastanza trascurata, ma piena di località interessanti, Alatri è una di queste. Quasi 30.000 abitanti, un centro storico di chiara impronta medioevale, con un quartiere popolare, le Piagge, tra vicoli e scalette che salgono verso l'Acropoil. Sì, non siamo ad Atene ma si chiama proprio così, il colle che domina la cittadina e che offre una bella vista sui tetti e sui monti circostanti. L'acropoli è caratterizzata dal fatto di essere delimitata da una cerchia di mura ciclopiche, costruite con massi giganteschi. E sulla sommità sorge anche la Cattedrale. La chiesa di Santo Stefano e Palazzo Conti-Gentili caratterizzano la piazza principale. Sono rimasto colpito dal numero di gallerie d'arte e negozi di oggetti artistici in relazione alla grandezza della cittadina.

sangiopanza
07-07-2013, 08:41:38
Fumone è a pochi chilometri da Alatri. Non si può parlare neanche di paese, ma si tratta di un borgo, dalle caratteristiche case in pietra costruite nei vicoli dove non transitano mezzi a motore. Purtroppo il Duomo è dominato da una inguardabile antenna di trasmissione per i segnali dei cellulari. E, a fianco, sorge il castello dove fu imprigionato dal suo successore e morì Pietro da Morrone, dopo essere tornato ad essere tale in seguito all'abdicazione dal Papato, dove aveva assunto il nome di Celestino V.

sangiopanza
07-07-2013, 08:57:29
Montefiascone sorge su un colle che domina il lago di Bolsena, il cui panorama si osserva dal belvedere ai piedi della Rocca dei Papi, il cui cortile si visita per osservare i reperti di epoche diverse e il residuo della torre rimasta. All'interno, per chi fosse interessato, un piccolo, ma interessante, Museo dell'architettura, ad ingresso gratuito. La cupola della Cattedrale di santa Margherita rende inconfondibile il panorama cittadino di Montefiascone, ed all'interno colpisce per la sua pianta circolare e per le decorazioni della cupola stessa. Altro monumento importante è la chiesa di San Flaviano, fuori dalle mura, costruita su due livelli (quello superiore di scarso interesse) in cui quello inferiore ha le pareti decorate da antichi affreschi ed in un cappella laterale ospita la tomba di Defuk o Johann Defugger, a cui si deve la fama del vino della zona, notissimo come EstEstEst, Per chi non la sapesse, la storia della nascita del nome del vino e della morte di Defuk è questa, secondo la leggenda.
Defuk era un ricco prelato che si recava in pellegrinaggio a Roma (a proposito: Montefiascone è impotante tappa lungo la via Francigena. per ottenere l'indulgenza non era necessario percorrere tutta la via Francigena, ma bastavano gli ultimi 100 km, che partono, appunto, da Montefiascone). Egli si faceva precedere da un fido servitore con il compito di scrivere sul muro delle taverne dove si bevesse del buon vino la parola Est! (C'é!). Fermandosi a Montefiascone il servitore fu tanto entusiasta della qualità del vino da scrivere per ben tre volte la parola. così nacque il nome del vino Est!Est!Est! Entusiasmo tanto condiviso da Defuk che il pellegrinaggio non lo finì mai, anzi, finì lui lì, morendovi, indovinate un po', per cirrosi epatica.

sangiopanza
07-07-2013, 09:03:57
Nell'ultima tappa sulla strada del ritorno a casa, ho rinunciato, tra Firenze e Bologna a percorrere l'autostrada, scegliendo la strada della Futa, tra colline, boschi, paesini di collina e di montagna e centinaia di motociclisti che percorrono questa strada. Passo davanti alla Villa Medicea di Cafaggiolo, che solo pochi giorni dopo viene dichiarata, insieme ad altre, Patrimonio dell'Umanità UNESCO. E per pranzo mi fermo a Monghidoro, primo paese emiliano dopo essere uscito dalla Toscana, noto per essere il paese natale di gianni Morandi. L'interesse non è molto, a parte una graziosa piazzetta nata dall'apertura al pubblico di un antico chiostro di un ex monastero. Probabilmente il paese ha più interesse per chi venga a trascorrere qualche giorno di vacanza al fresco degli Apennini.

leander
07-07-2013, 09:57:50
Sempre interessanti e non banali le proposte di Sangio! :077:

Ricky
07-07-2013, 16:32:01
Sempre interessanti e non banali le proposte di Sangio! :077:

Concordo in pieno