Settembre in Sardegna!

in viaggio con Claudio_css in Italia
torna alla mappa

“Mai vista una Sardegna così verde, in questo periodo!” Quante volte abbiamo sentito questa frase nel corso della nostra vacanza! Evocherebbe un’immagine del tutto positiva, se non fosse in disaccordo con i “desideri” di una villeggiatura di tipo balneare. Una Sardegna verde e rigogliosa è la conseguenza di tre settimane di tempo instabile, manifestatosi con un continuo alternarsi di pioggia e sole. Nemmeno il periodo della nostra permanenza (dal 6 al 16 settembre) è stato indenne da rovesci di pioggia e da una variabilità che ha in parte disturbato il buon esito della vacanza. Ma, è noto, quest’anno (2002) è stato particolarmente bizzarro, meteorologicamente parlando, e ha giocato brutti scherzi a molti.
Abbiamo scelto Alghero ben consigliati da amici e conoscenti, perché ci è sembrato di dare un valore aggiunto al solo aspetto balneare della vacanza. Ossia, si sa, dal punto di vista della bellezza del mare e delle spiagge è difficile sbagliare, in Sardegna. E allora abbiamo posto la nostra attenzione su una zona in grado di offrire anche molto altro. Di qui la scelta è caduta su Alghero. Alghero è una gradevolissima cittadina, di particolari tradizioni, con un bel centro storico ricco di scorci, stradine, palazzi e chiese antiche, testimonianze di quanto fosse importante sin dai tempi della sua fondazione, da parte dei genovesi nell’ XI secolo, anche se il periodo di maggior splendore lo ha vissuto durante la dominazione aragonese (prima) e spagnola (poi), durata circa 400 anni. Spiccano le belle chiese in stile gotico-catalano, con i caratteristici campanili a pianta ottagonale. Cito S. Francesco, costruita in arenaria, con annesso il bel chiostro. Possenti e ben conservate mura cingono dal porto la città vecchia, interrotte qua e là dalle caratteristiche torri di avvistamento. In cima a questi bastioni, si snoda una piacevolissima passeggiata, dalla quale si gode della vista del mare da una parte, mentre dall’altra s’affacciano i vecchi caseggiati. Questa si è rivelata una scelta alquanto felice siccome, oltre che per i canonici quattro passi del dopo cena, è stata una valida alternativa anche in quei giorni dove, causa capricci del tempo, in spiaggia non si poteva stare. E poi i dintorni, altrettanto ricchi di attrazioni extra balneari.
Da Alghero a San Teodoro

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook