PDA

Visualizza Versione Completa :

materiale fotografico e guardia di finanza



MSG
18-08-2005, 10:37:36
--------------------------------------------------------------------------------
Ciao a tutti,
un consiglio: mi accingo a fare un viaggio alle hawaii della durata di tre settimane. nel viaggio portero' con me la mia macchina fotografica reflex, la mia reflex digitale e tre obiettivi.
tutti miei e comprati (in italia e usa) gli anni scorsi.

devo dichiarare alla finanza con che materiale esco? e se vengo fermato al ritorno come dimostro che il materiale non l'ho comprato nel viaggio?


fatemi sapere cosa dovrei fare

un grazie anticipato.
massimo

leander
18-08-2005, 11:21:16
Anche se non lo fa quasi nessuno, credo che A RIGORE dovrebbe dichiarato.
Non l'ho mai fatto nemmeno io, confidando sul fatto che una macchina utilizzata per parecchi anni ha evidenti segni d'uso, come graffi, piccole scrostature, un po' di polvere negli angoli, ecc. Però anni fa, nonostante questo, a una mia amica di ritorno da un viaggio in Thailandia fu fatta contestazione alla dogana italiana. Dovette farsi fare una dichiarazione dal negoziante (per fortuna suo vecchio amico) di avere acquistato l'attrezzatura presso di lui.
Ti conviene "metterti al vento" e rivolgerti per chiarimenti alla Guardia di Finanza. Anche perché le digitali sono oggi tra gli articoli che all'estero possono essere acquistati a prezzi più convenienti che in Italia, quindi particolarmente messi sotto controllo (vedi anche i recenti giri di vite nelle norme sulle contraffazioni).
Se riesci a ottenere notizie certe, facci sapere. Potrebbe essere utile a tutti.
Ciao!

MSG
18-08-2005, 11:39:11
Anche se non lo fa quasi nessuno, credo che A RIGORE dovrebbe dichiarato.
Non l'ho mai fatto nemmeno io, confidando sul fatto che una macchina utilizzata per parecchi anni ha evidenti segni d'uso, come graffi, piccole scrostature, un po' di polvere negli angoli, ecc. Però anni fa, nonostante questo, a una mia amica di ritorno da un viaggio in Thailandia fu fatta contestazione alla dogana italiana. Dovette farsi fare una dichiarazione dal negoziante (per fortuna suo vecchio amico) di avere acquistato l'attrezzatura presso di lui.
Ti conviene "metterti al vento" e rivolgerti per chiarimenti alla Guardia di Finanza. Anche perché le digitali sono oggi tra gli articoli che all'estero possono essere acquistati a prezzi più convenienti che in Italia, quindi particolarmente messi sotto controllo (vedi anche i recenti giri di vite nelle norme sulle contraffazioni).
Se riesci a ottenere notizie certe, facci sapere. Potrebbe essere utile a tutti.
Ciao!

OK, cerco di indagare ancora.
a presto.

MSG
18-08-2005, 11:55:57
dunque,
ho appena telefonato alla guardia di finanza della malpensa (02.74867620 se vi interessa).
come pensavamo basta avere con se la garanzia e/o lo scontrino di acquisto.

se la macchina e' usurata non ci sono (om meglio non ci dovrebbero essere...) problemi.

Male che vada si dichiara in dogana il materiale prima di partire.....

per me che ho materiale comprato in america e' un po' un casino......


mi sa che non dichiaro un bel niente.....e mi imbosco il materiale "sospetto"....

leander
18-08-2005, 12:12:24
Grazie Massimo!
Sullo scontrino lo sapevo anch'io, però vorrei vedere chi ce l'ha ancora per una macchina comprata 10 anni fa...
E' vero, l'usura DOVREBBE essere la prova più evidente.
Imboscare? E' quello che si fa di solito, se però trovi l'agente annoiato che ti fa aprire i bagagli? Quando tornai dal Canada, persi mezzora per far capire che una bottiglia di sciroppo d'acero non conteneva whisky e che un scatola di "SMOKED salmon" non conteneva sigari (leggendo SMOKED, ti rendi conto? e c'era anche disegnato un salmone! :015: ).
Insomma, ci vuole anche un po' di fortuna. Te la auguro! :006:

MSG
18-08-2005, 12:18:59
si hai ragione. quest'anno tornero' da un volo diretto (NYC-MI) per cui il rischio e' maggiore (gli scorsi anni ho sempre avuto la ventura di partire da londra....).
vebbe' male che vada pago l'iva....tanto in italia e' solo al 20% (!!)

