Commenti al diario di viaggio Il tesoro d'Oriente!

in viaggio con Riccardo Guarino in Thailandia
torna alla mappa
....ma perchè per tutti la Tailandia vuol dire Bangkok-Phuket-Samui?!?...abbandonate gli spaghetti ma pure gli itinerari forzati delle agenzie di viaggio!! Mi sembra molto più divertente andare nei posti più assurdi, dove magari ti guardano male se hai un paio di pantaloncini corti o ti salutano in continuazione perchè non sono abituati a vedere l'ombra di un turista, piuttosto che andare al mercato galleggiante a Bangkok che è ormai-e purtroppo- un teatrino messo su per i turisti ( "Lonely Planet" per credere)! ...noi siamo turisti fai da te e l'unico inconveniente è stato l'aver visto cose assolutamente meravigliose!!
Paola
Sono andato in viaggio in Thailandia 2 volte.La prima volta nel settembre 1999 (classico tour Bangkok-Bali); la seconda volta ad aprile 2000 (isola di Phuket). A parte il clima terribilmente umido di Bangkok sono rimasto affascinato da tutto il mondo thai.In special modo dal rispetto che hanno i Thailandesi verso se stessi e gli altri(c'é da dire altresì che vi é presente in thailandia una mafia molto più capillare che da noi) .Mi é piaciuta moltissimo la popolazione aperta e sempre gentile della metropoli Thailandese. A Phuket sono rimasto un po' deluso...la gente era meno cordiale rispetto alla capitale.Le trattative per lo shopping non erano piu' un gioco divertente ma una ossessione quasi pericolosa.Le spiagge ...pensavo un po' meglio (visti i depliants !!!!). Nel giorno della partenza l'hotel ci ha fatto pagare un asciugamano mancante:un fazzolettino 20 x 20 centimetri.Valore 20 bath !!! Ditemi voi uno come fa a dimostrare di non avere in valigia (appena fatte) un simile souvenir prezioso appartenente all'hotel???? E come fa un turista ad accorgersi che le signore delle pulizie ti mettono in camera un ascigamano (minuscolo) in meno??? Vabbé a Phuket non ci ritornerò ma a Bali....sicuramente. Consiglio la vacanza a chi con pochi soldi vuole permettersi hotel e servizi di lusso e di arrivare così lontano dall'Italia.
Silvio
Non è più così vicina al paradiso terrestre quanto lo era in passato, ma resta uno dei paesi più piacevoli e sicuri del mondo. Se non apprezzate le atmosfere "Blade Runner" non fermatevi a lungo a Bangkok, e se lo fate cercate di evitare di muovervi nel traffico tra le ore 16 e le 20.Gli ingorghi sono leggendari!! Meglio approfittarne per una pausa relax. Non perdete Kaosarn road che è un ambiente veramente interessante: un crocevia di stili consacrato allo svagoed alla ricreazione. Meglio di Patpong sicuramente, anche di notte. Provate il Suzie Pub ed il Bangkok bar per atmosfere veramente "avanti"!!! Chi ama il mare ma non impazzisce per le isole, non dovrebbe perdersi Krabi con i suoi scenari mozzafiato!!! Io trovo la Thailandia un paese che offre una straodrdinaria qualità di vita, raramente si rimane delusi! Occhio alle stagioni comunque, da Novembre a Febbraio si gode il meglio, nelle altre stagioni non è raro lamentarsi. . . del resto. . . provate ad andare a Riccione in Gennaio!!!
Claudio
Sono stato in Thailandia per la prima volta nel '96 e ci sono tornato più volte in questi ultimi anni. Ci sono sempre andato per conto mio, con in mano solo il biglietto aereo di ritorno, dollari e poco bagaglio. La Thailandia è molto bella ma forse un po' troppo turistica. Vale sicuramente la pena tralasciare gli itinerari più noti per cercare dei posti "alternativi" dove poter scoprire la vera Thailandia e non "il teatrino" messo in piedi per i turisti. Appena arrivo a Bangkok vado subito verso Kaosan road e la prima cosa che faccio è lo shopping: di solito parto con solo i vestiti che ho addosso e quindi devo provvedere subito all'acquisto di magliette pantaloni ecc..(la qualità è buona ed i prezzi sono molto bassi). E poi subito a fare un bel massaggio. Durante il soggiorno in Thailandia cerco sempre di fare un massaggio al mattino ed uno alla sera. Credo che il massaggio sia uno dei piaceri a cui non ci si deve negare. Lungo la strada ci sono molti posti dove li fanno. Entri, ti lavano i piedi e, vestito come sei ti mettono su un materasso dove un massaggiatore/trice inizia a deliziarti con le sue mani. Nel '99 un'ora costava circa 4 Euro. Ci sono anche posti più raffinati dove sei in una cameretta da solo e non in mezzo alle altre persone, ti danno un pigiamino in cotone al posto dei tuoi vestiti ecc... ma sono molto più cari e meno pittoreschi. Penso di aver scritto anche troppo...... comunque, se ci andate, non evitate i massaggi tailandesi (non confondetevi con quelli per soli uomini che hanno poco a vedere con i massaggi veri e prorpi....).
Juleps
Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Facebook