MSG
18-08-2005, 14:30:54
vi allego la risposta che ho avuto vie e-mail dalla guardia di finanza (in 1 ora! incredibile!)

-----------
Egr. Sig.

l'attivazione della casella di posta elettronica (urp@gdf.it) risponde all'esigenza di completare il sistema di comunicazione del Corpo con strumenti di contatto diretto con il cittadino secondo quanto previsto dalla legge 7 giugno 2000, n° 150.



L'Ufficio Centrale Relazioni con il Pubblico La ringrazia pertanto innanzitutto per aver usufruito di tale mezzo di comunicazione il quale ci consente di soddisfare in modo ancor più tempestivo ed esauriente le esigenze rappresentate dagli utenti.



In particolare, in merito alla Sua richiesta di informazioni del 18 u.s., Le rappresentiamo che potrà ottenere le informazioni richieste visionando il sito dell'Agenzia delle Dogane www.agenziadogane.it (http://www.agenziadogane.it) ed in particolare seguendo le istruzioni presenti all'indirizzo http://www.agenziadogane.it/italiano/se ... /index.htm (http://www.agenziadogane.it/italiano/servizi/urp_mail/index.htm)



Ulteriori chiarimenti in merito potranno infine essere richiesti all’Ufficio Centrale Relazioni con il Pubblico anche contattando le utenze telefoniche 0644223726 – 0644222601 – fax 0644223745 (orari: dal lunedì al giovedì dalle ore 10,00 alle ore 13,00 e dalle ore 14,00 alle ore 17,00; il venerdì dalle ore 10,00 alle ore 13,00) che, per dovere di informazione Le segnaliamo essere numeri soggetti alle vigenti tariffe nazionali, oppure rivolgendosi all’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comando Regionale a Lei più vicino il cui recapito telefonico può essere acquisito consultando il sito Internet del Corpo nella sezione “Urp/Urp sul territorio”.



Distinti saluti.
-----------

leander
18-08-2005, 15:04:26
Grazie a Massimo per la segnalazione!
Attenzione: per rendere attivo il secondo link bisogna togliere dall'URL il punto finale (quello dopo htm).

MSG
18-08-2005, 15:43:18
Attenzione: per rendere attivo il secondo link bisogna togliere dall'URL il punto finale (quello dopo htm).
sistemato

leander
18-08-2005, 17:00:42
OK! :002:

MSG
14-02-2006, 10:04:51
solo x aggiornarvi su come era andata a finire: arrivato alla malpensa mi son recato all'ufficio x registare il mio materiale forografico in uscita. uno scazzatissimo ufficiale mi ha riferito che non era necessario perche' materiale gia' in mio possesso (????).
io avevo il volo di li' a breve e ho lasciato xdere. al ritorno, ovviamente, nessun problema......

yberf
14-02-2006, 10:22:55
ma quindi o ti tieni gli scontrini una vita oppure "o la va o la spacca"??? ... che bellezza!

silviaf26
14-02-2006, 10:57:20
a me sembra un caso da Ufficio C.A.S. !!! :027:

MSG
17-02-2006, 08:30:32
ma quindi o ti tieni gli scontrini una vita oppure "o la va o la spacca"??? ... che bellezza!
.......nel mio caso l'ideale sarebbe stato rompere le scatole e pretendere comunque il "foglio di carta" ma quando vado in vacanza non arrivo in aeroporto tre ore prima per lottare con 'sta gente....

................povera italia................

MSG
02-02-2007, 12:30:43
aggiorno il topic inserendo il seguente link:

http://www.agenziadogane.it/wps/wcm/con ... 20doganale (http://www.agenziadogane.it/wps/wcm/connect/ed/Comunicare/Pubblicazioni/carta%20doganale)

dove sono riassunte (nel pdf) le principali norme dispositive